Nuova offensiva turca contro i ribelli del PKK nel Kurdistan iracheno

ll ministero degli Esteri iracheno ha condannato l’operazione turca, ma non interferisce in alcun modo con essa. Come ha affermato il ministero in una nota: “Il governo della Repubblica dell’Iraq rifiuta categoricamente e condanna fermamente le operazioni militari svolte dalle forze turche”.

Ma nel frattempo l’esercito iracheno ha condotto un’operazione contro le “Forze di Resistenza Sinjar” curde, catturando diversi checkpoint del gruppo. Fonti curde riferiscono che l’operazione è iniziata contemporaneamente a quella turca. Sempre nel nord dell’Iraq, veicoli ISOF (Forze per le operazioni speciali irachene) sono stati visti muoversi in direzione degli insediamenti di Khan Tir e Siba Sheikh Khidr, che si trovano vicino alla città di Shingal nel Sinjar.

Dal servizio curdo Voa: la Turchia lancia una nuova offensiva contro i ribelli del PKK nel nord dell’Iraq

WASHINGTON — 19/04/2022

La Turchia ha annunciato lunedì l’inizio di una nuova campagna terrestre e aerea nel nord dell’Iraq, contro i ribelli armati del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

Soprannominata Operazione Claw-Lock, il governo di Ankara afferma che l’offensiva è una misura preventiva per impedire al PKK di utilizzare l’Iraq come base per effettuare attacchi in Turchia.

Fondato nel 1984 per combattere per l’autogoverno curdo, il PKK è designato come organizzazione terroristica da Turchia, Stati Uniti e Unione Europea.

La nuova operazione arriva pochi giorni dopo che il primo ministro del Kurdistan iracheno Masrour Barzani ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ad Ankara. I due leader hanno discusso i modi per migliorare la sicurezza, gli affari e i legami commerciali, secondo una dichiarazione dell’ufficio di Barzani.

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar è stato citato dall’agenzia di stampa statale Anadolu dicendo: “La nostra operazione sta proseguendo con successo come previsto. Gli obiettivi identificati nella prima fase sono stati colpiti”.

Nel frattempo, in una dichiarazione, i combattenti del PKK hanno affermato di aver abbattuto due elicotteri turchi e ucciso più di due dozzine di soldati turchi.

VOA non può verificare in modo indipendente i rapporti in conflitto.

L’esercito turco ha condotto diverse operazioni contro il PKK negli ultimi anni, sia all’interno della Turchia che nel nord dell’Iraq. L’ultima operazione prende di mira le aree vicino al distretto di Shiladze della città di Amedi.

Il sindaco di Amedi, Warsheen Mayi, ha detto al telefono a VOA che l’operazione non ha preso di mira aree civili. Ma Iqbal Omer, un giornalista freelance, ha detto che le proprietà dei civili sono state danneggiate nell’ultimo attacco aereo.

Gli interessi turchi nel nord dell’Iraq vanno oltre la lotta contro il PKK. La Turchia ha una partecipazione economica significativa nella regione, in particolare nel settore energetico. La Turchia sta anche cercando di espandere la sua influenza nella regione come contrappeso alla crescente potenza dell’Iran.

Alcuni esperti hanno suggerito che il Kurdistan, che si stima abbia 700 miliardi di metri cubi [25 trilioni di piedi cubi] di gas naturale, potrebbe diventare un importante fornitore di energia per la Turchia e l’Europa mentre il mondo cerca di diminuire la sua dipendenza dal gas russo.

“Gli europei sono alla ricerca di nuovi potenziali produttori per fornire gas all’Europa”, ha affermato Nahro Zagros, senior fellow non residente presso il Gold Institute for International Strategy con sede a Washington.

“Il KRG (governo regionale del Kurdistan) può essere uno di questi potenziali fornitori. Detto questo, il KRG non può colmare l’intero vuoto che i russi lasceranno in Europa, ma può aiutare in qualche modo, e questo non può essere raggiunto senza il sostegno turco”, Ha aggiunto.

Safeen Dizayee, capo del Dipartimento per le relazioni estere del KRG, ha affermato che dopo aver incontrato l’offerta interna, il suo governo era aperto all’idea di esportare gas naturale in Europa.

“La regione del Kurdistan non sta cercando di diventare un’alternativa ad altri paesi”, ha detto a VOA. “Ecco perché nella prima fase utilizzerà la maggior parte del gas estratto per soddisfare il fabbisogno domestico. In seguito, una parte del gas può essere esportata in altre parti dell’Iraq se ne hanno bisogno. Nei prossimi anni, quando la regione del Kurdistan si aprirà di più al mondo, senza dubbio potrebbe esportare parte del gas”.

Dizayee ha aggiunto che la Turchia, che funge da ponte per la regione senza sbocco sul mare del Kurdistan verso il mondo esterno, sarà un importante partner nell’esportazione di gas.

Altri, come Izzat Sabir, con sede a Sulaymaniyah, un economista che ha guidato il Comitato economico e finanziario del parlamento del Kurdistan, affermano che la regione deve prima risolvere i suoi problemi politici interni e soddisfare la domanda interna prima di potersi concentrare sul diventare un esportatore.

Non tutti i politici curdi sono d’accordo con l’idea di esportare il gas della regione attraverso la Turchia.

“Penso che sia una decisione ufficiale del mio partito che non permetteremo la vendita del gas naturale attraverso la Turchia nel modo in cui viene venduto il petrolio”, ha affermato Rekawt Zaki, un alto leader dell’Unione Patriottica del Kurdistan (PUK), che controlla alcuni dei i più grandi giacimenti di gas della regione a Chamchamal.

“Il futuro della regione del Kurdistan è il gas naturale, non il petrolio greggio. Il greggio si sta esaurendo in molti campi”, ha affermato l’economista Sabir.

“L’Iraq importa gas naturale per miliardi di dollari dall’Iran e da altri paesi vicini. Sebbene la domanda interna di gas non sia stata soddisfatta, nella regione del Kurdistan non dovremmo pensare di firmare accordi per esportare gas naturale”, ha aggiunto Sabir.

autori: Mutlu Civiroglu, Zhiyar Mohammed e Rikar Hussein.

dal servizio curdo VOA (https://www.voanews.com/a/turkey-launches-new-offensive-against-pkk-rebels-in-northern-iraq/6536148.html)

Exit mobile version