‘Orient – Le Jour: la Cina minaccia di diventare il principale rivale degli Stati Uniti nel campo spaziale

L’Orient – Le Jour riferisce che oggi la Cina – la cui industria spaziale è sotto la giurisdizione dell’Esercito popolare di liberazione – sta lanciando più missili in orbita di qualsiasi altro paese. L’anno scorso, la Cina ha realizzato 39 lanci spaziali, gli Stati Uniti – 31, la Russia – 20 e l’UE – 8. Inoltre, l programma spaziale cinse pochi giorni fa ha fatto allunare la sua prima sonda robotizzata , per la prima volta nella storia sul lato oscuro della luna. Inoltre , entro il 2020, Pechino intende costruire una stazione spaziale in orbita terrestre e far sbarcare i propri astronauti sulla luna nel prossimo decennio.

Come osserva il giornale, la Cina spende di più sul suo programma spaziale civile e militare di Russia e Giappone. Nel 2017, l’OCSE ha stimato il budget spaziale cinese in $ 8,4 miliardi, che è parecchie volte inferiore ai $ 48 miliardi stanziati dagli Stati Uniti, ma molto più dei $ 3 miliardi russi.

Secondo la pubblicazione, la leadership della Repubblica Popolare Cinse (RPC), nonostante il divario di diversi decenni, “ripeteva metodicamente” tutte le fasi di sviluppo dell’industria spaziale delle grandi potenze. “Se continueranno su questa strada, presto saranno in grado di eclissare la Russia in termini di tecnologia spaziale”, ha detto Todd Harrison, esperto del Centro di studi strategici e internazionali di Washington.

Allo stesso tempo, come L’Orient – nota Le Jour, commercialmente, i missili cinesi non minacciano il mercato di lancio satellitare degli Stati Uniti, il cui leader è SpaceX, dal momento che il programma cinese prevede il lancio di veicoli esclusivamente governativi. I progressi cinesi nell’esplorazione spaziale non stanno oscurando i progetti statunitensi – il capo della NASA si è persino congratulato con Pechino per il successo della missione Chang’e-4 . Nel 2011 è stata approvata negli Stati Uniti una legge che proibiva di fatto qualsiasi cooperazione con la Cina nel settore spaziale, ma il Congresso ha il diritto di revocare questo divieto.

Questa rivalità riguarda due aree: militare a breve termine e la sfera di sfruttamento delle risorse spaziali a lungo termine. Come nota l’autore, lo sfruttamento di risorse idriche o minerali dalla luna per la produzione di carburante per missili è ancora una prospettiva lontana, ma le startup americane stanno già lavorando in questo settore.

In contrasto con la corsa allo spazio della Guerra Fredda, la nuova rivalità tra Stati Uniti e Cina si sta svolgendo in un “vuoto giuridico relativo”, sottolinea la pubblicazione. Negli anni ’60 e ’70, Mosca e Washington hanno concluso una serie di accordi nel campo spaziale al fine di garantire la cooperazione scientifica e prevenire la comparsa di armi di distruzione di massa nello spazio, ma la loro applicazione è troppo vaga per applicare questi accordi nel campo dello sfruttamento delle risorse spaziali, dicono gli esperti . Inoltre, nell’era delle nuove tecnologie, come i laser anti-satellite, gli attacchi informatici ai satelliti, l’interferenza con la trasmissione di informazioni, i missili lanciati da terra capaci di distruggere i satelliti, ecc. Questi trattati sono irrimediabilmente obsoleti, ma loro analoghi sostitutivi non ne  esistono oggi.

Secondo gli esperti, i satelliti statunitensi subiscono regolarmente attacchi dalla Cina, ma il dialogo con Pechino è quasi a livello zero – che è fondamentalmente diverso dai rapporti con Mosca durante la Guerra Fredda. “Nel caso di una crisi nei rapporti con la Cina nello spazio, non sono sicuro che i nostri militari sapranno chi chiamare”, osserva Harrison.

Allo stesso tempo, secondo Brian Widen della Foundation for a Safe World, potrebbe essere utile per certi circoli in America esagerare il ruolo della Cina come rivale aggressivo degli Stati Uniti al fine di ottenere finanziamenti per progetti spaziali.

fonte: InoTV 

Pubblicità