Per Sama – La negazione delle vere vittime della guerra in Siria

Di seguito una analisi critica-ragionata su quel falso d’autore che è il documentario ‘FOR SAMA’, candidato all’Oscar come miglior documentario 2020. Le osservazioni (ampiamente documentate e spesso corredate da filmati testimonianza), sono della giornalista Vanessa Beeley. I rilievi della giornalista, non vertono sulla storia narrata ma sul contesto in cui è rappresentata. Queste ultime sono del tutto fuorviante per lo spettatore, in quando non corrispondono alla realtà storica degli eventi che ne fanno da sfondo. In definitiva il docu-film non è nient’altro che una bella e riuscita operazione di marketing per supportare la causa delle milizie di al Qaeda ed affini (che non vengono peraltro nemmeno nominate).

@vietatoparlare

“For Sama”, candidato all’Oscar, è un “documentario” grintoso e ben prodotto che afferma di presentare la realtà dell’assedio quinquennale della città siriana di Aleppo. Quanto è ingannevole questa rappresentazione?

Il video di 90 minuti diretto da Waad Al-Kateab del Regno Unito Channel 4 e dal regista inglese Edward Watts è stato unanimemente elogiato dai media mainstream e questa sera potrebbe vincere l’Oscar come miglior film documentario. Ma il film presenta un’immagine veramente imparziale del conflitto siriano o, piuttosto, solo il lato della storia che meglio si adatta alla narrativa occidentale sulla guerra?

L’occupazione del gruppo armato di Aleppo Est descritta come “libertà”

Aleppo Est per cinque anni è stata  l’entroterra dei gruppi armati della città di Aleppo. Durante questo periodo i capi militanti delle milizie – che cambiano continuamente lo status, il finanziamento e il controllo sui civili che vivevano attraverso la loro occupazione – si mescolavano e si affrontarono sul territorio in una guerra di gang in stile mafioso. Alla fine la forza dominante era Al Qaeda o Fronte di Nusra in Siria.

Pochissimi  giornalisti  potrebbero entrare in sicurezza in questa zona sterile e desolata, dominata da gruppi brutali ed estremisti. Channel 4 ha collaborato con il simpatizzante e cineoperatore siriano della ” rivoluzione “, Waad Al-Kateab, e con il suo presunto marito ” medico ” che si reca con lo pseudonimo di Hamza Al Kateab (vero nome  Zahed Katurji) per produrre reportage di ” giornalista cittadino ” che coreograferebbe efficacemente gli eventi di Aleppo per un pubblico ignaro in Occidente.

All’interno di Aleppo (‘Inside Aleppo’) , consisteva in una serie di reportage video prodotti da Waad, per Channel4, che sostenevano di registrare la vita quotidiana all’interno dei distretti estremisti controllati da gruppi di East Aleppo. Channel 4 ha accettato e ripubblicato questi rapporti senza alcuna apparente verifica o indagine indipendente.

Aleppo di Channel 4 era percepita come la “Guernica” (Picasso) , la loro cronaca era costantemente unilaterale e partigiana nei confronti dei “ribelli moderati” che, secondo la rete televisiva britannica, erano stati ” sproporzionatamente ” presi di mira dal ” dittatore Assad ” e dall’esercito arabo siriano . La  realtà per i giornalisti, come me, che hanno trascorso del tempo nella zona del governo siriano hanno potuto vedere che lo stesso ha assicurato Aleppo Ovest, proteggendo 1,5 milioni di civili tra cui  circa 500.000 che erano fuggiti da Aleppo Est  quando nel 2012 è stata invasa dai militanti armati: [quanto ho visto] era diametralmente diverso dalla narrativa commercializzata di Channel 4 e dalla maggior parte dei media allineati ai rispettivi governi in Occidente [che facevano parte del gruppo ‘amici della Siria’ uniti dal progetto unitario di ‘regime change’] . Aleppo, secondo i  residenti , era contraria alla “rivoluzione” fin dal primo giorno.

Canale 4: normalizzazione del terrorismo e dell’estremismo

Le notizie di Channel 4 ad Aleppo e in Siria hanno quasi invariabilmente presentato i gruppi settari che decapitano i bambini e effettuano pulizia etnica come ” ribelli con una causa “. In un rapporto del 2016, “Aleppo: ” Aleppo: a stretto contatto con i ribelli “, Krishnan Guru Murthy segue nient’altro che membri del gruppo Nour Al Din Zinki [finanziato dall’Arabia Saudita] , responsabile dell’orrenda pubblica  tortura e decapitazione di un bambino palestinese di 12 anni, Abdullah, avvenuta nel luglio 2016.

