Nuove basi USA in Siria (e non per la lotta all’ISIS…)

Nella seguente info-grafica dell’agenzia turca Anadolu i punti blu sono le basi che le truppe americane hanno ricreato. I punti gialli sono le basi americane abbandonate dalle forze statunitensi.
Quelli rossi sono le basi che l’esercito siriano ha occupato.
Si direbbe che agli USA interessa solo poche cose (si fa per dire): nuocere all’economia siriana , destabilizzare ulteriormente la Siria e contrastare la saldatura politica ed il commercio con l’Iran.

Intanto continua la consueta ipocrisia dei media sulla guerra di Siria. I media italiani riportano i bombardamenti nella provincia di Idlib di ospedali e civili . Tuttavia sia immagini che notizie sono puntualmente fornite dai White Helmet, un gruppo di soccorso embedded ad al Qaeda a cui appartengono gli stessi militanti e non attendibili.. I media però fingono di non saperlo, tanto meno fanno mai  menzione che in quella regione comanda al Qaeda e che gli obiettivi dell’esercito siriano e dei russi sono i terroristi e non certo i civili.

Peraltro nessun report viene diffuso invece dell’attività della coalizione a guida USA contro l’ISIS , ovvero quella l’aeronautica USA. Sì perché anch’essi bombardano: ieri la coalizione USA – anche in questo caso, secondo fonti locali –  avrebbe bombardato alcuni territori controllati dai delegati turchi nel nord della provincia di Aleppo. Gli obiettivi dei raid sarebbero stati colpiti nei villaggi di Käfra e Käfr Gan tra Azaz e Marea. 

Ma la notizia non c’era nei report diffusi dalle nostre parti. D’altra parte perché mai si dovrebbe, visto che questo non fa parte della narrativa corrente?

Ci prendono per imbecilli alla luce del sole…

@vietatoparlare

 

 

JOIN THE DISCUSSION