Ong operanti in Turchia che lavoravano per al Qaeda in Siria

Vaire fonti, tra cui il sito turco Turkie24 e Nordic Monitor riferiscono sulla raccolta fondi di Al-Qaeda in Turchia

Al-Qaeda, operando sotto un fronte caritatevole, continua a raccogliere fondi in Turchia per gruppi jihadisti in Siria, Africa e Sud-est asiatico attraverso il sistema bancario turco, mentre le autorità chiudono un occhio su di esso.

Un’associazione chiamata Ahsen Ilim Kültür Eğitim ve Yardımlaşma Derneği (Ahsen Wisdom Culture, Education and Aid Association, o Ahsen-Der), un ente di beneficenza che inviava combattenti e rifornimenti a sostenitori di al-Qaeda in altri paesi, era attiva in province vicine al turco -Confine siriano.

L’unità è guidata dall’agente di al-Qaeda turco Aytaç Polat, che combatte in Afghanistan dal 2001. Accusato e imprigionato in Turchia dopo il suo ritorno un anno dopo, è riuscito a uscire grazie a una legge di amnistia approvata dal parlamento turco con il sostegno del Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) al governo nel novembre 2002. Polat ei suoi collaboratori si sono concentrati sull’Iraq dopo l’occupazione americana, quindi hanno spostato i loro sforzi e la direzione siriana.

Ciò si è poi adattato alla linea di condotta di Ankara, che ha avviato un ampio sforzo di reclutamento per formare la resistenza armata in Siria con l’obiettivo di rovesciare il governo di Bashar al-Assad e sostituirlo con un governo islamista che condividesse la stessa ideologia del partito di Erdogan . Con l’aiuto della copertura politica, Polat e altri jihadisti sono sfuggiti all’arresto e sono stati rilasciati dopo brevi detenzioni.

Ahsen-Der aveva una filiale in varie province della Turchia, nonostante fosse etichettata come un’organizzazione jihadista dal Ministero della Giustizia del paese, e i suoi membri e le organizzazioni correlate sono stati nominati nelle indagini penali turche delle reti di al-Qaeda e dello Stato Islamico in Turchia. .

Ahsen-Der è attivo anche in diversi paesi dell’Africa e del sud-est asiatico. In molte aree, Ahsen-Der lavora con un’organizzazione sostenuta dal governo turco chiamata Human Rights and Freedoms and Humanitarian Aid Foundation (Insan Hak ve Hürriyetleri ve Insani Yardım Vakfı, o IHH), che lavora a stretto contatto con la Turkish National Intelligence Organization (MIT ) durante le delicate operazioni di fornitura di armi a leali gruppi jihadisti.

IHH è stata nominata dalla Russia nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite come organizzazione che fornisce armi ai gruppi jihadisti siriani. Le foto degli agenti di Ahsen-Der sono diventate di recente disponibili mentre utilizzavano il centro logistico IHH nella provincia di Gaziantep e alcuni striscioni portavano i loghi di IHH e Ahsen-Der su striscioni di raccolta fondi e di soccorso. Le intercettazioni della polizia di Al-Qaeda hanno accusato Abdulkadir Shen mostra che Polat ha chiamato Shen 80 volte in varie occasioni per coordinare il trasporto tra la Turchia e la Siria.

Shen e suo fratello maggiore Ibrahim Shen, che sono stati oggetto di un’indagine di al-Qaeda nel 2014 nella provincia orientale di Van, in Turchia, sono stati trovati agenti dell’intelligence turca. I fratelli Shen, i dipendenti dell’IHH e altri sospetti nel caso sono stati salvati dall’accusa dal governo Erdogan, che ha licenziato i capi di polizia e i pubblici ministeri che avevano avviato un’indagine su al-Qaeda.

Ibrahim Shen è stato successivamente detenuto in Pakistan perché sospettato di legami con al-Qaeda e trasferito a Guantanamo Bay, dove è stato trattenuto fino al 2005 prima che le autorità statunitensi decidessero di estradarlo in Turchia. Nel 2008 è stato accusato di legami con al-Qaeda e condannato, ma è stato rilasciato con l’aiuto del governo Erdogan.

