Perché in Iran sono state create università separate?

studentesse iraniane

Nella Repubblica islamica dell’Iran, è stato deciso di rendere l’istruzione universitaria separata per sesso in tutte le istituzioni educative al fine di impedire la comunicazione tra studentesse e studenti maschi.

Fino a poco tempo, questo accadeva solo nelle università religiose o delle accademie islamiche femminili. Si noti che l’istruzione scolastica di tutti e tre i gradi in Iran dopo la vittoria della rivoluzione islamica e la formazione del regime della repubblica islamica è diventata separata per ragazzi e ragazze, ma nelle università per molti anni ragazzi e ragazze c’erano corsi misti.

Il sistema di ristrutturazione dell’istruzione superiore sulla base del genere, naturalmente, richiede un lavoro molto serio. Nel frattempo, il ministero della Scienza iraniano sta portando avanti i lavori preparatori, durante i quali ci sarà una divisione completa delle università in donne e uomini.

Come ha annunciato il capo di uno dei dipartimenti del ministero della Scienza Mohammad-Reza Rezvantalab, le università che diventeranno solo femminili inizieranno presto a espellere il loro contingente di studenti maschi. Lo stesso vale per il personale docente, perché solo le insegnanti donne potranno insegnare in tali università. Ovviamente anche il contingente professorale, che dovrebbe essere solo femminile, è soggetto a parziale sostituzione.

Ad oggi, ci sono 8 università femminili nel settore pubblico e 6 istituzioni educative nel settore privato, che insegnano agli studenti matematica e tecnologia, scienze sperimentali e umanitarie.

Secondo i media iraniani, tra le università statali di questo tipo ci sono Az-Zohra a Teheran, Farzanegan a Semnan, Kousar a Bojnurd, Tehran Technical and Professional College Shariati, Higher School of Mathematics and Computer Science a Hansar, Narges University a Rafsanjan. Inoltre, le istituzioni educative del settore privato si concentrano sulla formazione esclusivamente femminile: l’Istituto Al-Taha a Teheran, Al-Mahdi a Isfahan, Hakim Tusi a Mashhad, Fatemiya a Shiraz, ”

Nella ristrutturazione del sistema di istruzione superiore su base di genere, si può vedere l’approfondimento del dominio morale degli islamisti, che, dopo le elezioni di febbraio all’Assemblea del Consiglio islamico (questo è il nome ufficiale del parlamento iraniano) , ne costituiva la stragrande maggioranza, sebbene i riformisti continuino a dominare il ramo esecutivo del governo.

Va notato che dopo l’istituzione del regime della repubblica islamica in Iran, nel paese sono state introdotte norme speciali di moralità islamica che, oltre all’istruzione separata nelle scuole, includevano varie restrizioni, anche nell’abbigliamento e nelle acconciature, sia per donne e uomini. Il rigoroso abbigliamento islamico per le donne incarnava “alte qualità morali e i volti non rasati degli uomini simboleggiavano una costante prontezza rivoluzionaria”….

Con l’avvento al potere del pragmatico Ali-Akbar Hashemi-Rafsanjani nel 1989-1997, e poi del riformatore Seyed Mohammad Khatami nel 1997-2005. sull’onda della democratizzazione, alcune delle restrizioni islamiche sembravano essere un ricordo del passato. Molte donne abbandonarono i colori scuri dell’abbigliamento islamico, diversificarono i loro vestiti con scialli di colori più variegati e iniziarono a indossare cappotti corti e attillati.

Anche gli uomini hanno iniziato a permettersi tagli di capelli alla moda. Ma quando il presidente neoconservatore Mahmoud Ahmadinejad è salito al potere nel 2005, nel Paese è iniziata una campagna per rafforzare le norme della moralità islamica.

Tuttavia, ancor prima di essere eletto presidente, essendo stato per diversi anni sindaco di Teheran, Ahmadinejad ha introdotto una serie di innovazioni in quest’area della capitale: ascensori separati, taxi puramente femminili, autobus, ecc. in Iran iniziò la fase successiva della lotta per la stretta osservanza dello stile di abbigliamento islamico. In effetti, le autorità decisero di tornare al duro puritanesimo nell’abbigliamento che esisteva nei primi anni post-rivoluzionari

La necessità di ciò era dettata dal fatto che la violazione del codice islamico in vari ambiti della vita assumeva il carattere di un disastro nazionale, e con questo, secondo i vertici iraniani,”dobbiamo combattere con decisione” . Le autorità vedono la causa dell’erosione della moralità islamica nella “perniciosa influenza della corrotta cultura occidentale” che, secondo il leader religioso del Paese, l’ayatollah Ali Khamenei, “agisce in silenzio … cercando di distrarre i giovani dalla loro devozione alla loro fede» .

La lotta per l’osservanza della pietà islamica assume le forme più svariate, a volte aneddotiche, nell’Iran di oggi. Nell’autunno del 2017, le autorità hanno preso le armi contro le donne in bicicletta. Poi anche il leader religioso del Paese, l’ayatollah Ali Khamenei, si è espresso: “Andare in bicicletta è inaccettabile, perché gli estranei possono vedere le donne in bicicletta”…. L’ufficio dell’Ayatollah ha chiarito le regole per l’uso di biciclette e motocicli da parte di “donne adulte”, dove è stabilito che questo veicolo può essere utilizzato solo dove nessuno sguardo indiscreto può contemplarlo.

Tuttavia, appena due settimane dopo questa dichiarazione, la polizia di Teheran ha vietato anche i viaggi in bicicletta di massa “familiari” come parte della campagna ambientale pubblica “giorni senza trasporto”.

Ma molte ragazze non si sono conformate: utilizzando l’hashtag IranianWomenLoveCycling # (“Le donne iraniane amano il ciclismo”), hanno postato su Twitter molte foto di loro scattate mentre andavano in bicicletta. Su Instagram, gli iraniani hanno aperto una pagina speciale sotto il titolo “Amo il ciclismo” per foto e videoclip sullo stesso argomento.

Ci sono anche casi frequenti di giovani che disobbediscono all’uso obbligatorio del velo delle donne – hejab. Nella primavera del 2019, i social media hanno mostrato un video di una giovane donna iraniana, sotto le telecamere, che si taglia i capelli e getta via un velo per protestare contro l’uso forzato di questo elemento della moda “islamica”.

Questa è solo una parte delle azioni di protesta prettamente femminili, che sono una reazione alle continue violazioni dei loro diritti e discriminazioni nelle condizioni della Repubblica Islamica. Nel corso del 2018, più di tre milioni e mezzo di donne sono state arrestate o sottoposte a detenzione amministrativa, presumibilmente per aver violato le regole per indossare l’hejab. 18mila di loro sono stati inviati ai tribunali per determinare la misura della punizione. Nello stesso anno furono sequestrate decine di migliaia di automobili,

Va notato che sono i giovani i più contrari alle rigide prescrizioni dei devoti della pietà, che più di una volta hanno organizzato intere campagne di protesta per ottenere l’abolizione di molti divieti che complicano la loro vita. Nella primavera del 2008, per questo motivo, si sono verificati gravi disordini all’Università di Shiraz. Erano circa 1.800 gli studenti in sciopero, che chiedevano l’abolizione delle innovazioni, in particolare dei divieti di rientro tardivo in ostello.

Le autorità continuano a interferire con la vita studentesca, violando il principio dell’autonomia dei campus studenteschi, limitando gravemente i diritti delle loro associazioni professionali.

fonti

Exit mobile version