“No Nato? No party!”: Twitter censura account che si esprimono contro i “valori” della Nato

In ‘Orwell 1984’  il Ministero della Verità era molto orgoglioso di emettere costantemente nuove revisioni del dizionario ufficiale, ed ogni numero era più sottile del precedente. Una cosa simile sembra stia accadendo anche qui, nella nostra quotidianità. I media diffondo la versione governativa, la carta stampata pure, le piazze sono chiuse per il Covid e i network proprietari delle piazze virtuali filtrano il pensiero e la parola che gli utenti esprimono. Non bastano le campagne le leggi contro l’odio, ora ci sono anche le censure contro ogni pensiero che si discosta dalla narrativa di ufficiale. Non sarebbe meglio e più ‘democratico’ agire semmai  sulla capacità di giudizio delle persone, in una società pluralistica e realmente libera?

patrizioricci by @vietatoparlare


Dalla edizione online ‘Mintpress’:

Twitter cancella dozzine di account russi perchè “indeboliscono la fede nella NATO”

Un sistema di propaganda è molto più efficace – e pericoloso – quando coloro che sono all’interno non ne sono consapevoli e credono di essere liberi da influenze.

ll gigante dei social media Twitter ha annunciato ieri di aver cancellato 373 account che sostiene fossero collegati a Russia, Iran e Armenia. In un post sul blog intitolato “Divulgazione di reti di operazioni di informazione collegate allo stato”, ha affermato di aver preso la decisione di rimuovere 69 account russi principalmente perché stavano “minando la fede nell’alleanza NATO e nella sua stabilità”. La mossa ha scatenato polemiche su Lo stesso Twitter, con molti utenti che scherzavano sul fatto che la loro fedeltà alla NATO non fosse sufficientemente zelante.

La casa di vetro di Twitter

Twitter ha giustificato la decisione indicando le sue regole relative al divieto di reti di disinformazione controllate dallo stato. Eppure non è riuscito a spiegare completamente e esattamente come facesse a sapere che questi utenti fossero al soldo del Cremlino o sotto il controllo del Grande Ayatollah Khamenei. In effetti, il presunto team di “indagini e analisi indipendenti” dello Stanford Internet Observatory, a cui Twitter ha appaltato il suo lavoro, ha a sua volta collegamenti preoccupanti con lo stato (USA). Ad esempio, il suo collega Matt Masterton era, fino a poco tempo fa, un alto funzionario presso il Dipartimento per la sicurezza interna. In effetti, l’intero osservatorio si trova all’interno del Freeman Spogli Institute for International Studies, guidato dall’ex ambasciatore americano in Russia (e noto falco del Cremlino) Michael McFaul.

Presunti “esperti” accusano gli utenti di essere agenti di disinformazione collegati alla Russia con grande regolarità. Ben Nimmo, giornalista di dati ed ex addetto stampa della NATO, ha affermato falsamente che un noto concertista ucraino e un pensionato gallese erano robot del Cremlino. Nimmo è stato recentemente annunciato come capo dell’intelligence di Facebook.

Non è la prima volta che Twitter ha agito contro coloro perchè diffondono informazioni che non gradite. Tuttavia, gli obiettivi di Twitter sembrano invariabilmente essere i nemici degli Stati Uniti e della NATO. A giugno, su consiglio dell’Australian Strategic Policy Institute (ASPI), Twitter ha vietato quasi 200.000 account aperti da residenti in Cina, Russia e Turchia, accusando tutti di “diffusione di narrative geopolitiche favorevoli al Partito Comunista Cinese”, il Cremlino o Istanbul. Eppure la stessa ASPI è finanziata sia dal governo statunitense che da quello australiano, così come da una miriade di appaltatori di armi, i quali hanno tutti un chiaro e forte interesse ad aumentare le tensioni con gli avversari della NATO. Quattro mesi dopo, Twitter – su suggerimento dell’FBI –  è entrato in azione contro una serie di resoconti iraniani .

