Operazione Peace Spring – 1° giorno

Operazione Peace Spring dell’esercito turco nel Rojava: 1° GIORNO – 09 OTTOBRE 2019

principali eventi:

1. La Turchia ha annunciato ufficialmente l’inizio dell’operazione e lo ha notificato alla Russia (Erdogan ha telefonato personalmente a Putin), agli Stati Uniti, alla NATO, alle Nazioni Unite, ad alcuni paesi dell’UE e persino al governo siriano attraverso il Ministero degli Esteri.

2. Su richiesta di Gran Bretagna e Francia è stata convocata una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per discutere dell’operazione turca. L’Italia ha condannato ufficialmente la Turchia. La Francia ha detto che avrebbe aiutato i curdi.

3. L’Egitto ha condannato l’operazione turca e ha chiesto che oggi venisse convocata una riunione urgente della Lega degli Stati arabi per condannare la condotta di Erdogan.

4. Alle truppe statunitensi in partenza dal confine è stato ordinato di non assistere i curdi nelle battaglie con l’esercito turco. I curdi chiamano questo “tradimento” e essere “pugnalati con un coltello alla schiena”.

5. È scoppiata una tempesta al Senato e alla Camera dei rappresentanti. Trump è accusato di tradire “fedeli alleati” . Gli stessi minacciano di approvare un disegno di legge bipartisan che imporrà sanzioni molto severe alla Turchia, il che influenzerà la sua economia, il suo complesso militare-industriale e un certo numero di personalità.

6. Damasco, condanna l’operazione turca, ma accusa anche i leader curdi di ciò che stava accadendo prima, che l’hanno portato a questo. Tuttavia, Damasco è pronto a considerare le opzioni per proteggere i curdi “in determinate circostanze”.

7. Mosca invita la Turchia a non intraprendere azioni che potrebbero minacciare l’integrità territoriale della Siria e compromettere il processo di Astana.

8. Hayyat Tahrir al-Sham (il gruppo siriano di al-Qaeda) ha sostenuto l’operazione turca. Il corrispondente siriano di al-Qaeda accoglie con favore la liberazione delle terre sunnite dai curdi dal PKK e YPG. Lo staff generale dell’TFSA ha inoltre sostenuto pienamente i piani per l’operazione turca. I rappresentanti di TFSA (o ESN)  saranno inclusi nella sala operatoria dell’esercito turco. (TFSA= L’ esercito siriano libero sostenuto dalla Turchia (abbreviato come TFSA ), ufficialmente noto come esercito nazionale siriano (ESN) .

8. Il primo giorno dell’operazione, l’esercito turco non ha  lanciato l’offensiva vera e propria. Le forze principali erano concentrate a sud di Jarablus e al confine con la Siria. Lo stesso dicasi per le principali forze dell’ESN (l’ex TFSA è un conglomerato di vari gruppi jihadisti e semi-jihadisti che seguono le direttive turche).
Lotte locali si sono svolte nell’area di Kamyshli e Ras al Ain. I curdi del Syrian Democratic Force (SDF) ha anche respinto un attacco ESN locale a ovest di Arim (4 militanti ESN uccisi).

9. La Turchia ha limitato le proprie azioni agli attacchi aerei e fuoco di artiglieria. Dalle 16-00 iniziarono enormi attacchi aerei che coinvolsero dozzine di aerei e droni. Gli obiettivi principali sono state le roccaforti SDF, campi di addestramento, depositi di munizioni, un granaio vicino a Kamyshli, ecc. Alcuni obiettivi sono stati completamente distrutti, il numero di vittime è sconosciuto. Inoltre, l’artiglieria pesante turca spara sulle posizioni curde al confine e nei villaggi circostanti. I curdi riportano la morte di numerosi civili e di migliaia di rifugiati. Il lavoro dell’aviazione turca dalle basi aeree di Incirlik e Konya è supportato dall’elevata attività di ricognizione e di attacco degli UAV.

10. In risposta, le SDF hanno bombardato le città turche di Karkamysh, Nusaybin, così come Jarablus e Genderis. A Nusaybin, sono arrivati colpi che hanno colpito condomini residenziali. Anche le posizioni dei turchi furono bombardate al confine. Tuttavia non ci sono informazioni sulle perdite nelle persone e di materiale. I curdi affermano di aver distrutto diversi postazioni curde a sud di Jarablus.

11. Nel Rojava è stata annunciata la mobilitazione volontaria, i residenti sono invitati a armarsi e respingere l’aggressione turca. Alcuni hanno iniziato a registrarsi oggi. Nelle città del Rojava, ci sono anche manifestazioni contro l’aggressione (sostenute da manifestazioni nelle città europee). I curdi esortano la “comunità internazionale” e gli Stati Uniti a fornire una “zona di non volo” nel nord della Siria per proteggerli dall’aviazione turca.

12. La Turchia sta attivamente conducendo una guerra psicologico-informativa: i canali informativi vengono soppressi, vari falsi vengono trasmessi sui social network progettati per demoralizzare il nemico, ci sono interruzioni nelle comunicazioni telefoniche nelle regioni frontaliere. Al confine, i combattenti militari e ESN turchi fanno girare marce patriottiche turche attraverso megafoni.

13. I curdi hanno ufficialmente fermato tutte le principali operazioni contro l’ISIS e stanno spostando rinforzi a nord verso Tal Abyad, Ras al Ain e Kamyshli. Ci sono anche suggerimenti che “in tal caso, non ci impegneremo nella protezione dei campi in cui sono custoditi i militanti dell’ISIS e i loro familiari”. Solo nella “zona di sicurezza” turca tali campi sono almeno 3.

In generale, il primo giorno di ostilità è stata lanciata l’inizio della fase preparatoria, che precede l’invasione stessa. In questa fase l’aviazione turca ha colpito sistematicamente la banca di obiettivi accumulata precedentemente, cercando di distruggere il sistema di comando e rifornimento della SDF al fine di fornire condizioni convenienti per l’avanzamento delle forze di terra. Il fuoco di  artiglieria ha lo scopo di distruggere e indebolire l’avanguardia della SDF. Non appena gli obiettivi verranno raggiunti, ci si può aspettare un attacco massiccio utilizzando una grande massa di veicoli corazzati pesanti e leggeri, che supporteranno l’attacco di grandi masse di combattenti ESN, che fungeranno da foraggio per i cannoni curdi e consentiranno ai turchi di salvare la vita ai soldati turchi.

(…)

Ciò che accade non è colpa del popolo curdo in quanto tale, è principalmente colpa dei leader di PYD, YPG, SDF e PPK. Avevano 3 anni per negoziare con Assad e garantire la protezione sotto la bandiera siriana in cambio del soddisfacimento delle moderate richieste di Damasco. Ma le richieste non sono mai state modificate, quindi le attuali chiamate a Damasco e Mosca per “proteggere i curdi dal malvagio Erdogan” sono di nuovo in ritardo. A questo proposito, Assad ha certamente perfettamente ragione quando sottolinea la responsabilità dei leader curdi per ciò che sta accadendo ora. Per i curdi, questa è un’altra lezione crudele.

Colonnel Cassad

Exit mobile version