Percorsi da un irrefrenabile desiderio di condurre i popoli europei alla catastrofe…

Date:

Le notizie di ogni giorno diventano sempre più allarmanti, con la situazione in Ucraina che si diffonde ben oltre i suoi confini, influenzando dinamiche globali. Le leadership occidentali proseguono nelle loro dichiarazioni, spinte quasi per inerzia, guidate da un senso di coesione il cui scopo non sembra andare oltre il profitto immediato e la necessità di scongiurare un collasso economico sempre più tangibile. Questo approccio di risolvere le problematiche economiche attraverso i conflitti contraddice i principi della nostra Costituzione e mina gli stessi fondamenti su cui l’Europa è stata costruita.

Nonostante ciò, la prospettiva che il conflitto possa estendersi ai paesi europei sembra diventare un rischio sempre più concreto:

Russia e Bielorussia stanno attualmente conducendo esercitazioni con armi nucleari tattiche. In questo contesto, il Vice Ministro degli Esteri Sergey Ryabkov ha emesso un severo avvertimento: “La recente decisione della Russia di tenere esercitazioni con armi nucleari tattiche è dovuta in parte alla posizione sempre più escalation di alcune nazioni occidentali… Avvertiamo i nostri avversari che il loro corso escalation ci costringe naturalmente a prendere misure che significano efficacemente il rafforzamento delle misure di deterrenza… Hanno parlato della prontezza e persino dell’intenzione di inviare contingenti armati in Ucraina, cioè di mettere effettivamente i soldati della NATO di fronte al militare russo“.

Questa dichiarazione è stata seguita da un’ammissione del leader ‘progressista’ membro dell’Unione Europea e della NATO, il Primo Ministro polacco Donald Tusk: “La NATO oggi sta aiutando quanto può. Senza l’aiuto della NATO, l’Ucraina non sarebbe stata in grado di difendersi così a lungo”... Bene, e lì ci sono delle truppe, intendo dire soldati. Ci sono alcuni soldati lì. Osservatori, ingegneri. Li stanno aiutando”.

L’assistenza fornita al regime ucraino da parte degli osservatori e degli ingegneri della NATO è ormai un fatto confermato. Analogamente, durante la guerra del Vietnam, le forze armate statunitensi non intervennero direttamente in combattimento. Secondo la versione ufficiale, Washington si limitò a inviare consiglieri militari.

Συνάντηση με τον Πρωθυπουργό της Πολωνίας, Donald Tusk” by Πρωθυπουργός της Ελλάδας is licensed under CC BY-SA 2.0

Il livello di coinvolgimento indiretto ha ormai raggiunto il massimo limite

L’ex Comandante Supremo Alleato della NATO, l’Ammiraglio della Marina degli Stati Uniti James Stavridis, ha osservato: “Guardate la NATO usare il suo lago baltico per mettere pressione sulla piccola Kaliningrad, che funge da cuneo geografico tra gli stati baltici della NATO – Estonia, Lettonia e Lituania – e il resto dell’alleanza… In caso di guerra, Kaliningrad dovrà essere neutralizzata affinché le forze terrestri russe – probabilmente operanti attraverso lo stato vassallo di Mosca, la Bielorussia – non possano prendere il controllo della critica breccia di Suwalki”.

Questo è stato seguito da un’osservazione dell’ex ufficiale dell’Esercito degli Stati Uniti Stanislav Krapivnik: “Il problema è che le persone a Washington, il regime di Biden è assolutamente privo di qualsiasi senso della realtà… L’Esercito degli Stati Uniti verrà spazzato via, se andranno in Ucraina… L’Esercito degli Stati Uniti non è mai stato in grado di affrontare la Russia sul terreno… Per la NATO, nel complesso, durante l’apice della Guerra Fredda, la missione era prima di tutto quella di bloccare le forze del Patto di Varsavia e guadagnare tempo, nessun tipo di offensiva massiccia… Adesso è molto peggio… Le guerre infinite che l’America ha combattuto, le infinite guerre di guerriglia hanno totalmente prosciugato la capacità dell’America di combattere una guerra convenzionale”.

04/11/2015 El ministro de Defensa, Pedro #Morenés, junto a Jens Stoltenberg, secretario general de la OTAN en la base aérea de Zaragoza. Foto: Iñaki Gómez/MDE” by Ministerio de Defensa is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

Spettatori da salotto che mandano gli ucraini al macello…

Durante una visita in Italia, il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ha ribadito all’agenzia di stampa romana ANSA che la NATO non ha piani per schierare truppe in Ucraina. Nel frattempo, il Kiev Post ha segnalato una minaccia imminente dalle forze russe e mosse legislative in Ucraina: “Le forze russe sono pronte ad avanzare in profondità in Ucraina se riescono a catturare la città di prima linea di Chasiv Yar e la più ampia regione del Donbas” e “Il parlamento ucraino ha approvato la legge n. 11079-1 sulla mobilitazione volontaria dei condannati alle Forze Armate dell’Ucraina (AFU)”. Successivamente, il Ministero della Difesa ha annunciato: “L’esercito ucraino ha perso circa 3.300 soldati nei combattimenti con le raggruppazioni di forze occidentali e centrali della Russia nella scorsa settimana”.