Nel 2011, quando è iniziata la crisi siriana, i servizi segreti turchi lo hanno reclutato come agente per mobilitare i jihadisti in Siria. I fratelli Shen sono giunti all’attenzione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti nel marzo 2013 quando il suo Office of Counterterrorism and Financial Intelligence, guidato dal vicesegretario di Stato David S. Cohen, ha chiesto alle autorità turche di indagare sul trasferimento di $ 600.000 ad Al-Shabaab. in Somalia tra settembre e dicembre 2012. L’inchiesta è stata messa a tacere dal governo turco.

La pagina web ormai defunta di Ahsen-Der e gli account attivi sui social media mostrano che l’organizzazione promuove l’ideologia di al-Qaeda e fa attivamente campagne per la jihad armata, affermando che i musulmani hanno il dovere di prendere le armi contro coloro che chiamano infedeli. Il sito ha pubblicato video di numerosi religiosi associati ad al-Qaeda. Sebbene Ahsen-Der sia noto per essere collegato a gruppi jihadisti armati, il dirigente di IHH Kuwait Türk non vede alcun problema nel facilitare le attività di raccolta fondi dell’organizzazione.

Secondo i manifesti di aiuto distribuiti dall’organizzazione, le donazioni sono state effettuate utilizzando un numero di conto bancario chiamato Ahsen-Der, che utilizza anche denaro e donazioni in natura per fornire assistenza logistica ai gruppi jihadisti. I registri del ministero dell’Interno esaminati il ​​29 giugno 2021 mostrano che Ahsen-Der è ancora attivo e opera con la licenza governativa n. 27-013-145.

Anche il predecessore di questa organizzazione, Genç Muvahhidler Egitim, Kültür, Sosyal Yardımlaşma ve Dayanışma Derneği (Associazione dei giovani Muwahids per l’istruzione, la cultura, la carità sociale e la solidarietà), un’organizzazione che ha educato i giovani turchi con opinioni radicali, è stata gestita da Polat. Questa struttura è stata liquidata dopo essere stata portata all’attenzione del tribunale (chiamato hub per l’ISIS) in merito a sospetti accusati di essere coinvolti nell’attacco terroristico più mortale mai avvenuto in Turchia (107 persone sono state uccise), quando due terroristi Il 10 ottobre 2015 un attentatore suicida ha fatto esplodere una manifestazione di sostenitori dei partiti di sinistra e filo-curdi vicino alla stazione ferroviaria principale della capitale turca. Nella sua testimonianza in tribunale, Yakup Shahin, sospettato di appartenere all’IS,

Come si è scoperto in seguito, meno di tre partecipanti a questo attacco terroristico hanno partecipato a queste lezioni. Un altro sospettato dell’IS, Resul Demir, noto per essere il contabile di un’organizzazione terroristica e per aver aiutato ad acquistare le auto usate nell’attentato suicida, ha anche ammesso di aver trascorso del tempo a Genç Muvahhidler. Khalil Durgun e Khalil Alchay, entrambi nominati nell’accusa contro la rete IS, hanno anche testimoniato di far parte di un gruppo che seguiva corsi di religione a Genç Muvahhidler.

Si noti che il registro delle persone giuridiche del governo turco mostra che Genç Muvahhidler opera ancora con la licenza di “associazione” del Ministero dell’Interno n. 27-015-076. Non è ancora chiaro dove viva oggi Polat, ma il suo nome è stato più volte menzionato nei fascicoli penali di tutta la Turchia. Nell’atto d’accusa depositato contro l’IS presso la 2a alta corte penale di Ghazinetpa, il nome di Polat era elencato insieme a molti sospetti dell’IS. L’atto d’accusa descrive in dettaglio come Polat e i suoi compagni si esercitavano con le armi nell’area boschiva della provincia.

VP News

Exit mobile version