Nello stesso rapporto, Murthy sembra legittimare la strategia del gruppo armato che effettua attentati suicidi di massa considerandoli come un atto di ” difesa ” omettendo di menzionare che molti di questi attentatori suicidi stavano prendendo di mira aree civili e residenziali. Channel 4 ha rimosso questo rapporto dopo aver scoperto che i crimini di guerra commessi dai suoi protagonisti non erano mai stati riconosciuti dagli stessi.

L’amico di Hamza, Maayouf dello Zinki, negli Stati Uniti, sosteneva il gruppo “ribelle” ei suoi amici schernivano il ragazzo prima che lo decapitassero. Maayouf afferma: “la divisione Quds ha esaurito gli uomini, quindi ci hanno mandato un bambino”. Un altro dice: “Questi sono i tuoi cani, Bashar”. (nessuna violenza grafica) #Siria Vedi anteprima

“For Sama” è poco più che una raccolta dei report “Inside Aleppo”, abilmente convertiti in un documentario di lunghezza che è già stato  premiato con  il Bafta per il miglior documentario e nominato per gli Oscar questo fine settimana.

Dedicato alla figlia di Waad, il documentario può essere descritto solo come una grottesca falsa rappresentazione della vita in Aleppo Est sotto la tirannia dei gruppi armati settari. Chiunque guardi questo film supporrà che Aleppo Est  fosse il “paese libero” come descritto da Waad, assediato e depredato dal governo siriano. Il film è letteralmente aerografia . Gruppi come Nour al-Din al-Zenki e il Fonte al Nusra Front non vengono citati dallo scenario, i loro crimini non vengono menzionati.

Il ruolo di Hamza Al-Kateab affiliato con i gruppi armati di  Aleppo Est

Molti giornalisti hanno  sottolineato  i pericoli di lavorare nelle aree occupate dalle fazioni militanti. Waad e suo marito non hanno problemi apparenti ad hanno vissuto fianco a fianco con gruppi famosi per la loro brutale violenza contro chiunque avesse sfidato il loro dominio. In effetti, una serie di  video  e interazioni sui social media dimostrano la stretta relazione che Hamza ha avuto con i membri di questi gruppi, in particolare con il già citato Nour al-Din al-Zenki.

Mentre i mediamaistream e “For Sama” descrivono Hamza come un ” dottore ” compassionevole , dobbiamo chiederci quanto sia ingannevole quell’immagine. Molte interazioni sono state eliminate dagli account dei social media di Hamza ma sono ancora disponibili come schermate. In queste interazioni, Hamza è coinvolto in discussioni di strategia militare con gruppi estremisti. Hamza è chiaramente consapevole della violenza e degli abusi subiti contro i civili dalle forze di occupazione, ma non l’ha mai denunciato ai media che si sono fortemente affidati alla sua testimonianza per archiviare i loro rapporti su Aleppo.

Quando i terroristi furono evacuati dall’ultimo quartiere di Aleppo Est, Al Sukare, dove si trovava l’ospedale Al Quds, lasciarono dietro di sé una micidiale scia di mine e trappole esplosive progettate per uccidere i civili che tornavano alle loro case. Io stesso sono stato  testimone  di una di queste esplosioni, dopo che una trappola esplosiva lasciata in una lavatrice è stata fatta esplodere – uccidendo e ferendo civili alla vigilia di Natale 2016.

Secondo le conversazioni sui social media  , Hamza era a conoscenza di questa pratica atroce. Lui e Waad evacuarono contemporaneamente ai gruppi armati. Pertanto, si può presumere che fossero a conoscenza dei pericoli attesi dai civili, eppure a quanto pare non hanno fatto nulla per avvertirli.

Gran parte del filmato “For Sama” si trova nell’ospedale di Al Quds che era, di per sé, il centro della controversia a East Aleppo quando Medici senza frontiere (MSF) lo dichiarò ” distrutto ” da un attacco aereo russo nel maggio 2016. Vari ricercatori indipendenti e i giornalisti hanno  esposto questa narrativa  come fuorviante e priva di fondamento.

“Per Sama” omette la realtà che gli ospedali di Aleppo orientale furono rilevati dai gruppi armati, spesso convertiti in quartier generale militare. Il vasto complesso dell’ospedale Children and Eye è stato trasformato  in un centro di tortura  e  detenzione  per civili che non si sono conformati all’ideologia del gruppo armato o che sono stati considerati lealisti del governo siriano. Dopo la liberazione di East Aleppo, civili  hanno testimoniato  che essi  non hanno ricevuto  cure mediche in ospedali rimanenti che erano effettivamente centri di smistamento militanti. Ho parlato con bambini e  adolescenti i cui arti feriti erano stati amputati dal cosiddetto personale medico che preferiva tale opportunità crudele rispetto al trattamento a lungo termine. Perché ‘For Sama’ non copre nessuna di queste scomode verità?

