Perché i mercati azionari crescono quando l’economia va male?

Dagli Stati Uniti alla Cina, al Brasile e alla Spagna, i dati sulla disoccupazione sono spaventosi. E con la contrazione settimanale dei consumi, gli afflussi di capitali e gli investimenti diretti esteri stanno diminuendo in Cina, Russia, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Canada. Per finire, l’incertezza geopolitica ha raggiunto il suo apice. Oltre alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, c’è anche la guerra tra India e Cina e la guerra commerciale tra Giappone e Corea del Sud. E ne arriveranno altre.

Eppure… i mercati azionari sono in rialzo e le quotazioni azionarie delle grandi aziende – specialmente quelle tecnologiche – continuano a salire fino a quando non vengono separate da qualsiasi relazione con i profitti attesi. Come è possibile ?

Di Communia (Spagna) e Robert Bibeau (Canada) – Les 7 du Quebec

Da capitale attivo a capitale fittizio

Il capitalismo è così chiamato perché l’organizzazione sociale nel suo insieme è subordinata e orientata all’accumulazione del capitale . Dobbiamo vedere il capitale in realtà come denaro investito che diventa un  diritto da sfruttare, come un titolo cumulativo che cresce ad ogni ciclo e che premia proporzionalmente di più coloro che hanno sfruttato in modo più efficiente la forza lavoro a loro disposizione. (Questo è ciò che gli economisti chiamano la produttività del lavoro che garantisce la redditività del capitale. NDR).

La necessità di accumulazione di capitale porta ogni capitale aziendale ad aumentare la produttività fisica, la quantità di merci prodotte per ora di lavoro. Ma lo fa indirettamente, attraverso la produttività del capitale investito stesso, cioè attraverso i profitti. Profitti il ​​cui obiettivo è … fondersi con il capitale accumulato e aumentarlo dopo ogni ciclo produttivo. (Che cosa, in fase ascendente ed espansiva del capitale assicura le condizioni per la riproduzione della specie umana – non dimentichiamolo – l’obiettivo ultimo di ogni modo di produzione sociale. NDR).

Se il capitale si preoccupa così tanto dei  consumatori,  è perché alla fine non c’è profitto se la produzione non può essere  venduta . (E la plusvalenza deve essere realizzata – incassata – per essere reinvestita – generando così un nuovo ciclo di capitale. Nota dell’editore). Ma c’è un problema:  la domanda  creata  dal capitale attraverso i salari che paga è per definizione insufficiente . (Di cosa discute ampiamente un articolo sul nostro webmagazine:  https://les7duquebec.net/archives/256976 Nota dell’editore). Il valore di mercato di ciò che i lavoratori producono è sempre maggiore della somma dei loro salari. (Da dove proviene il plusvalore necessario al soddisfacimento dei bisogni dei cittadini non produttivi e al reinvestimento del capitale produttivo. Ndr). Quindi il capitalismo deve vendere  all’estero . (Vedi l’articolo qui:  https://les7duquebec.net/archives/256976 . Nota dell’editore).

Il surplus del capitale nazionale, significa  esportazione . E per il capitalismo globale nel suo insieme, questo significa tutti gli strati sociali del mercato mondiale che non impiegano lavoro salariato: agricoltori indipendenti senza lavoratori a giornata, artigiani, cooperative di lavoro che non sono ancora sfruttatori del lavoro precario. … Fondamentalmente un mercato insufficiente che, da almeno un secolo, è stato cronicamente incapace di assorbire tutto il volume del capitale mondiale.

È chiaro: le esportazioni – sia di beni e servizi che di capitali sotto forma di investimenti esteri – che ogni capitale nazionale cerca di rendere praticabile, è un  gioco pericoloso.. Alla fine del processo di circolazione del capitale – di scambio – di commercializzazione – alcuni concorrenti perdono – soffrono di un deficit commerciale duraturo – e pagano per l’accumulazione di altri … Questo spiega l’imperialismo e i suoi sviluppi, tra cui le più recenti sono la globalizzazione che accompagna la guerra commerciale, dalla scala nazionale alla scala globale. (La globalizzazione della produzione e commercializzazione dei beni e del capitale ha accompagnato – determinato – lo sviluppo del modo di produzione capitalistico sin dalle sue origini o quasi. La globalizzazione è la forma che l’imperialismo moderno ha assunto sotto il capitalismo espansionista. NDR).

