USA – Perché questo veterano della guerra in Iraq ha creato il panico nel partito democratico

La deputata democratica hawaiana Tulsi Gabbard che ha appena annunciato la candidatura presidenziale del 2020, ha scatenato la rabbia sia dalla destra che dalla sinistra, ma ancor più dal suo stesso partito, e specialmente dagli angoli lungamente incentrati sul cambio di regime in Siria e che generalmente fanno pressioni per più muscolosi ” stivali sul terreno ” nella politica estera dall’Ucraina alla Siria all’Afghanistan. Alcuni esperti sono giunti al punto di dire “tenete d’occhio le sue finanze”, suggerendo finanziamenti illegali alle campagne straniere attraverso Damasco o Mosca.

Sia i neocon che gli interventisti liberali si sono uniti per sbattere la progressista contro la guerra come  “il portavoce di Assad a Washington” e un “apologeta di Assad” e ovviamente c’è il consueto leggiadro “burattino di Putin”  –  quest’ultimo perché, come dice ilgiornalista Michael Tracey , lei “per i democratici non si è dimostrata sufficientemente razzista “ .

Le vecchie accuse erano regolarmente risuonate dopo il suo viaggio all’inizio del 2017 a Damasco per incontrarsi in privato con il presidente siriano Bashar al-Assad in un gesto diplomatico per indagare personalmente sugli sforzi di cambiamento del regime dell’Occidente e le sue conseguenze per il popolo siriano. La mossa è stata criticata dai colleghi democratici del Congresso, che hanno  sollevato domande su possibili violazioni  del Logan Act.

Abbastanza divertente come una congressista di estrema sinistra di razza mista (di origine samoana americana), indù e ufficiale di riserva dell’esercito americano, si possa pensare potesse essere leale con [l’attuale] sinistra data la sua  “identità-politica e  impeccabile buona fede”. Ma il suo peccato imperdonabile? Da molto tempo ha fatto dell’obiettivo centrale della sua carriera politica di “porre fine alle guerre interventiste americane di cambiamento di regime che sono costate alla nostra nazione trilioni di dollari e migliaia di vite”, per le quali ha presentato risoluzioni [parlamentari]relative alla Siria al Congresso per raggiungere i suoi fini.

Ha anche accusato Washington di sforzi segreti di cambiamento del regime , e di aver alimentato l’ascesa dell’ISIS e giocando come “il grande fratello protettore di al-Qaeda e altri jihadisti”  –  un’accusa ripetuta due giorni dopo l’ultima commemorazione  della celebrazione dell’11 settembre .

Considerando che la stessa deputata Gabbard è  un veterano della guerra in Iraq e attuale ufficiale di riserva dell’esercito che ha prestato servizio dopo l’11 settembre , è ancora più forte e raro che un membro del Congresso insediato faccia commenti così energici che espongono l’ipocrisia e le contraddizioni della politica statunitense .

Lei ha identificato il principale obiettivi per la sua candidatura per il 2020 come segue :

C’è una questione principale che è centrale per il resto, e questa è la questione della guerra e della pace.

Senza dubbio, questo da solo sarà sufficiente ad inviare ai falchi  “di mettere in pericolo la nostra sicurezza nazionale” se lei mai dovesse arrivare vicino a conquistare la nomination democratica.

La macchina a striscie neocon ha già subito un’accelerazione – qualcosa di coerente su entrambi i lati del corridoio:

Avendo sperimentato personalmente le devastazioni di un regime che ha cambiato la guerra e le sue conseguenze durature sia per gli iracheni comuni che per il popolo americano, è emersa come una sorta di “Ron Paul de la Sinistra” (rigorosamente parlando di politica estera).

E come Paul, potrebbe emergere nel 2020 come una voce rara che mette in luce la dipendenza di Washington nei confronti del cambio di regime e delle “guerre senza fine” all’estero, e il complesso militare-industriale che alimenta la mentalità “poliziotto globale” degli Stati Uniti e le sue cheerleader ciecamente obbedienti nei media mainstream . Questo renderà per lo meno il dibattito sulla politica estera durante le prossime elezioni  – di  solito un semplice punto di vista da parte di un echo chamber  –  più interessante.

Nel frattempo, cosa rivela l’odio virulento nei confronti della posizione pacifista di Gabbard? Come riassume Nassim Taleb :  è la “sinistra” posseduta dai produttori di armi che si sente di essere   come l’unica cosa  “giusta” .

Facebook Comments