Non è ancora terminato il lockdown attuale, ma già si pensa al lockdown per il clima…

Non è ancora terminato il lockdown attuale, ma già si pensa al lockdown per il clima... 1

Photo by Markus Spiske on Unsplash

Sembra che si faccia sul serio. Vi è sempre più insistenza che la prossima emergenza sarà il clima. Da qui il termine “Klima-Lockdown“, generato dalla “nuova normalità” in Germania.

L‘articolo che ne parla è del 05/07/2021 ed il titolo è Gegen Treibhauseffekt: Braucht es einen Klima-Lockdown? (Contro l’effetto serra: è necessaria una chiusura climatica)? L’articolo originale di BR24 – Bayerischer Rundfunk ( Tv tedesca).

Di seguito una traduzione non ‘letterale’:

… La decisione della Corte costituzionale federale è inequivocabile: entro il 2030 le emissioni di gas serra dovrebbero essere ulteriormente ridotte. Cosa vogliono fare i politici? Il termine “Klima-Lockdown” circola sul web da diversi giorni. Questa è davvero un’opzione?

La proposta Klima-Lockdown era già stata fatta durante il primo blocco del coronavirus. Meno consumo di energia, meno traffico e meno consumo in generale hanno contribuito a riduzioni marcate delle emissioni di CO2 e dell’inquinamento ambientale. Come risultato della pandemia del 2020, la Germania ha persino raggiunto obiettivi climatici che molti hanno già cancellato.

Abbiamo bisogno di restrizioni permanenti per proteggere meglio il clima?

Il ministro federale dell’Ambiente Svenja Schulze e il vice cancelliere Olaf Scholz (entrambi SPD) hanno presentato questa settimana un nuovo piano climatico in risposta alla sentenza della Corte costituzionale federale. Entro il 2030, le emissioni di gas serra dovrebbero essere ridotte del 65% rispetto al 1990. L’obiettivo precedente era il 55 percento. Secondo i piani dei ministri SPD, la Germania dovrebbe raggiungere la completa neutralità climatica entro il 2045 (in precedenza – entro il 2050).

Il primo ministro della CDU della Sassonia Michael Kretschmer ha messo in guardia contro un’azione rapida: “Una cosa è chiara: la Germania deve fare quello che può, ma anche gli altri paesi. Un’efficace protezione del clima può avere successo solo con la partecipazione di tutti “, ha affermato. “Dobbiamo pensare molto attentamente a come agire in modo efficace. Sarebbe sbagliato introdurre il Klima-Lockdown [immediatamente] dopo il blocco del coronavirus”.

Karl Lauterbach ritiene che Klima-Lockdown sia necessario

Il politico della SPD Karl Lauterbach ritiene che dobbiamo accettare alcune restrizioni se vogliamo controllare il cambiamento climatico. Ne ha scritto alcuni mesi fa in una replica di “Welt”. Grazie allo sviluppo di un vaccino contro il coronavirus, siamo in grado di combattere la pandemia … “Tuttavia, non ci sarà mai un vaccino contro il CO2. Pertanto, abbiamo bisogno di misure per combattere il cambiamento climatico, simili alle restrizioni alla libertà personale durante una pandemia. Come in guerra. Sto sempre più pensando alle possibilità di questo “, ha detto Lauterbach.

Gli scienziati sono scettici su Klima-Lockdown

D’altra parte, il professor Konrad Ott, esperto di filosofia ed etica ambientale presso la Christian-Albrechts-Universität zu Kiel, non crede all’idea di Klima-Lockdown: “Klima-Lockdown non è né necessario né consigliabile. La società può farlo solo per un breve periodo di tempo. Fare isolamento, Klima-Lockdown per anni o decenni è inimmaginabile “. Secondo il professore, l’argomento [per il Klima-Lockdown] si basa su un’analogia superficiale tra la lotta a una pandemia e la lotta a un problema a lungo termine per l’umanità.
È giunto il momento di promuovere un cambiamento sostenibile nella società, ma non si tratta di soluzioni rapide, ma di “farlo continuamente e senza panico” e di un piano a lungo termine.
fine della traduzione

Tenendo conto dell’allineamento alle future elezioni, il Klima-Lockdown è del tutto possibile.

E’ stato annunciato ad aprile che Annalena Baerbock (presidente del partito ambientalista Alleanza 90/I Verdi, carica che ricopre assieme a Robert Habeck), guiderà Soyuz 90 / Greens alle elezioni del Bundestag a settembre. È lei che ora ha buone possibilità di diventare il nuovo cancelliere della Germania.

All’inizio poco conosciuta, la Berbock è diventata rapidamente il volto dei Verdi, apparendo frequentemente in televisione. A causa della sua frequenza di apparizioni, alcuni media l’hanno definita “la regina dei talk show”. La lotta al cambiamento climatico è per lei uno dei temi centrali. È noto che la Berbock è favorevole all’accelerazione del ritmo di abbandono dell’energia del carbone, previsto in Germania per il 2038.

Quindi dopo la violenza covid, starebbe arrivando l’autoritarismo ecologico: gli inventori della pandemia [se non della malattia , del suo utilizzo politico-sociale] continueranno a saccheggiare il mondo. I consulenti dei leader mondiali all’unisono convincono che ora è il momento di sventrare ancora di più le tasche di miliardi di plebei.
Ovviamente, i leader globali hanno scavalcato una sorta di linea rossa. Indica chiaramente che la crisi del coronavirus con annesso panico e Grande Quarantena è stata volutamente orchestrata per abituare rapidamente i plebei alla povertà.

Non è che le persone siano radicalmente derubate dal metodo della Grande Quarantena.
Il fatto è che i leader mondiali non si fermano e intendono continuare rapine illimitate, strappando i plebei fino all’ultimo filo e derubandoli fino all’ultima razione.

Epilogo: “I draghi, come sai, rubano oro e gioielli alle persone, agli elfi, agli gnomi – dove e quando possono – e proteggono le loro prede fino alla fine della loro vita (e i draghi vivono quasi per sempre, a meno che non vengano uccisi) , ma non useranno nemmeno l’anello più economico. Loro stessi non sono in grado di fare assolutamente nulla, non possono nemmeno rafforzare alcune squame sciolte nella loro armatura “(JRR Tolkien,” Lo Hobbit “)

Naturalmente ci sono variabili e imprevisti che possono aprire nuovo corsi, ma l’umanità si trova a questo punto e la ripresa dovrebbero cominciare dall’io del singolo. Sarà per questo che è sotto il fuoco, in un ottimo esperimento di controllo delle folle, un ottimo esempio degli studi sul ‘contenimento psicologico delle masse’, descritti da Gustave Le Bon.

@vietatoparlare

Exit mobile version