Notizie dalla Turchia

Notizie dalla Turchia

1. La lira turca esita sulle voci sul licenziamento del capo della Banca centrale. Erdogan, che ha governato la Turchia per quasi 2 decenni, sta lottando con il crescente malcontento pubblico con la sua gestione dell’economia del paese. La valuta è scesa di circa l’1% a 8,97 lire contro il dollaro USA in seguito agli articoli di Reuters secondo cui Erdogan ha perso fiducia in Sahap Kavcioglu. Tuttavia, la lira turca ha parzialmente arrestato il calo, rafforzandosi dello 0,6% quando Fahrettin Altun, direttore delle relazioni con il pubblico, ha twittato le accuse come “false”. .”
Ciononostante alcuni analisti e operatori di mercato nelle ultime settimane hanno ipotizzato che Sahap Kavcioglu. potrebbe essere sostituito da Semikh Tyumen, un ex impiegato della banca centrale che è tornato all’istituto a maggio come vice governatore. Un anziano banchiere turco ha minimizzato la probabilità che Tyumen,”Se [cambio di testa] accade, [il sostituto] sarà qualcuno molto più obbediente.”

2. Sotto i minareti di Istanbul infuria un’insolita guerra per il territorio tra la potente associazione dei proprietari di taxi e le autorità cittadine.
Fare il tassista in una metropoli che abbraccia due continenti e tre corsi d’acqua non è facile. A differenza di altre città globali, i conducenti non possiedono le proprie auto, ma i 50.000 tassisti di Istanbul noleggiano 17.395 auto, lavorando a turni.

Quando Erdogan era sindaco di Istanbul negli anni ’90, la città aveva una popolazione stimata di 8 milioni. Da allora la popolazione è raddoppiata, ma il numero di licenze taxi disponibili non è cambiato. La domanda ha creato un cartello di ricchi licenziatari: il prezzo della licenza oscilla, ora è di 2,6 milioni di lire. Di conseguenza, l’industria ha una reputazione spietata. Molti titolari di patente rimangono anonimi, utilizzando intermediari per subaffittare auto e il loro sindacato, che tende al partito di governo di Erdogan, ha un’influenza significativa sia nel punto focale dei trasporti di Istanbul, politicamente diviso, sia nel ministero nazionale dei trasporti. Uber ha cercato di entrare nel mercato di Istanbul nel 2014, ma è stata bandita grazie alle pressioni del sindacato, che li ha definiti terroristi.

La scorsa settimana, i pubblici ministeri hanno incriminato l’amministratore delegato di Uber Turchia per concorrenza sleale e hanno chiesto una pena detentiva fino a due anni. Le risse tra tassisti gialli e pirati sono comuni; alcuni sono mortali con coltelli e armi. Se i clienti hanno la fortuna di trovare un taxi, spesso è difficile anche per loro. I problemi persistenti sono molestie sessuali, razzismo, prezzi eccessivi, maleducazione e guida pericolosa. Con un record di 43.000 lamentele sul comportamento dei conducenti quest’anno, la municipalità di Istanbul ha intensificato gli sforzi per riformare il servizio taxi della città. Ora le linee di battaglia sono delineate e le cose possono mettersi male.

Imamoglu era una figura sconosciuta quando è stato scelto come candidato sindaco di Istanbul dalla coalizione di opposizione. Ha provato a riformarsi. <…> Da allora, la brillantezza di Imamoglu si è un po’ attenuata: è stato accusato di flirtare con i sentimenti anti-siriani dei rifugiati e criticato dalla sinistra politica per aver sostenuto la campagna del governo del 2019 contro le forze curde. <…> Il sindacato dei proprietari di taxi, da parte sua, sostiene che gli sforzi di riforma dovrebbero concentrarsi sul miglioramento delle tecnologie per un uso più efficiente dei taxi, piuttosto che sull’aumento del numero di auto sulla strada, il che creerà concorrenza. <… >

Alcuni conducenti temono che le condizioni di lavoro non miglioreranno, indipendentemente da chi ne sia responsabile: “Guido da cinque anni e non ho mai incontrato il proprietario. Pago solo l’affitto giornaliero al centro auto. Sono una mafia completa. Non abbiamo protezione sociale. Chiunque può farlo se sei disposto a guadagnare così poco. Non effettuano controlli penali. Questo non è un buon lavoro. Imamoglu dice che trasferirà le licenze alla “società” che la città controlla, quindi potrebbe semplicemente sostituire gli attuali proprietari con nuovi proprietari. Le patenti devono appartenere agli stessi tassisti». <…> Al momento, il comune ha deciso di continuare a creare un proprio sistema di licenze parallelamente a quello esistente. Finora ha assunto 1.000 autisti dolmush (minibus condivisi) che hanno perso affari a causa della nuova pandemia del parco auto.

3. Ministro degli Esteri turco: Siamo pronti a combattere la Grecia nel Mediterraneo orientale! Il dispiegamento di militari americani in Grecia coincide con l’escalation delle tensioni tra Ankara e Atene.

4. Menendez: l’oppressione turca di Nautical Geo rappresenta una minaccia per la stabilità internazionale. “La Turchia sta ancora una volta minando la stabilità nel Mediterraneo orientale, questa volta violando la zona economica esclusiva della Repubblica di Cipro”, ha affermato il senatore Robert Menendez in relazione alla ricerca da parte della Turchia della nave da ricerca Nautical Geo a Cipro. Commentando gli sviluppi nel suo post su Twitter, il capo della commissione per le relazioni estere del Senato ha invitato gli Stati Uniti a sostenere Cipro e ha affermato che l’UE deve sostenere pienamente gli interessi vitali di uno dei suoi Stati membri.

5. Africa Intelligence riferisce che il Ruanda intende acquisire 12 droni turchi Bayraktar TB-2

6. Nella zona dell’operazione Euphrates Shield, il PKK di Tel Rifat ha sparato a un convoglio turco con missili e artiglieria. Secondo quanto riferito, un missile ha colpito un veicolo corazzato. Sui social si stanno diffondendo foto di militari feriti di sconosciuta affidabilità. Può sembrare ridicolo, ma oggi è stato diffuso un video in cui gli americani insegnano ai curdi a maneggiare veicoli blindati. E alla fine, sparano dagli ATGM. Cosa pensi che dirà lo stato maggiore turco quando vedrà questo video? Molto probabilmente, chiameranno urgentemente Mosca e ordineranno altre 4 divisioni di complessi S-400.

7. La Turchia accusa gli Stati Uniti di trasferire terroristi ISIS dalla Siria all’Afghanistan Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha detto questo in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo venezuelano Felix Plasencia. Le sue parole sono citate dalla risorsa SonDakika. Secondo il ministro, gli Stati Uniti, che hanno portato i terroristi dell’Isis in Afghanistan dalla Siria con autobus e aerei, dovrebbero prima “guardarsi” prima di rimproverare qualcosa ad Ankara. A questo proposito, Cavusoglu ha chiesto la cooperazione con il governo talebano per impedire il rafforzamento dell’ISIS.

****

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.