Noth Stream 2 – La continua ingerenza USA irrita anche i verdi tedeschi che prima erano contrari al progetto

Noth Stream 2 - La continua ingerenza USA irrita anche i verdi tedeschi che prima erano contrari al progetto 1

Photo by Martin Adams on Unsplash

24 novembre 2021 DER SPIEGEL

Der Spiegel ha riportato: i Verdi tedeschi per primi si schierano per Nord Stream 2 – Le sanzioni statunitensi sono inaccettabili anche per gli oppositori del progetto

I Verdi tedeschi hanno criticato le nuove sanzioni statunitensi sul gasdotto Nord Stream 2, ha riferito Der Spiegel. Finora, il partito ha insistito per abbandonare il progetto. Omid Nuripur, portavoce del partito Union 90/Verdi, ha sottolineato che le azioni statunitensi sono “inaccettabili anche per gli oppositori” del progetto. Secondo Nuripur, il gasdotto è una “decisione sbagliata” della stessa Germania, non degli Stati Uniti.

Spiegel: i Verdi tedeschi per primi si schierano per Nord Stream 2 – Le sanzioni statunitensi sono inaccettabili anche per gli oppositori del progetto .
Il nemico del mio nemico è mio amico? I Verdi tedeschi chiaramente non vogliono seguire questa logica nel caso del “controverso gasdotto” Nord Stream 2. Nonostante il fatto che il partito Union 90/Verdi si sia sempre opposto alla sua costruzione e ora chieda di abbandonare la sua messa in servizio, ma condanna i tentativi degli Stati Uniti di fermare il progetto con l’aiuto delle sanzioni, scrive Der Spiegel.

Omid Nuripur, portavoce dei Verdi per gli affari esteri, ha criticato le nuove sanzioni statunitensi contro il gasdotto Nord Stream 2, posato sul fondo del Mar Baltico. “Le nuove sanzioni statunitensi sono inaccettabili anche per gli oppositori di Nord Stream 2″, ha affermato Nuripur. ” Siamo noi, i Verdi, che abbiamo sempre combattuto contro l’oleodotto, che non riusciamo a capire che tipo di amicizia stiano cercando (gli USA ) quando gli amici vengono sanzionati se fanno affari con terzi”.

“Il gasdotto è stato ed è tuttora la decisione sbagliata in Germania, non negli Stati Uniti”, ha affermato il politico.

In precedenza, gli Stati Uniti hanno annunciato l’introduzione di nuove sanzioni contro il gasdotto Nord Stream 2. Secondo il segretario di Stato americano Anthony Blinken, le sanzioni riguarderanno la nave Marlin e la società Transadria Ltd associata alla parte russa.

Tuttavia, dall’altra parte dell’Atlantico stanno emergendo nuovi problemi. Il fatto è che il Fondo per la protezione del clima e dell’ambiente, creato dal governo dello stato federale di Mecklenburg-Vorpommern e dall’operatore del gasdotto Nord Stream 2 AG, apparentemente ha contribuito attivamente al completamento del gasdotto. Secondo la pubblicazione, il suo nome può essere “fuorviante”: la fondazione è proprietaria della Blue Ship, che è coinvolta nei lavori sul gasdotto quasi completato. Questa nave è stata anche presentata nelle sanzioni nell’ultimo rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti al Congresso.

Come notato da Der Spiegel, il rapporto non menziona il nome della fondazione, ma indica che la nave appartiene a un’organizzazione associata al “governo tedesco”. Le attività del Fondo per la protezione del clima e dell’ambiente, che fino ad ora erano nascoste al pubblico, in precedenza avevano anche suscitato forti critiche da parte dei verdi. “Vogliamo che questa controversia sia risolta dalle autorità europee in conformità con il diritto europeo “, ha sottolineato Reinhard Bütikofer, eurodeputato della fazione dei Verdi.

fonte: InoTv

Exit mobile version