Perché la benzina costa così tanto?

Domanda: perché la benzina alla pompa costa così tanto? Il petrolio a 120$ al barile c’era già stato prima ma la benzina non costava così tanto
Risposta: il petrolio si paga in dollari, se costa 120$ al barile noi europei lo paghiamo, al cambio attuale (1,06) , 113,2€. Quando nel 2008 il petrolio salì addirittura a 140$ al barile, al cambio di allora (1,56), lo pagavamo 89,74€.

L’articolo tradotto da Giubbe Rosse è fondamentale per la comprensione delle dinamiche attuali:

NEL MERCATO DEL PETROLIO IL DOLLARO FORTE È IL PROBLEMA PER IL RESTO DEL MONDO

Il prezzo del greggio è ancora al di sotto dei massimi del 2008 ($ 140 a barile). Ma la differenza rispetto ad allora è che il dollaro stavolta è ai massimi 20 anni con le principali valute, tra cui Euro, sterlina, Yen e rupia, mentre all’epoca era ai minimi. In valuta locale il greggio sta costando di più per il 35% degli importatori.

Di Javier Blas. Titolo originale: In the Oil Market, the Strong Dollar Is the World’s Problem, Bloomberg, 8 giugno 2022

Poco più di 50 anni fa, in una riunione delle massime potenze economiche mondiali, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti, John Connally, sconvolse le controparti proclamando che il dollaro “è la nostra valuta, ma è un vostro problema”. Allora, l’America voleva una valuta più economica, costringendo gli altri a rivalutare la loro. Mezzo secolo dopo, l’economia globale deve affrontare la sfida opposta: il biglietto verde galleggia ai massimi degli ultimi 20 anni contro le altre principali valute, creando un enorme problema per tutti coloro al di fuori dell’America che acquistano beni denominati in dollari. E nessuna merce è più importante del petrolio greggio.

Da quando Connally creò problemi a tutti gli altri, il biglietto verde è diventato il re dei mercati globali dell’energia e delle materie prime. Il prezzo di quasi tutte le materie prime che il mondo consuma oggi, dal petrolio al grano al rame, è fissato in dollari. Anche il tè, la bevanda britannica per eccellenza, ha un prezzo nella valuta statunitense, anziché nella sterlina.

In genere, un dollaro forte significa prezzi delle materie prime più deboli e viceversa. Il rapporto commodities-dollaro tende a fungere da cuscinetto per l’economia globale, con l’uno che compensa l’altro, il che è particolarmente rilevante per i paesi più poveri. L’ultima volta che il mondo ha dovuto affrontare l’impennata dei prezzi del petrolio è stata paradigmatica di questa simbiosi. Nel 2008, il costo del Brent è salito al massimo storico di $ 147,50 al barile, mettendo a dura prova le finanze di molte nazioni. Ma quello stesso anno, il dollaro è precipitato anche a un minimo storico rispetto alle valute dei principali partner commerciali degli Stati Uniti, alleviando una parte della sofferenza. Per molte nazioni importatrici il petrolio è diventato costoso, ma non eccessivamente costoso in valuta locale.

La forza del biglietto verde

La valuta americana è salita ai massimi a 20 anni, gonfiando il costo delle merci denominate in dollari come il petrolio greggio

Quella relazione storica tra dollaro e prezzo del petrolio sembra ora essersi spezzata. Il greggio è aumentato del 70% nell’ultimo anno e attualmente viene scambiato a circa $ 120 al barile. Allo stesso tempo, il dollaro ha guadagnato il 10% dalla metà del 2021. Ciò sta creando una crisi della bilancia dei pagamenti in molte nazioni importatrici di petrolio, in particolare in Africa, America Latina e Asia. Il Malawi, una delle nazioni più povere dell’Africa, ha recentemente svalutato la sua valuta del 25% in un solo giorno. Lo Sri Lanka, tra i paesi asiatici più poveri, è sull’orlo del collasso economico. “Il divario tra i paesi ricchi e quelli che hanno una minore capacità di pagare per le materie prime sta diventando estremamente netto”, ha affermato domenica Mike Muller, capo della divisione Asia presso il Gruppo Vitol, la più grande trading house di petrolio del mondo. Anche quelli che possono permettersi di pagare prezzi altissimi in valuta locale, come Europa e Giappone, stanno soffrendo per l’aumento delle pressioni inflazionistiche.

Il vostro problema

In dollari USA, il Brent è al di sotto del massimo storico del 2008. Ma se denominato nelle altre principali valute, è molto più alto.

Sebbene il Brent sia attualmente circa il 20% al di sotto del massimo storico del dollaro del 2008, sta cambiando di mano a livelli record se espresso in valuta locale per i paesi che rappresentano circa il 35% della domanda mondiale di petrolio. L’India, il terzo consumatore di petrolio al mondo dopo Stati Uniti e Cina, sta pagando circa il 45% in più rispetto a 14 anni fa a causa del forte deprezzamento della rupia rispetto al dollaro. L’Eurozona attualmente paga circa 111 euro ($ 119) al barile, rispetto ai 93,5 euro di luglio 2008. Anche il Regno Unito deve affrontare un problema simile: il Brent ha raggiunto il picco di circa 74 libbre ($ 92) al barile nel 2008; oggi costa quasi un terzo in più a 95 sterline. Con lo yen al punto più debole rispetto al dollaro degli ultimi due decenni, anche il Giappone sta soffrendo. L’elenco delle nazioni che lottano per far fronte alle proprie bollette energetiche potrebbe continuare all’infinito.

Il costo del petrolio in valuta locale

Il prezzo del greggio (Brent) ha superato il record in dollari del 2008 quando viene espresso in Euro e sterline

Al di là delle scosse di assestamento economiche interne, i prezzi record del petrolio in valuta locale sono importanti per il mercato energetico stesso. I trader di petrolio sono alla ricerca di segnali di distruzione della domanda, il punto in cui i prezzi più alti portano a una riduzione dei consumi. Per ora, la crescita della domanda di petrolio è rimasta robusta, sostenuta dai consumi repressi mentre il mondo continua a emergere dalla pandemia. Ma con una fetta significativa di mondo che sta già affrontando prezzi record, la domanda ne risentirà presto. Gli analisti di Goldman Sachs Group Inc. stimano che la forza del dollaro USA stia aggiungendo una media di circa 20 dollari al barile in più se misurata in valute locali, “per raggiungere livelli equivalenti a 150 dollari al barile di Brent”.

Per il cartello petrolifero OPEC+, la rottura della relazione tra greggio e biglietto verde è una manna. Nel 2007, in un vertice dell’OPEC a Riyadh, i paesi produttori di petrolio temevano un crollo del dollaro. Con la Federal Reserve pronta ad aumentare i tassi di interesse ulteriormente e più velocemente rispetto ai suoi omologhi della banca centrale, la valuta statunitense sembra destinata a continuare a salire, un altro motivo per cui il cartello petrolifero deve lavorare di più per mettere un freno ai prezzi.


Javier Blas è editorialista di Bloomberg Opinion, dove si che si occupa di energia e materie prime. Ex giornalista di Bloomberg News e redattore di materie prime presso il Financial Times, è coautore di “The World for Sale: Money, Power and the Traders Who Barter the Earth’s Resources”.

traduzione Giubbe Rosse (https://giubberosse.news/2022/06/08/nel-mercato-del-petrolio-il-dollaro-forte-e-il-problema-per-il-resto-del-mondo/)

Exit mobile version