Mettiamoci ora al posto del capitale stesso. La domanda è cosa fare del nuovo capitale che si crea quando – tra le opzioni disponibili – non è possibile trovare applicazioni produttive sufficienti a coprire l’ammontare di capitale accumulato. In altre parole, cosa fare  quando non esiste un luogo redditizio per investire il capitale all’ingrosso? E qui dobbiamo pensare alla scala del grande capitale. Certo, ci saranno piccole imprese con grandi ritorni, ma … Cosa succede quando tale rendimento viene ridotto dai costi di gestione e supervisione di troppi manager? (E cosa succede quando le piccole imprese sono i fornitori – i subappaltatori – di grandi multinazionali? Ndr).

Di fronte a una tale situazione, cronica nel capitalismo dell’ultimo secolo, una  parte crescente del capitale è dedicata alla speculazione . Ciò significa che invece di utilizzare i diritti di sfruttamento per produrre … la borghesia gioca al casinò. Cessa di essere capitale proprio e diventa  capitale fittizio  : capitale che scommette la sua riproduzione sui risultati di altri capitali. All’inizio erano i  mercati azionari, fin dall’inizio sono stati spesi ingenti capitali scommettendo sulla capacità di questa o quella società di migliorare i profitti ottenuti oltre le aspettative. Poi è arrivato il mercato dei ”  futures” (prospettive) , scommettendo sul valore in un dato momento del  futuro di prodotti (materie prime), società o anche debito .

Ad un certo punto, il peso del capitale fittizio accumulato è venuto a deformare l’intero apparato produttivo , strumentalizzandolo per essere utile al  grande casinò , ecco cosa abbiamo chiamato  finanziarizzazione . (In effetti, la finanziarizzazione era il virus economico generato dal modo di produzione capitalista nei suoi tentativi di superare le contraddizioni tra le sue immense capacità produttive sociali e l’accaparramento privato di capitale limitato … ciò che chiamiamo crisi di sovrapproduzione – relativo – poiché i bisogni sociali sono ben lungi dall’essere universalmente soddisfatti.

Ed ecco il nostro mondo, un altro aspetto del capitalismo nella sua fase decadente.

La crisi e le borse

BORSA DI STUDIO DI MADRID

La tendenza permanente alla crisi durante la decadenza esprime le contraddizioni tra i mercati solvibili che il capitalismo è in grado di creare e la capacità produttiva che sviluppa sfruttando la forza lavoro. Ciò è importante perché fa della crisi stessa l’  ovvia dimostrazione  della contraddizione tra borghesia e proletariato, tra capitale e lavoro, tra la logica dell’accumulazione e quella dei bisogni umani universali. Ma anche perché ci indica dove dobbiamo guardare quando arrivano le grandi crisi e che la borghesia ci dice che le loro cause sono  problemi finanziari  che sarebbero risolti da una  migliore regolamentazione  o da una  migliore gestione. i conti di banche, società o governi. (Con RIFORME del sistema proclama la sinistra sottomessa. Nota dell’editore).

No, non c’entra,  il sistema non può evitare di entrare in crisi . In definitiva, le crisi non sono altro che  gigantesche svalutazioni del capitale che si verificano perché il capitale investito nella produzione di beni e servizi non riesce a trovare la domanda e si rivela non redditizio . Quando questo diventa evidente, tutte le scommesse sulla sua redditività cadono con esso. Le aspettative di tutte le scommesse fittizie sul crollo del capitale, “crollo”; i fondi che li articolano perdono valore drasticamente; i mercati azionari cadono improvvisamente, i futures crollano, i  crediti sono classificati come inesigibili. E tutto avviene molto velocemente, come una valanga. Un giorno … i mercati azionari cadono, le banche falliscono, i fallimenti cadono in un domino di crediti inesigibili. E i media, appartenenti alla stessa capitale, si chiedono ipocritamente “come è potuto succedere?”

