Ognuno con il presente decide il proprio futuro

Non voglio commentare gli eventi in corso, ognuno ha la propria opinione in merito. O crede di averla. In tutti i modi, Alexis Carrel disse che “Poca osservazione e molto ragionamento conducono all’errore; molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità”. Invece oggi, mi pare che il metodo dell’osservazione e della verifica personale, sia del tutto accantonato.

Secondo le autorità, non usare questo metodo è un atto di responsabilità che prima o poi cambierà le sorti della popolazione in bene. Questo è l’obiettivo principale. Il problema è che accettando l’eccezione ora, successivamente – di eccezione in eccezione – il cittadino può essere costretto ad a eseguire qualsiasi istruzione, comprese quelle che un tempo erano semplicemente impensabili.

In questo, il metodo della disinformazione e della fabbricazione di notizie di sana pianta, è il metodo di supporto all’establishment politico che, in emergenza,  ha trovato nei media di informazione,  meri esecutori delle veline governative e dispensatori di palcoscenici.

In verità di dati ne sono stati dispensati ben pochi, ciò che è fatto è  seminare paura.  È importante incoraggiare le persone a fare ciò che i fascisti moderni si aspettano da loro: avere paura, paura e ancora più paura.

In un certo senso, questo è un analogo dell’omertà mafiosa, alla fine viene accettato un sistema di  garanzia reciproca. Nello stesso tempo, l’informazione provvede a rendere effettiva una progressiva separazione tra le ‘persone leali’ e quelle senza speranza in termini di lealtà.

Purtroppo, da una parte e dall’altra, pochi notano che quella in atto non è solo una procedura medica, ma una decisione politica per scambiare la libertà con la sicurezza (che è in realtà un’espressione di lealtà – una persona trasferisce volontariamente alle autorità diritti personali precedentemente inalienabili e ne viene privata per sempre).

A titolo esemplificativo, elenco qui di seguito alcuni episodi di evidente distorsione delle informazioni, compiute da quelle che si definiscono ‘fonti ufficiali’.

Avendo avuto scarso impatto sulla scena internazionale, questa intervista manomessa da PPDA è tuttavia estremamente rivelatrice delle pratiche dei mass media, pronti a falsificare, o addirittura fabbricare da zero, informazioni quando non possono ottenerle con mezzi onesti. È stato Pierre Carles a portare alla luce questa vicenda.
A metà dicembre 1991, il conduttore del telegiornale delle 20:00 su TF1 Patrick Poivre d’Arvor (PPDA), accompagnato dal capo del servizio “stranieri”, Régis Faucon, si recò a Cuba per realizzare un’intervista a Fidel Castro, il leader Stato cubano. Quest’ultimo si rifiuta di concedere loro un’intervista. PPDA e Régis Faucon recuperano il filmato da una conferenza stampa di Castro, registrano domande vere e false e le modificano per dare l’illusione di un’intervista. La falsa intervista PPDA / Faucon-Castro è stata trasmessa il 16 dicembre 1991 nel telegiornale delle 20:00 su TF1.

L’Ucraina è stata al centro di una rivoluzione durante l’Euromaidan iniziata nel novembre 2013. Ciò che i media hanno consapevolmente dimenticato di menzionare è chi erano gli attori di questa rivoluzione e in quali condizioni si era svolta esattamente. Lontano dal mito della popolazione ucraina desiderosa di entrare nell’Unione Europea e di liberarsi dal giogo del vicino russo, la realtà ci mostra un’immagine più sordida: il ritorno del nazismo in Europa.

Nel desiderio di vendere informazioni a tutti i costi, i mass media non esitano a superarsi a vicenda come dei broker, non affatto intimiditi nello scommettere su informazioni che non hanno nemmeno verificato. Questo è stato il caso quando i media occidentali hanno deciso di riportare i morti a Timisoara in Romania durante la caduta del regime di Ceausescu, arrivando al punto di dichiarare che erano state uccise 70.000 persone, mentre nessuna lo era stata.

Intervenire in un paese con il pretesto di venire ad assistere la popolazione è una strategia ben nota che è stata utilizzata molte volte dalla guerra in Iraq. Prendiamo l’esempio della Libia o del tentativo di salvataggio forzato in Siria, quando ancora nulla richiedeva l’intervento delle forze armate. E se le immagini della popolazione infuriata, fermamente contraria a questi “dittatori” che l’Occidente sta fabbricando, fossero in realtà solo false? È stato il caso della caduta della statua di Saddam Hussein, un’immagine che ha fatto il giro del mondo molto rapidamente.

L’Iran non è risparmiato nemmeno dalla propaganda di guerra degli atlantisti, ed è stato Mahmoud Ahmadinejad a pagare il prezzo quando una delle sue dichiarazioni contro il governo di Israele è stata tradotta in modo errato. , quindi non è ancora raro sentire persone dire che l’ex iraniano il presidente ha detto che voleva “cancellare Israele dalla mappa della terra”. E questo nonostante il ministro dell’Intelligence israeliano abbia confermato che il capo di Stato iraniano non aveva mai detto parole del genere

Hugo Chavez ha subito, durante il suo mandato presidenziale, una campagna diffamatoria da parte dei media occidentali. Sebbene non abbia mai invaso (o addirittura pianificato di invadere) nessuno, i media non hanno evitato di erigere la rappresentazione di un capo di stato bellicoso, arrivando al punto di dire l’AFP di tagliare volontariamente le osservazioni audio del presidente durante l’editing del video al fine di distoglierli dal loro significato originario.

L’origine della Guerra del Golfo, che ha messo Saddam Hussein contro una coalizione di 34 stati, è stata una sordida storia di bambini prelevati dalle incubatrici e lasciati morti a terra. Una storia che si è rivelata una favola ripetuta e orchestrata per preparare al meglio l’opinione pubblica all’invasione dell’Occidente.

Sebbene queste bugie degne della più ridicola propaganda di guerra siano state confutate, gli Stati Uniti non hanno mai rinunciato ufficialmente alla teoria delle armi di distruzione di massa fabbricate da Saddam Hussein, e non hanno mai ammesso di aver iniziato una guerra illegale sotto false pretese in Iraq. Supportata dai media occidentali durante questa propaganda di guerra, è questa menzogna che ha permesso di seminare il caos in Iraq, caos che oggi porta all’ascesa di Daesh.

Quindi, la funzione dei media ed il potenziale di manipolazione dovrebbe essere chiaro ma,  ai più, non lo è affatto. Soprattutto non è chiaro che – pure se si è convinti ora della giustezza delle decisioni prese “in via del tutto eccezionale” – quando una persona trasferisce volontariamente alle autorità diritti personali precedentemente inalienabili, ne viene privata per sempre.

In altri termini, non importa l’oggetto: in democrazia è il metodo usato che fa la differenza. Quando il metodo viene sostituito in tempo di crisi, il cambiamento rimarrà per sempre.

Non so come andrà, ma la manipolazione persisterà con la psicologia di massa. Nonostante che ai massimi livelli , con le continue contraddizioni, implicitamente ammettano il completo fallimento delle strategie di lotta precedentemente annunciate, il costruire meglio comunque sarà preservato.

Per la maggioranza degli italiani questo va bene, per cui i denigratori dovrebbero smetterla di portare ragionamenti, statistiche e quant’altro.

patrizioricci by @vietatoparlare

Exit mobile version