Sfortunatamente, la portata della collaborazione tra big tech e Stato di sicurezza nazionale va oltre la semplice collaborazione su chi eliminare. Nel 2019, è stato rivelato che un alto dirigente di Twitter era in realtà un ufficiale di alto rango della 77a brigata dell’esercito britannico, la divisione dedicata alle operazioni psicologiche e alla guerra online. Non è chiaro come abbia potuto raggiungere una posizione così elevata dentro Twitter senza la collaborazione consapevole del gigante tecnologico. Ancora meno certo è il motivo per cui la storia è stata quasi completamente ignorata dai media mainstream e come abbia continuato a mantenere il suo incarico in Twitter fino ad oggi.

Oltre alla nomina dell’uomo della NATO Nimmo, Facebook mantiene anche uno stretto rapporto con l’organizzazione militare. Nel 2018, ha annunciato una partnership con una organizzazione  della NATO, il Consiglio Atlantico, in base al quale il Consiglio avrebbe contribuito a curare i feed di notizie dei suoi 2,8 miliardi di utenti.

Reddit ha anche assunto un ex vicedirettore del Consiglio Atlantico della sua Task Force strategica per il Medio Oriente come direttore delle politiche, una mossa che collegava il popolare sito di aggregazione di notizie sociali allo stato di sicurezza nazionale. Altre grandi aziende tecnologiche come Google, Amazon, Microsoft e IBM hanno firmato accordi commerciali multimiliardari con la CIA, una mossa che porta praticamente l’intero settore nell’orbita dello stato di sicurezza nazionale.

Il MIC della “New Digital Age”

“Quello che Lockheed Martin è stato per il ventesimo secolo”, hanno scritto i dirigenti di Google Eric Schmidt e Larry Cohen nel loro libro “The New Digital Age”, “le società di tecnologia e sicurezza informatica saranno per il ventunesimo”. Il loro libro è stato caldamente approvato sulla quarta di copertina dal direttore del Consiglio Atlantico Henry Kissinger.

mintpress

La NATO è stata fondata sulla scia della seconda guerra mondiale come presunta alleanza difensiva contro l’Unione Sovietica. Tuttavia, con lo scioglimento di quella nazione nel 1991, la NATO non è stata demolita; invece è stata ampliata, sia nei paesi membri che nel suo mandato. La NATO ha iniziato a dichiarare che la sua competenza si è diffusa in tutto il mondo e nel cyberspazio. In occasione del 70 ° anniversario dell’organizzazione nel 2019, il suo ex comandante supremo, l’ammiraglio James Stavridis, ha dichiarato che d’ora in poi sarebbe stata “molto più impegnata nella … sicurezza informatica” e avrebbe impiegato una “capacità informatica offensiva” di gran lunga maggiore. Le ultime azioni di Twitter suggeriscono che i suoi proclami erano accurati.

Propaganda furtiva

Mentre il governo sovietico controllava efficacemente il suo intero apparato mediatico, i suoi cittadini erano almeno consapevoli di questo fatto e di conseguenza diffidavano di esso. In Occidente, tuttavia, il livello di penetrazione dello stato nei media commerciali e nei social media è raramente oggetto di discussione. Il sistema di propaganda è molto più efficace e pericoloso perchè i cittadini non ne sono consapevoli e credono di essere liberi da influenze. Peggio ancora, le grandi società di social media come Twitter e Facebook dominano il mondo, non solo un paese, il che significa che la loro influenza è globale. Il fatto che Twitter stia agendo contro gli account perché minano la fiducia nella NATO è un segno sicuro della crescente influenza dell’organizzazione negli affari interni di Twitter.

Foto  | Il senatore John Kennedy, R-La., Ascolta la testimonianza del CEO di Twitter Jack Dorsey durante un’udienza della commissione giudiziaria del Senato, 17 novembre 2020. Bill Clark | Pool tramite AP

Alan MacLeod  è Senior Staff Writer per MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato di ricerca nel 2017, ha pubblicato due libri:  Bad News From Venezuela: Twenty Years of Fake News and Misreporting  and  Propaganda in the Information Age: Still Manufacturing Consent , così come  una  serie  di  articoli accademici  . Ha anche contribuito a  FAIR.org ,  The Guardian ,  Salon ,  The Grayzone ,  Jacobin Magazine e  Common Dreams .

Il video – con sottotitoli in italiano – è stato aggiunto dal sottoscritto come ulteriore contributo. Si vede il senatore Ted Cruz fare domande molto interessanti al CEO di twitter.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.