Pandemia – La Svezia ha tenuto le scuole aperte: nessun decesso per Covid

Photo by Bruno Kelzer on Unsplash

Una lettera all’editore di New England Journal of Medicine evidenzia che in Svezia, nessuno dei bambini che hanno contratto Covid 19 è deceduto di Covid-19. Tra i bambini, il virus nella sua forma più severa sembra essere raro e comunque ha un tasso di recupero del 100%. Tra l’altro, molte infezioni sono asintomatiche, non hanno davvero alcun impatto sulla vita dei bambini. Naturalmente la lettera non parla per partito preso ma fa riferimento ad uno studio approvato dalle autorità (la Stockholm Ethics Review Board ). La documentazione a supporto, fa riferimento ai dati che la Word Health Organization ha fornito  nell’Appendice Supplementare, disponibile con il testo completo di questa lettera su NEJM.org

“Open Schools, Covid-19, and Child and Teacher Morbidity in Sweden” 

A metà marzo 2020, molti paesi hanno deciso di chiudere le scuole nel tentativo di limitare la diffusione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa la malattia da coronavirus 2019 (Covid-19).   La Svezia è stato uno dei pochi paesi che ha deciso di mantenere aperte le scuole materne (che si occupano generalmente di bambini da 1 a 6 anni) e le scuole secondarie (con bambini da 7 a 16 anni di età). Qui presentiamo i dati provenienti dalla Svezia sul Covid-19 tra i bambini da 1 a 16 anni di età e i loro insegnanti. Nel paese, il Covid-19 si era diffuso nella comunità svedese durante la primavera del 2020.  In Svezia è stato incoraggiato l’allontanamento sociale, ma non è obbligatorio indossare le mascherine. 

I dati sul Covid-19 grave – come definito dal ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) –  sono stati registrati prospetticamente nel registro nazionale svedese di terapia intensiva. Abbiamo seguito tutti i bambini ricoverati in terapia intensiva tra il 1 marzo e il 30 giugno 2020 (la scuola si è conclusa intorno al 10 giugno) con Covid-19 verificato in laboratorio o clinicamente verificato, compresi i pazienti che erano stati ammessi per sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS- C, che potrebbe essere correlato a Covid-19)  secondo il registro di qualità pediatrica svedese. (Maggiori informazioni sul registro e un collegamento al brief scientifico della Word Health Organization su MIS-C sono forniti nell’Appendice Supplementare, disponibile con il testo completo di questa lettera su NEJM.org). Lo Stockholm Ethics Review Board ha approvato lo studio. Il consenso informato è stato revocato dal comitato di revisione.

Nel paese scandinavo, a novembre 2019 a febbraio 2020, il numero di decessi per qualsiasi causa tra i 1.951.905 bambini di età compresa tra 1 e 16 anni era di 65 durante il periodo pre-Covid-19; da marzo a giugno 2020 il numero di decessi sono stati 69 durante 4 mesi di esposizione a Covid-19  (vedere l’ Appendice Supplementare ); nello stesso periodo (da marzo a giugno 2020(, un totale di 15 bambini con Covid-19 (inclusi quelli con MIS-C) sono stati ammessi in terapia intensiva (0,77 ogni 100.000 bambini in questa fascia di età) ( Tabella 1 ), 4 dei quali erano da 1 a 6 anni di età (0,54 per 100.000) e 11 dei quali da 7 a 16 anni (0,90 per 100.000). Quattro dei bambini avevano una condizione cronica coesistente sottostante (cancro in 2, malattia renale cronica in 1 e malattia ematologica in 1). Nessun bambino con Covid-19 è morto. (…)

Nonostante la Svezia durante la pandemia di SARS-CoV-2 abbia tenuto aperte le scuole e le scuole materne, abbiamo riscontrato una bassa incidenza di Covid-19 grave tra gli scolari e i bambini in età prescolare . Tra gli 1,95 milioni di bambini di età compresa tra 1 e 16 anni, 15 bambini avevano Covid-19, MIS-C o entrambe le condizioni e sono stati ammessi in terapia intensiva, che è pari a 1 bambino su 130.000.

Jonas F. Ludvigsson, MD, Ph.D.
Karolinska Institutet, Stoccolma, Svezia

Lars Engerström, MD, Ph.D.
Ospedale Vrinnevi, Norrköping, Svezia

Charlotta Nordenhäll, MD, Ph.D.
Associazione svedese di reumatologia pediatrica, Stoccolma, Svezia

Emma Larsson, MD, Ph.D.
Karolinska Institutet, Stoccolma, Svezia

I moduli di divulgazione forniti dagli autori sono disponibili con il testo completo di questa lettera su NEJM.org.

Questa lettera è stata pubblicata il 6 gennaio 2021 su NEJM.org.

[su_heading size=”20″ align=”left”]riferimenti:[/su_heading]

  1. Zhu N , Zhang D , Wang W , et al. Un nuovo coronavirus da pazienti con polmonite in Cina, 2019. N Engl J Med 2020 ; 382: 727 – 733 .

    Google Scholar. si apre in una nuova scheda

  2. Viner RM , Russell SJ , Croker H , et al. Chiusura delle scuole e pratiche di gestione durante i focolai di coronavirus, incluso COVID-19: una rapida revisione sistematica. Lancet Bambino Adolesc Salute 2020 ; 4: 397 – 404 .

    Google Scholar. si apre in una nuova scheda

  3. Ludvigsson JF . I primi otto mesi della strategia COVID-19 della Svezia e le azioni chiave e gli attori coinvolti. Acta Paediatr 2020 ; 109: 2459 – 2471 .

    Google Scholar. si apre in una nuova scheda

  4. Whittaker E , Bamford A , Kenny J , et al. Caratteristiche cliniche di 58 bambini con una sindrome multisistemica infiammatoria pediatrica temporaneamente associata a SARS-CoV-2. JAMA 2020 ; 324: 259 – 269 .

    Google Scholar. si apre in una nuova scheda

  5. Agenzia per la sanità pubblica della Svezia. Förekomst av covid-19 i olika yrkesgrupper inom skolan. 2020 ( https://www.folkhalsomyndigheten.se/publicerat-material/publikationsarkiv/f/forekomst-av-covid-19-i-olika-yrkesgrupper-inom-skolan/. si apre in una nuova scheda).

Exit mobile version