Petroliera saudita attaccata all’uscita dal terminal portuale

Una petroliera è stata attaccata nel Mar Rosso al largo della costa dell'Arabia Saudita.

Secondo Bloomberg , la nave Agrari classe Aframax, in grado di trasportare circa 700mila barili di petrolio, navigando sotto bandiera di Malta, sarebbe stata attaccata all’uscita dal terminal portuale.

Secondo il canale televisivo israeliano Kan, una nave cisterna arrivata il 23 novembre dalla Lituania con un carico di prodotti petroliferi è stata fatta saltare in aria da una mina. La stessa informazione è stata confermata all’Associated Press da una fonte di una delle società di sicurezza private della regione.

Il canale televisivo di stato saudita Al-Ekhbariya TV ha riferito che almeno cinque mine di fabbricazione iraniana piantate dai ribelli yemeniti sono state trovate e disinnescate nel Mar Rosso.
L’armatore della nave, la compagnia greca TMS Tankers, ha affermato che la causa dell’incidente è attualmente sconosciuta, e la nave, che ha ricevuto un buco sopra la linea di galleggiamento, sarà rimorchiata al porto e non rappresenta una minaccia dal punto di vista di una possibile perdita di petrolio.

Lunedì l’Arabia Saudita è stata colpita da un attacco missilistico dallo Yemen. Il serbatoio del carburante della compagnia petrolifera statale del Regno di Saudi Aramco a Jeddah, la seconda città del Paese, è stato danneggiato.
La responsabilità dell’incidente è stata rivendicata dal gruppo Houthi Ansar Allah, che ha minacciato di continuare gli attacchi contro il regno, che dal 2015 conduce una guerra con i ribelli yemeniti come parte di una coalizione internazionale.

Gli attacchi agli impianti petroliferi sono “volti a minare la stabilità delle forniture energetiche mondiali”, ha detto il ministero dell’Energia saudita, aggiungendo che Riyadh resisterebbe agli atti di aggressione.
“C’è sicuramente un aumento degli attacchi dallo Yemen al territorio saudita. Sembra un segnale che non solo nello Stretto di Hormuz e nel Golfo Persico, l’Iran è in grado di superare gli interessi dei sauditi “, ha detto Ayham Kamel, capo degli studi sul Medio Oriente e Nord Africa presso l’Eurasia Group.

Exit mobile version