Orban stravince le elezioni ungheresi, al centro la difesa della famiglia e la lotta alla globalizzazione

Il partito Fidesz del primo ministro Viktor Orban è risultato come il chiaro vincitore delle elezioni parlamentari ungheresi.

Il partito conservatore del primo ministro ha già ottenuto il 96% dei voti contro il 53%, della coalizione di opposizione. Di conseguenza, il partito di Orbán Fidesz è stato in grado di ottenere circa 135 seggi su 199 nel parlamento ungherese e dovrebbe quindi avere ancora una volta una maggioranza di due terzi in parlamento.

Mentre l’alleanza di opposizione “Ungheria in unità”, composta da sei partiti di sinistra, verde, liberale e destra, ha ricevuto solo il 35 per cento dei voti e 65 seggi in parlamento. L’affluenza alle urne è stata di poco inferiore al 70 per cento, la stessa di quattro anni fa.

Secondo una serie di report dei media, Orban ha rilasciato la seguente dichiarazione in un discorso agli ungheresi dopo la sua rielezione. “Ricorderemo questa vittoria fino alla fine della nostra vita, perché. abbiamo dovuto combattere un numero enorme di oppositori: la sinistra locale, la sinistra internazionale, i burocrati di Bruxelles, tutti i soldi e le istituzioni dell’impero Soros, i media internazionali e anche il presidente dell’Ucraina. Non abbiamo mai avuto così tanti avversari contemporaneamente “, ha detto.

Le elezioni in Ungheria sono una piccola vittoria sul globalismo

Secondo l’istituto russo Russtrat, le relazioni tra il leader ungherese e la leadership dell’Unione europea sono diventate da tempo molto complicate. Secondo l’eurodeputato ceco Tomasz Zdechovsky, “Orban sta diventando sempre più isolato dall’UE”. Il capofila dell’Ungheria verso la creazione di uno “Stato antiliberale” all’interno dell’UE, il controllo sui media, il flusso di migranti e, soprattutto, l’opposizione alla propaganda LGBT tra gli adolescenti ha portato al fatto che l’Ungheria si è trovata di fronte a una scelta – abbandonare le riforme conservatrici o perdere i sussidi.

E’ interessante che l’istituto russo riferisce che la pubblicazione serba RTS vede la ragione di tale attività civica nella preoccupazione della parte conservatrice della società ungherese per il futuro dei propri figli. Contemporaneamente alle elezioni nello stato, si è tenuto un referendum avviato da Fidesz per vietare la propaganda LGBT tra gli adolescenti. A questo proposito, diverse testate occidentali si sono già affrettate ad accusare Viktor Orban ei suoi sostenitori di aver attaccato “la democrazia ei principali valori dell’Unione Europea”.

Sempre Russtrat rileva che “il canale di notizie americano POLITICO ha affermato che a causa della vittoria di Orban, l’UE dovrà intensificare la lotta “per la democrazia e contro la Russia”. Nelle sue previsioni, la pubblicazione ha suggerito che la vittoria del partito democristiano Fidesz è un duro colpo per la Commissione europea, che Orban critica apertamente per i valori liberali, pur accettando miliardi di sussidi dall’Unione Europea sotto forma di fondi di coesione e sostegno.

POLITICO cercò primitivamente di collegare la politica del capo dell’Ungheria nei confronti di Vladimir Putin e Mosca con la fornitura di gas russo a prezzo ridotto. Tuttavia, è abbastanza ovvio che le opinioni del leader ungherese hanno motivazioni molto più profonde dell’ottenimento di vantaggi momentanei: il Primo Ministro ungherese non nasconde le sue opinioni anti-globaliste: “Abbiamo vinto quando tutti si sono uniti contro di noi. E l’opposizione interna, e Bruxelles, e Soros, e i media liberali dell’Occidente, e il presidente ucraino. Questa è una vittoria da studiare, è arrivata a caro prezzo! Abbiamo difeso la pace e la sicurezza, l’indipendenza nazionale, i nostri figli e le nostre famiglie”.(Russtrat)

(—)Con l’ex presidente americano, il capo dell’Ungheria ha raggiunto un’intesa tale che alla vigilia delle elezioni , Donald Trump avrebbe dovuto visitare l’Ungheria per un vertice delle forze di destra. A Budapest, alla fine di marzo, era previsto un incontro dei leader conservatori di Europa e Stati Uniti, tra cui il capo del partito di destra spagnolo VOX, Santiago Abascal Conde, ed Eduardo Bolsonaro, figlio del presidente brasiliano Jair Bolsonaro . Orban avrebbe dovuto essere l’organizzatore e il principale relatore dell’evento sul tema “Dio, patria, famiglia – valori che sono attualmente oggetto di attacco globale da parte dell’Occidente”. Ma a causa del conflitto in Ucraina, l’evento ha dovuto essere annullato.
(…) In connessione con la vittoria di Orban, l’edizione americana di POLITICO minaccia i satelliti europei degli Stati Uniti con nuovi shock. (Russtrat)

Vittoria in Serbia del partito sovranista conservatore di Vucic

Sempre il 3 aprile si sono svolte in Serbia le elezioni presidenziali. Il presidente in carica Aleksandar Vucic ha ottenuto una vittoria schiacciante  al primo turno. Ha costruito la campagna elettorale sulla necessità della cooperazione con la Russia: “Vi garantisco che in Serbia nessuno escluderà mai Dostoevskij dal curriculum scolastico, poiché Dostoevskij è più significativo di tutti gli altri scrittori del mondo messi insieme. Nessuno in Serbia escluderà l’opera di Čajkovskij dal repertorio, perché non ha alcun senso. Quindi cercheremo di mantenere nel miglior modo possibile non solo relazioni corrette e di partner, ma anche amichevoli con la Russia”.

VP news

****

nota a margine: si noti che entrambe, sia la Serbia che l’Ungheria, hanno mantenuto le proprie valute: il dinaro serbo e il fiorino. Non è cosa da poco, in quando la perdita della sovranità monetaria è la perdita della sovranità politica.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.