E perché non sta succedendo adesso?

CHRISTINE LAGARDE PRESENTA IL PACCHETTO DI MISURE DELLA BCE IN CASO
DI CADUTA DELL’ATTIVITÀ ECONOMICA A CAUSA DELL’EPIDEMIA DI CORONAVIRUS DOVUTA AL CONTENIMENTO DELIZIOSO

Molte aziende stanno subendo perdite. Altre, come le banche stesse, stanno uscendo da un lungo periodo di calo dei rendimenti. Eppure, il  capitale fittizio sta piovendo sui mercati azionari  che sta comprando come un matto.

È vero che molte di queste società in perdita torneranno presto a trarre profitto. (Non ne sono affatto sicuro. Nota dell’editore). Ma è anche vero che le previsioni globali fornite dalle stesse banche centrali indicano un decennio di aggiustamento e impoverimento, cioè di  domanda depressa.. E i mercati mondiali, come possiamo vedere, lungi dall’essere prosperi e accessibili, saranno sempre più baluardi sorvegliati da eserciti tariffari… e sempre più  eserciti reali  . (Qui è dove la concorrenza conduce – le guerre dei prezzi e del mercato azionario = guerra militare – virale – digitale – nucleare. NDR). E no, non è che gli speculatori siano consapevoli di qualcosa che il resto di noi non sa.

La domanda è piuttosto il contrario. Per attutire la crisi, le banche centrali – che da tempo prestano denaro gratuito alle banche senza interessi – stanno pompando enormi quantità di liquidità nelle imprese e nelle banche. La  BCE  acquista già dagli Stati le “garanzie” che sono state loro concesse per i prestiti richiesti dalle società. E la BCE si accontenta di aumentare questo acquisto  da  accettare garanzie più deboli come garanzia per i crediti erogati alle banche . In altre parole, la BCE in molti casi pagherà prestiti che non possono essere rimborsati e le banche non ne soffrirannoUna registrazione contabile e un risultato di perdita a Francoforte sono solo un’altra illusione contabile. Questo è tutto il segreto dell’ottimismo delle banche di  cui parlano oggi gli analisti di borsa nei media.

Vista dal punto di vista del capitale fittizio, non potrebbero esserci notizie migliori. Gli attori sanno di essere al verde, pensano di poter ammortizzare buona parte dei loro investimenti. Ma il mazziere appare e offre, senza interessi, di prestare loro tutte le fiches che vogliono e si assicura che tutto ciò che esce dalle fiches puntate sul rosso andrà ai loro proprietari. Lasceranno il gioco, scambieranno i gettoni offerti loro e avvieranno nuove attività? Considerando cosa sta succedendo nel mondo? Non c’è modo. Raddoppieranno e si concentreranno su ciò che è più probabile che sopravviva quando le cose vanno male. Netflix ? Certo. Internet: i GAFAM? Certo. Le banche ? È quasi garantito che non andranno in bancarotta, e tutto indica che presto dovranno fondersi per realizzare un profitto , il che significa che potrebbero salire … Infine aggiungi tutto questo capitale fittizio che fluttua nella disperata ricerca di una destinazione redditizia … L’azione di Netflix non è più correlata con i rendimenti attesi. Cadrà? Certo. È stato folle raddoppiare la scommessa? Lo speculatore spera che non cada troppo. Il suo capitale sarà diminuito, sì, ma sarà sopravvissuto. E con un po ‘di fortuna … (A meno che le valute spazzatura svalutate non trovino la loro salvezza nella valuta delle valute – l’oro – che uno degli immensi belligeranti in questa guerra in preparazione, accumula per anni (20.000 tonnellate ) senza parole https://les7duquebec.net/archives/257048 Questa lungimiranza multimiliardaria ricomprerà i suoi concorrenti per poche once d’oro. Nota dell’editore).

Content retrieved from: http://www.les7duquebec.com/

Exit mobile version