I bambini che ho  intervistato  ad East Aleppo che sono stati costretti a testimoniare esecuzioni pubbliche e crocifissioni, da parte di gruppi estremisti, sono ignorati da Channel 4 e “For Sama”. Giornalisti come  Theo Padnos e Matthew Schrier , che sono stati imprigionati e torturati dai gruppi armati nel complesso dell’ospedale oculistico , non vengono citati.

I mortai sparati ogni giorno a West Aleppo dai militanti a cui Waad non fa riferimento erano responsabili di migliaia di morti civili e del mutilamento di innumerevoli altri che persero gli arti sotto la pioggia dei letali missili a bombole di gas ” Hell-cannon ” o furono colpiti nei strade che costeggiavano le enclavi dominate dal Fronte di Nusra.

Spiegazione del racconto del Queiq River 2013

Il massacro di River Queiq del 2013 è rappresentato, nel film, come un crimine del governo siriano, le scene cruente sfruttate per criminalizzare ulteriormente l’ASA. Se Channel 4 avesse condotto qualsiasi tipo di indagine su questo evento, avrebbe potuto adempiere al proprio dovere di fornire contesto e prove che avrebbero informato meglio il proprio pubblico in Occidente. Il canale 4 deve essere considerato gravemente negligente nella loro  rappresentazione distorta  del conflitto siriano.

Il giornalista di Aleppo, Khaled Iskef, ha fatto esattamente questa indagine per un periodo di anni prima che il canale di Al Mayadeen  pubblicasse le  sue scoperte sulla base di rapporti forensi sul DNA e testimonianze. “For Sama” si sofferma sui fatti a favore della propaganda e nega la giustizia per le vittime di violenza e brutalità estremiste. Secondo le prove di Iskef, il fiume Queiq rappresentava una comoda discarica per la liberazione di prove da parte di questi gruppi armati, apparentemente Waad e Channel 4 hanno fornito copertura per i crimini commessi.

Canale 4, media architects of war

Non sorprende che Channel 4 sia stato determinante nella produzione di “For Sama”. Ho  ampiamente documentato  il ruolo del canale nella gestione dietro le quinte di altri progetti revisionisti sulla Siria. The White Helmets, un’altra entità legata al terrorismo che opera ad East Aleppo, ha prodotto un film pluripremiato, candidato all’Oscar, ” Last Men in Aleppo “, che ha anche sradicato la presenza di combattenti estremisti e gruppi terroristici dal panorama del conflitto – riducendo il narrativa fino a ” cattivo Assad ” e ” buoni ribelli “.

Channel 4 era tra gli  architetti nascosti  di questa produzione ed era anche in prima linea nel supporto alla  nomination per il premio Nobel per la pace dei caschi bianchi  mentre questo gruppo finanziato dal Regno Unito e dagli Stati Uniti è accusato di tutti i tipi di crimini di  guerra  da parte del popolo siriano che viveva sotto militante- occupazione di gruppo in tutta la Siria.

‘For Sama’ è uno strumento di ingiustizia sfruttatore e ben confezionato. È un tentativo da parte dei governi e dei media in Occidente di riscrivere la storia, di cancellare il loro vergognoso ruolo nel mantenere un conflitto di nove anni, in Siria, basato su bugie e offuscamento dei fatti.

Se dovessi  parlare  con il popolo siriano di Aleppo che ha vissuto il periodo coperto da “For Sama”, ti direbbero che questo film non rappresenta la loro sofferenza o abuso da parte delle bande armate. Ti direbbero che “For Sama” difende efficacemente coloro che li hanno torturati, imprigionati e sottoposti a ogni tipo di orrore e spargimento di sangue. Ti direbbero che “For Sama” è solo un altro insulto del settore delle pubbliche relazioni finanziato dal  miliardario  per la guerra che ha negato la voce alle vittime siriane reali per nove anni, mentre quelli che aiutano a perpetuare i crimini contro di loro saranno, ancora una volta, Il tappeto rosso di Hollywood.

Vanessa Beeley

*(Top image: Screenshot from the trailer for For Sama (2019) PBS distribution.)

*This article was originally published on RT.

Content retrieved from: https://ahtribune.com/world/north-africa-south-west-asia/syria-crisis/3875-for-sama.html.

traduzione: @vietatoparlare