Non esiste quasi più nessuno ad Idlib degli abitanti originari, essi sono partiti già anni fa in fuga dai terroristi

”Le battaglie per Idlib sono una guerra con terroristi trincerati lì, e non con civili, come molti media occidentali stanno cercando di mostrare” –  dice la pubblicazione MintPress  – “I combattimenti a Idlib hanno cacciato quasi un milione di persone (da case che non sono le loro, in quanto erano abusivi). Questi civili sono mogli, figli e parenti anziani dei terroristi. I proprietari di case originali di Idlib sono partiti anni fa, in fuga dai terroristi.”
Di pari argomento, proseguendo sullo stesso tema, la traduzione dell’articolo “Det är al-Qaidaterrorister som är måltavlan för offensiven in Idlib” del giornale svedese Proletaren. 

Come si può notare, l’articolo è stato scritto prima del cessate il fuoco avvenuto il 5 marzo a Mosca. Tuttavia,anche se è di qualche giorno fa,  chiarisce abbastanza chiaramente la reale situazione di Idlib, estremamente semplificata dai media mainstream, per proprio uso e consumo.

Proletären (Svezia): i terroristi di Al Qaeda prendono di mira l’offensiva di Idlib

Le vittime delle battaglie per Idlib crescono sempre di più. Questa è una vera tragedia. Ma l’offensiva è iniziata perché Idlib è diventato il paradiso dei terroristi di al-Qaeda, che viene detto in tono sommesso. Mentre le reti terroristiche sono diffuse nel paese, la pace, la sicurezza e il ripristino della Siria sono impossibili.

Patrick Paulov – 20 febbraio 2020

L’offensiva siriano-russa contro i gruppi armati nella Siria nordoccidentale si è intensificata negli ultimi mesi.
Il fatto che le persone vengano nuovamente uccise, ferite e portate in fuga è profondamente tragico. Dopo nove anni di conflitto armato, la Siria e il suo popolo hanno bisogno di pace, sicurezza e ricostruzione, non di morte e distruzione. Tuttavia, i resoconti dei media sugli sviluppi nella provincia di Idlib e nella vicina Aleppo sono sia imprecisi che fuorvianti.

Idlib è  ancora indicata come area controllata dall’opposizione. Per dirla in parole povere, una bella riscrittura [della realtà]. In una conferenza sull’antiterrorismo a Washington nel luglio 2017, Brett McGurk, allora inviato degli Stati Uniti nella coalizione contro l’IS, ha dichiarato:

“La provincia di Idlib è il più grande santuario di al-Qaeda dall’11 settembre … Fare come alcuni dei nostri alleati e inviare decine di migliaia di tonnellate di armi e guardare dall’altra parte quando i guerrieri stranieri entrarono in Siria potrebbe non essere stato l’approccio migliore. al-Qaeda ne ha fatto pieno uso. Idlib è ora un grosso problema. “

La descrizione di Brett McGurk è corretta, con l’aggiunta che gli Stati Uniti hanno anche inviato armi e distolto lo sguardo. La provincia di Idlib è controllata dal ramo siriano di al-Qaeda, precedentemente noto come Jabhat al-Nusra ma ora si chiama Hayat Tahrir al-Sham (HTS).

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite identifica i governanti di Idlib come terroristi nella stessa categoria dello Stato islamico, IS. In effetti, sia HTS che IS sono nati ad al-Qaeda in Iraq.

Gran parte degli abitanti originari della provincia fuggirono già nel 2015, quando l’area cadde nelle mani di al-Qaeda e dei suoi alleati. Questi Idlibs sono fuggiti per le loro vite o perché non volevano vivere sotto il dominio islamico violento ed estremo. Quasi tutti i cristiani sono fuggiti dalla provincia.

Nel luglio 2018, l’organizzazione siriana per la verità e la giustizia con sede a Strasburgo ha riferito che una forza di polizia religiosa è stata istituita a Idlib per garantire che i residenti seguissero la legge della Sharia.

Negli ultimi anni , Idlib ha anche guadagnato molti nuovi residenti, sia da altre aree della Siria che da altri paesi.

