Obiettivo: denatalità con contrazione della fertilità a livello globale

Ormai è inevitabile un futuro in cui la popolazione mondiale subirà una forte contrazione

Obiettivo: denatalità con contrazione della fertilità a livello globale 1

Una delle conseguenze del transgenderismo dilagante (non solo, ma dà anche il suo contributo!) è la desocializzazione e la disumanizzazione della società, nonché un calo del tasso di natalità. Questo è l’obiettivo principale degli iniziatori del processo, che è già andato abbastanza lontano. Tant’è vero che alcuni stanno già sostenendo che in futuro il mondo dovrà affrontare uno sbalorditivo incidente globale sulla fertilità.

Naturalmente uno stato di pandemia ripetuta – con annessa una recessione globale – amplificherà l’incidenza delle linee guida dell’Onu e delle organizzazioni internazionali che i governi occidentali recepiscono entusiasticamente insieme a tutto l’apparato informativo.

Il mondo si sta lentamente ma sicuramente dirigendo verso una nuova catastrofe globale: un incredibile declino della popolazione a causa del calo dei tassi di natalità. Questa conclusione è stata fatta da un gruppo internazionale di scienziati dell’Institute for Metrics and Health Assessment che ha condotto uno studio presso l’Università di Washington, analizzando i dati demografici esistenti.

Data di pubblicazione: 14 luglio 2020

Dal comunicato stampa pubblicato da The Lancet

  • Entro il 2100, i tassi di fertilità previsti in 183 dei 195 paesi non saranno abbastanza alti da mantenere le popolazioni attuali senza politiche di immigrazione liberale.
  • Secondo le previsioni, la popolazione mondiale raggiungerà il picco nel 2064 a circa 9,7 miliardi di persone e scenderà a 8,8 miliardi alla fine del secolo, con 23 paesi che vedono ridursi le popolazioni di oltre il 50%, tra cui Giappone, Tailandia, Italia e Spagna.
  • Si prevedono cali drastici nelle popolazioni in età lavorativa in paesi come l’India e la Cina, che ostacoleranno la crescita economica e porteranno a cambiamenti nelle potenze globali. 
  • Le politiche di immigrazione liberale potrebbero aiutare a mantenere la dimensione della popolazione e la crescita economica anche se diminuisce la fertilità.
  • Gli autori avvertono che la risposta al declino della popolazione non deve compromettere i progressi sulla libertà delle donne e sui diritti riproduttivi.

Il calo dei tassi di fertilità significa che entro la fine del secolo, la popolazione di quasi tutti i paesi potrebbe diminuire. La popolazione di 23 paesi dovrebbe dimezzare entro il 2100. Ciò significa che l’origine delle popolazioni in molti paesi sarà sostituita completamente prendendo il posto delle popolazioni autoctone.

La seconda sfida è il drammatico invecchiamento della popolazione. Il tasso di fertilità globale si è quasi dimezzato a 2,4 nel 2017 e si prevede che scenderà al di sotto di 1,7 entro il 2100. Questo avverrà mantenendo le tendenze attuali. In ogni caso, un certo spopolamento nel 21 ° secolo è quasi inevitabile, poiché i processi demografici sono molto inerziali anche se introducessero politiche diverse a supporto della famiglia.

Naturalmente “politiche diverse a supporto della famiglia” non sono in previsione visto la direzione prevalente di lettura di quanto sta per “progressi sulla libertà delle donne e sui diritti riproduttivi”.

La contrazione della popolazione mondiale è portata avanti con molteplici politiche che vanno tutte nella stessa direzione. Avverrà nella disattenzione di tutti, preoccupati della propria sopravvivenza , tra tante problematiche. Forse contenti così di migliorare la situazione. Ci lavorano in molti. E pare che le migrazioni siano da ricercare e non da ostacolare. Naturalmente stuoli di lavoratori obbedienti e sradicatati sono un ottimo consumatore finale.

@vietatoparlare

Exit mobile version