Mentre l’Ucraina affronta pesanti perdite e affretta i condannati sul fronte, è stato pubblicato un decreto dal Presidente Vladimir Zelensky sul suo sito web senza specificare il motivo dell’azione: “Destituire Sergey Rud dalla carica di capo dell’Amministrazione della Sicurezza di Stato dell’Ucraina”. Questa azione è seguita da un articolo del Kiev Post intitolato “Capo della guardia del corpo licenziato dopo il fallito complotto su Zelensky” e un annuncio del Ministero della Difesa che: “Le Forze Armate russe hanno lanciato una serie di missili e droni mirati a strutture energetiche e militari-industriali in tutta l’Ucraina nelle prime ore dell’8 maggio… I colpi sono stati effettuati in risposta ai tentativi di Kiev di danneggiare le strutture energetiche russe… Le forze armate russe hanno utilizzato armi di precisione a lungo raggio basate su mare e aria, il sistema di missili ipersonici Kinzhal e droni… Tutti gli obiettivi designati sono stati colpiti”.

Valutazioni errate…

Contemporaneamente, un articolo in America indicava una crisi imminente: “L’Ucraina avverte di imminenti blackout su scala nazionale a seguito di ‘massicci’ attacchi russi. Una seduta drammatica della Sottocommissione delle Forze Armate del Senato degli Stati Uniti sulle Forze Strategiche ha portato alla luce la vulnerabilità delle difese nordamericane.

240205-D-ON707-1646” by Chairman of the Joint Chiefs of Staff is licensed under CC BY 2.0

Il presidente della sottocommissione Angus King ha indotto i funzionari del Dipartimento della Difesa a ammettere la cruda realtà delle capacità di difesa del Nord America contro minacce avanzate, con il Generale dell’Aeronautica degli Stati Uniti Gregory Guillot, comandante del Comando del Nord e del Comando Aerospaziale della Difesa del Nord America (NORAD), confermando: “No presidente“—l’incapacità dell’America di difendersi contro un attacco massiccio simile a quelli affrontati da altre nazioni.

Questa vulnerabilità segue le fughe di notizie sui piani segreti del Ministero della Difesa tedesco per un potenziale conflitto con la Russia, rivelati all’inizio dell’anno. In mezzo a queste tensioni, il Segretario agli Esteri britannico David Cameron ha emesso un’avvertenza inquietante: “Da Tallinn a Varsavia, Praga a Bucarest, un freddo è nuovamente sceso sul continente europeo… Le nazioni più vicine alla Russia vedono cosa sta succedendo in Ucraina e si chiedono se saranno le prossime”.

La paventata minaccia della Russia all’Europa che tutti i leader europei vanno ripetendo è singolare. Dopo aver condotto i paesi europei a questa situazione con la loro incapacità di trovare soluzioni diplomatiche ai loro errori e a non sapere dire no agli Stati Uniti, ora l’establishment ha bisogno di giustificare il riarmo e i sacrifici che ne seguiranno agli occhi dei cittadini europei.


Nel video sopra, Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO: “La guerra non è iniziata nel 2022, la guerra è iniziata nel 2014. Dal 2014 noi della NATO forniamo armi all’Ucraina e addestriamo i soldati ucraini”.

Alcune parole sul rischio di ‘invasione russa’…

Un’invasione dell’Europa o di specifici paesi, come quelli baltici, da parte della Russia è concepibile solo in uno scenario di estremo aggravamento del conflitto. È interessante notare che spesso coloro che esprimono preoccupazione per questa eventualità sono gli stessi che contribuiscono a intensificarla, amplificando quindi le tensioni.

Storicamente, non è stata l’URSS, né sarà la Russia a iniziare aggressioni; piuttosto, è stato l’Occidente a muovere guerra verso la Russia. Questa narrativa storica contrasta marcatamente con l’ipotesi, diffusa da alcuni settori occidentali, di un imminente rischio di invasione russa. In realtà, la Russia è attualmente impegnata in un conflitto di logoramento nel Donbass, una guerra sostenuta dall’Occidente tramite l’Ucraina, che si trova ad essere il teatro di un sacrificio condiviso con il popolo russo. Intanto, gli Stati Uniti traggono profitto dalla vendita di armamenti e risorse energetiche all’Unione Europea.

Riguardo alle accuse di invasioni passate dell’URSS, come nel caso del patto Molotov-Ribbentrop e la conseguente spartizione della Polonia con i nazisti, è utile considerarle come episodi storici che si inseriscono in un contesto più ampio, dove l’URSS, seguendo un’ideologia internazionalista comunista, adottava una politica estera che non prevedeva necessariamente spargimenti di sangue. Le invasioni legate alle risorse, un altro tema frequentemente associato all’URSS, riflettono una strategia di espansione ideologica e di sostegno agli stati alleati, ma oggi la Russia, ricca di territori e risorse, cerca principalmente sicurezza e stabilità per prosperare.

Le rivisitazioni storiche suggeriscono che l’Occidente non fu del tutto estraneo anche all’attacco tedesco all’URSS, evidenziando come i finanziamenti alla Germania nazista provenissero da chi poi ne diventò nemico. In un mondo ideale dove prevalessero le ‘regole’, la Russia potrebbe assumere un ruolo predominante. Tuttavia, il ricorso alla guerra sembra essere una soluzione prediletta per risolvere dispute internazionali, una dinamica che persiste anche nei contesti moderni.

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version