Dal 2016 l’esercito siriano ha ripreso il controllo di Aleppo orientale, Ghouta orientale e altre aree precedentemente governate da al-Qaeda e altri estremisti. Alcuni residenti in queste aree hanno rifiutato di accettare di vivere sotto il governo, motivo per cui sono stati portati a Idlib. Tra questi Idlibs appena arrivati ​​ci sono migliaia di membri di gruppi armati e le loro famiglie.

I rifugiati di Idlib con cui sono stato in contatto dicono di aver visto sauditi, tunisini e persone di altre nazionalità nei gruppi armati. Testimoniano anche che Idlib ha ricevuto migliaia di uiguri cinesi appartenenti al Partito islamista turkmeno alleato di Al Qaeda (TIP).

Secondo il think tank International Crisis Group (ICG) con sede a Bruxelles, il partito islamista del Turkestan è uno dei gruppi armati più potenti della zona e hanno anche preso il controllo di diverse città più piccole, che sono tenute chiuse ad altri residenti.

Combattere al Qaeda, TIP e altri gruppi terroristici è lo scopo principale dell’offensiva siriano-russa, non espellere e uccidere civili innocenti.

Sono stati fatti tentativi per calmare la situazione e migliorare la sicurezza almeno temporaneamente con mezzi pacifici.

Nel settembre 2018, è stato firmato un accordo tra Turchia e Russia per creare una zona di sicurezza smilitarizzata al confine tra Idlib e altre province siriane. Alla Turchia fu permesso di istituire posti militari all’interno della zona e aveva il compito di garantire che Hayat Tahrir al-Sham e altri terroristi lasciassero l’area di confine.

Inoltre, l’autostrada tra Damasco e Aleppo, che attraversa parzialmente la zona, sarebbe rimessa stata in servizio.

La Turchia non ha mai adempiuto ai suoi impegni. Ciò non sorprende, dato che la Turchia è tra gli Stati che hanno dato il massimo sostegno ai gruppi armati di Idlib e del resto della Siria.

Durante la fine del 2018 e la prima metà del 2019, i terroristi di al-Qaeda in HTS hanno rafforzato la loro posizione in Idlib. Allo stesso tempo, hanno effettuato sanguinosi attacchi contro il territorio controllato dal governo nelle province vicine. Molti civili, compresi i bambini, furono uccisi. Tuttavia, le immagini di queste vittime non sono mai state mostrate dai media occidentali.

L’offensiva attualmente in corso è una risposta diretta a questo sviluppo negativo.

Quando la coalizione contro l’IS insieme alle forze curde della SDF è diventata offensiva contro l’IS a Raqqa e il resto della Siria nord-orientale ha applaudito il mondo esterno. Anche allora, i civili furono colpiti duramente e la devastazione si diffuse. Ma il califfato è stato schiacciato e i terroristi dell’IS hanno perso il loro santuario, dopo di che i residenti sono potuti tornare.

Lo stesso obiettivo si applica a Idlib. Finché alla provincia sarà permesso di essere un paradiso per i terroristi di al-Qaeda, non è possibile creare pace e sicurezza per la Siria e la sua gente.

La parte del governo ha ottenuto un grande successo negli ultimi mesi. Le parti orientali di Idlib, così come la periferia occidentale di Aleppo, che confina con la provincia di Idlib, per la prima volta in molti anni sono state riprese dall’esercito.

Una delle principali cause di preoccupazione sono le minacce del presidente Recep Tayyip Erdogan secondo cui le forze armate turche dovrebbero invadere la Siria e respingere l’avanzata dell’esercito siriano. Tale aggressione turca avrebbe esacerbato la crisi umanitaria e rafforzato gli estremisti armati a Idlib. Che a sua volta rischia di prolungare la guerra e le sofferenze per tutta la Siria.

La triste verità è che il santuario terroristico di Idlib probabilmente non sarebbe mai sorto se la Turchia e un certo numero di stati del Golfo e paesi occidentali non avessero fornito loro le armi, mentre i jihadisti stranieri entravano in Siria.

@vietatoparlare