ONU: “Nessun aiuto internazionale all’Afghanistan senza istruzione per donne e ragazze”

I talebani non saranno riconosciuti dalla comunità internazionale come autorità de facto dell’Afghanistan se le ragazze non potranno ricevere un’istruzione. Lo ha affermato inequivocabilmente la prima vicesegretaria generale delle Nazioni Unite Amina Mohammed.

Amina Mohammed ha partecipato a un incontro a margine dell’Assemblea generale sull’istruzione delle ragazze in Afghanistan. Questo problema, ha detto, è al centro dei negoziati con le autorità di fatto. Ha ribadito che garantire il diritto all’istruzione delle ragazze e delle donne sarà una condizione per l’assistenza internazionale all’Afghanistan .

“Qui non bisogna tirarsi indietro: il riconoscimento è possibile solo se si entra a far parte della nostra “famiglia globale”, che sostiene un certo insieme di valori e diritti che sono vincolanti per tutti”, ha affermato il vice direttore delle Nazioni Unite. “E l’istruzione, in particolare le ragazze e le donne, è fondamentale per questo”.

Ha invitato la comunità internazionale a costruire sull’esperienza delle stesse donne afghane e a non permettere che i progressi fatti negli ultimi 20 anni nell’istruzione delle ragazze e delle donne vengano invertiti.

Dopo aver preso il potere nel paese ad agosto, i talebani hanno ripetutamente promesso che le ragazze avrebbero continuato ad avere l’opportunità di studiare – questo era proibito durante il loro ultimo governo prima dell’invasione USA. Tuttavia, finora solo i ragazzi hanno potuto tornare alla scuola secondaria. Nemmeno le insegnanti donne possono andare a lavorare. Per quanto riguarda le classi anziane, i media citano le parole di un portavoce talebano secondo cui le autorità intendono innanzitutto fornire alle ragazze un “ambiente sicuro per la scuola”.

Somaya Faruki, un ingegnere che guida un team di ragazze che lavorano nella robotica, afferma che l’istruzione è la cosa più importante per lei. “La mia generazione aveva un sogno: ricevere un’istruzione e beneficiare il proprio paese. Il mondo vincerebbe solo se ci sostenesse “, afferma Somaya, che ha lasciato l’ Afghanistan dopo che i talebani sono saliti al potere.

Secondo il Direttore Esecutivo del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF) Henrietta Fore, l’opportunità di ricevere un’istruzione non è solo un diritto fondamentale, ma anche un investimento per il futuro. Fore ha osservato che l’UNICEF doveva lavorare nelle aree sotto il controllo dei talebani e molti di loro hanno compreso l’importanza dell’istruzione sia per i ragazzi che per le ragazze. Grazie al Children’s Fund, il numero di scuole in Afghanistan è triplicato. 10 milioni di bambini sono andati a scuola, di cui 4 milioni erano ragazze. “Oggi, in molte province, ragazze e ragazzi stanno iniziando la scuola, ma non vediamo ragazze tornare alle superiori”, ha detto Fore.

All’evento ha partecipato l’attivista pakistana Malala Yusufzai, divenuta un simbolo della lotta per l’istruzione delle ragazze in Afghanistan. I talebani hanno cercato di ucciderla perché Malala, allora adolescente, difendeva il diritto delle ragazze allo studio. Oggi Malala, premio Nobel e messaggero di pace delle Nazioni Unite, teme che le donne saranno ancora una volta prese di mira da terroristi ed estremisti – non solo in Afghanistan,ma anche in tutta la regione.

Malala Yusufzai ha invitato la comunità internazionale a lavorare per il rispetto dei diritti delle donne. “Non dobbiamo scendere a compromessi quando si tratta di proteggere i diritti delle donne e la protezione della dignità umana”, ha avvertito Malala, aggiungendo che questo è ciò che ha fatto l’ONU. “Ora è il momento di mantenere quella promessa e garantire che i diritti delle donne siano protetti. E uno di questi diritti è il diritto all’istruzione “, ha sottolineato la ragazza.

Fawzia Koofi è stata la prima donna a servire come vicepresidente del Parlamento e la prima ragazza della sua famiglia a ricevere un’istruzione. Ritiene che i talebani possano essere “messi sotto pressione” da altri Paesi musulmani della regione, dove la situazione con l’istruzione delle ragazze è decisamente migliore.

“Nelle file dei talebani ci sono persone che, forse, aderiscono a una diversa interpretazione dell’Islam, o addirittura alla propria interpretazione, che non dovrebbe entrare a far parte della politica del governo”, ha affermato Fawzia Koofi. “Quando [i talebani] hanno combattuto, potrebbero aver seguito la stessa politica, ma ora che stanno governando il paese, devono ascoltare il popolo afgano “.

Fonte: UN org

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.