Petizione a Emma Bonino per salvare Ahmed Ibrahim, condannato a morte per reati di opinione in Libia

46721 PD : ACCORDO CON I RADICALI
Rilancio volentieri l’invito di Sibialiria perchè si tenti di evitare la condanna a morte dell’ex-ministro dell’istruzione libico Ahmed Ibrahim. L’ex ministro è colpevole solo di essere stato ‘dalle parte sbagliata’, quella dei vinti. Come lui tanti sono stati uccisi solo per vendetta e per evitare un’opposizione. Si tratta di limitare, per quanto possibile, i danni che abbiamo causato il Libia, dove non è certo meglio di prima ma assai peggio per la popolazione. Oggi non c’è nessuna traccia  di quelle conquiste democratiche per cui si è giustificata la distruzione di intere città (con il determinante contributo occidentale), ne si sta andando in quella direzione.
Vietato Parlare
8 agosto 2013
Il 31 luglio, la Corte di Appello di Misurata ha condannato a morte Ahmed Ibrahim, con l’imputazione “di avere incitato alla discordia e di aver minato la sicurezza dello stato libico durante il conflitto“. Una accusa surreale considerando che Ahmed Ibrahim, già ministro dell’educazione  della Jamahiriya libica, e all’epoca direttore del Centro per il libro verde, come milioni di altri suoi connazionali, si era limitato ad esprimere il suo appoggio a favore del governo allora in carica.
Questa di Ibrahim (che dovrebbe essere assassinato entro pochi giorni) è solo l’ultima di una serie di condanne a morte Libia (non ultima, quella del figlio di Gheddafi, Saif) e di esecuzioni sommarie che, sotto gli occhi dei paesi NATO, stanno insanguinando la Libia dal giorno della sua “liberazione”. Una “liberazione” che si è tradotta in innumerevoli detenzioni arbitrarie, torture, omicidi di massa, spoliazioni, pogrom (come quelli contro i “neri” di  Tawergha)… e che ha gettato la Libia in un orrore che non aveva mai conosciuto.
Il governo Berlusconi, che pure aveva ricevuto con tutti gli onori Gheddafi, considerato da Napolitano “il migliore amico dell’Italia”, non ha avuto nessuna remora, nel 2011, ad accodarsi paesi NATO e seppellire sotto un diluvio di bombe la Libia. Il governo Monti ha continuato la distruzione di questa nazione (dalla quale sono scappati dal 2011 almeno un milione di persone) chiudendo gli occhi sui crimini che i “ribelli”, foraggiati e armati dai nostri servizi di sicurezza, andavano compiendo. Il governo Letta ha recentemente accettato il ruolo di “cane da guardia” imposto da Obama e che comporterà l’invio di altri militari italiani in Libia.
Non abbiamo, quindi, alcuna fiducia in questi governanti.
Ma considerato che al Ministero degli Esteri siede oggi Emma Bonino che si è sempre presentata come “paladina dei diritti umani” e contraria alla pena di morte vi chiediamo di firmare il breve appello sotto riportato e di spedirlo all’indirizzo mail;  ministero.affariesteri@cert.esteri.it
questo il testo che vi invito a mandare all’on Emma Bonino:
Al ministro degli Esteri, Emma Bonino  ministero.affariesteri@cert.esteri.it
 Oggetto: NO pena di morte in Libia
Il 31 luglio, la Corte di Appello di Misurata ha condannato a morte (l’esecuzione è prevista a giorni) Ahmed Ibrahim, per un mero delitto di opinione, e cioè per  “ avere incitato alla discordia e di aver minato la sicurezza dello stato libico durante il conflitto“. Questa condanna a morte si va ad aggiungere alle tante altre condanne a morte che gli attuali governanti della Libia, messi al potere e ancora oggi sostenuti dal governo italiano, stanno comminando, nel silenzio del governo italiano.
L’abbiamo vista per decenni mobilitarsi contro la pena di morte e per il rispetto dei diritti umani. Pertanto, la invitiamo a chiedere ai governanti libici di non applicare la pena di morte per Ahmed Ibrahim e per i tanti altri condannati a questa, oggi segregati nelle prigioni libiche.
Exit mobile version