Omelia per l’Immacolata del Vescovo di Parigi

arcivescovo di Parigi mons. Michel Aupetit

Solennità dell’Immacolata Concezione per la chiusura del Giubileo del Sacro Cuore di Montmartre (18 °)
Messa per la festa del Seminario di Saint-Germain l’Auxerrois (1 °)

– Gn 3,9-15,20; Ps 97,1-4; Ep 1,3-6.11-12; Lc 1,26-38

“Adamo, dove sei? “. “Mi sono nascosto perché sono nudo” (Gn 3,10).

Oggi, come Adamo, siamo nudi e non ci nascondiamo. Siamo nudi perché vediamo la nostra vulnerabilità, la nostra impotenza. Un piccolo virus, un piccolissimo virus, ed eccoci qua, la nostra bella pretesa si sgretola e siamo rintanati come volpi spaventate.

Abbiamo conquistato la terra, l’abbiamo ridotta in schiavitù quando ci era stata affidata per le nostre cure. Pensavamo di essere Dio. Ma non ci vergogniamo! Ci chiudiamo a chiave nelle nostre case, ci diamo una gomitata [per salutarci] un po’ ‘in modo ridicolo, ci proibiamo di muoverci e baciarci. Ma non ci vergogniamo!

Armeggiamo con la natura, falsifichiamo la biologia, distruggiamo l’ordine naturale della filiazione e il rapporto tra uomo e donna. Ma non ci vergogniamo!

L’uomo e la donna delle origini volevano essere “come Dio” seguendo la tentazione del serpente. Si vergognavano. Quindi, una via d’uscita si è aperta. La donna, Eva, divenne la madre dei vivi. I discendenti furono promessi all’umanità.

Pensavamo di essere Dio. Ma non ci vergogniamo. C’è una via d’uscita?

Sì. Questa la via d’uscita è Maria, Maria tutta bella, Maria la magnifica, Maria ricettacolo della Grazia di Dio. L’angelo lo afferma: è “piena di grazia” (Lc 1,28).

Lei sola, a nome di tutti noi, può rispondere al Signore. Nessuna vergogna in lei perché non ci sono ostacoli alla grazia di Dio. Ella accetta pienamente il Dono del Signore, lo Spirito Santo che la prende sotto la sua ombra, non per “farsi” come Dio, ma per “lasciarsi fare” da Dio affinché Lui stesso la deifichi, affinché lei sia. la casa, la madre di suo Figlio, possa diventare figlia di Dio, madre del suo Creatore e che in suo Figlio nascano molti figli al Signore.

In Marria, nessuna vergogna, ma tanto amore.

Alla domanda di Dio: “Adamo dove sei? », Risponde umilmente:« Ecco la serva del Signore »(Lc 1, 38).

Camminiamo sulle orme di Maria, rivolgiamoci a Lei perché ci accompagni in questo cammino di vita che ci viene donato per unirci a Dio nel suo amore.

+ Michel Aupetit, arcivescovo di Parigi.

Exit mobile version