Perché l’Unione Sovietica non è riuscita a sradicare la fede?

Perché l'Unione Sovietica non è riuscita a sradicare la fede? 1

L’ateismo comunista non ha affrontato la ricerca di un significato personale nella vita.

Francis Phillips 4 gennaio 2019 Catholic Herald

C’è una scena molto toccante alla fine del romanzo di Turgenev a metà del diciannovesimo secolo, Fathers and Sons, quando Bazarov, il giovane ateo risoluto che è protagonista nel libro, sta morendo di tifo e suo padre lo implora di ricevere gli ultimi riti della  Chiesa ortodossa per “dare a tua madre e me stesso qualche consolazione”. I genitori di Bazarov riflettono la vecchia Russia di icone, riti sacri e fede in Dio; il loro unico figlio, un brillante giovane scienziato, esemplifica la crescente fede nella scienza e nel progresso che considerava le tradizioni religiose come superstizioni destinate a finire.

Questo romanzo e le sue correnti sotterranee mi sono venute in mente mentre leggevo ‘A Sacred Space is Never Empty’: una storia di ateismo sovietico di Victoria Smolkin (Princeton University Press). Il titolo del libro deriva da un proverbio russo; in quanto tale, è un sottotesto ironico costante all’argomento di Smolkin: che nonostante tutti i suoi sforzi, a volte violenti e spesso ridicoli, il Partito Comunista non è stato in grado di sradicare la credenza religiosa durante i settanta anni in cui aveva dominato l’Unione Sovietica.

Il libro dovrebbe essere letto da chiunque voglia comprendere le contraddizioni interne del comunismo e perché l’ideologia dietro di esso mai poteva colmare il divario che esisteva tra esso e il popolo sovietico. Smolkin esamina ogni fase della lotta dello stato per sradicare la credenza religiosa che, inspiegabilmente ed esasperatamente, rifiutava di “svanire” come la teoria marxista-leninista in cui credeva così fiduciosamente all’inizio.

È una storia che è tragica e a tratti comica, a partire dall’ateismo militante dei bolscevichi e dalla loro selvaggia repressione della Chiesa; che passa attraverso la deliberata decisione di Stalin di permettere all’Ortodossia di funzionare di nuovo nel 1943 come un modo per incoraggiare il patriottismo durante la guerra; quindi si passa alla rinnovata ostilità e promozione di “ateismo scientifico” di Kruschev, a seguire l’era di Breznev con i suoi goffi tentativi di creare “ateismo spirituale”, concludendo con la decisiva decisione di Gorbaciov, con le sue conseguenze impreviste, di celebrare i mille anni di cristianesimo della Russia – dal 988 al 1988 – un evento nazionale, non solo religioso.

Smolkin, che è assistente professore di storia alla Wesleyan University negli Stati Uniti, scrive come storico, descrivendo le attività della “Lega dei militanti senza Dio”, il Grande Terrore di Stalin del 1937, il culto della scienza, il riluttante riconoscimento dello stato che ordinariamente la gente desiderava rituali solenni per marcare la nascita, il matrimonio e la morte e non solo la registrazione burocratica, e molto altro per coinvolgere il lettore . Per i cristiani il suo libro avrà un interesse e un’attenzione particolare: nonostante una lunga campagna contro la fede in Cristo il Signore della storia, il cristianesimo non morirà, nonostante la “logica della storia” marxista che prevede che sarà e dovrebbe essere  così.

Il romanzo di Turgenev del 1862 denunciò l’ateismo scientifico di Bazarov contro il vecchio ordine. Nel 1967, poco più di un secolo dopo, il dibattito era tornato al punto di partenza quando sorse un quesito in un seminario ateo: un membro del partito comunista avrebbe dovuto esaudire il desiderio morente del padre o della madre credente di essere “seppellito con un prete”? Il funzionario che aveva posto la domanda concluse, “Penso che dovrebbe“. Era un riconoscimento implicito e tardivo che l’ateismo sovietico non aveva affrontato la ricerca di un significato personale nella vita e il “bisogno di conforto di fronte alla sofferenza”.

Catholic Herald: https://catholicherald.co.uk/commentandblogs/2019/01/04/why-the-soviet-union-failed-to-eradicate-religion/

Exit mobile version