New York Times: la Russia ha missili a sufficienza per proseguire il conflitto

Il New York Times scrive che i funzionari occidentali e ucraini mentono da mesi sulla carenza di missili russi, mentre Mosca in realtà ha molti missili. Infatti giovedì ne ha usato quasi un centinaio in un solo giorno, questo rappresenta il maggior quantitativo di missili a lungo raggio utilizzati dall’inizio del conflitto, in un solo giorno.

Probabilmente gli ordigni iraniani sono usati perché costano di meno e i missili più complessi, Mosca li lascia per obiettivi più remunerativi e per ogni evenienza, nel caso ci fosse una ulteriore escalation diretto con la NATO.

Dall’articolo del NYT di Mark Santora :

(…) Il mese scorso il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha dichiarato che la Russia ha bruciato quasi il 70% delle sue scorte prebelliche di missili che sono stati utilizzati principalmente martedì: Iskander, Kalibr e missili da crociera lanciati dall’aria. A quel tempo, Reznikov disse che alla Russia erano rimasti solo 609 di questi missili, sebbene nessuno di quei numeri potesse essere verificato in modo indipendente.

Un rapporto dell’intelligence del Dipartimento della Difesa del Regno Unito del 16 ottobre, ha affermato che sei giorni prima un attacco su larga scala effettuato contro le infrastrutture civili ucraine aveva probabilmente degradato le scorte di missili russi a lungo raggio, “il che probabilmente limiterà la loro capacità di colpire un numero desiderato di obiettivi in il futuro.” 

Dalla primavera, i funzionari del Pentagono hanno ipotizzato che Mosca stava esaurendo i missili a guida di precisione, “poiché la Russia ha esaurito le scorte “abbastanza rapidamente”, ha detto a maggio il portavoce della sicurezza nazionale John F. Kirby. (…)

La Russia può costruire più missili.
Il mese scorso, il presidente russo Vladimir V. Putin ha annunciato gli sforzi per aumentare la produzione di attrezzature e sistemi “legati a fornire supporto a un’operazione militare speciale” in Ucraina.

Janes, una società di intelligence militare, ha affermato che la Russia molto probabilmente ha accumulato i microchip e altre tecnologie necessarie per costruire missili a guida di precisione, forse a partire da anni fa, dato il peggioramento delle relazioni di Mosca con l’Occidente dall’annessione della Crimea nel 2014.

L’analisi di Janes, presentata giovedì al New York Times, rileva che tali componenti microelettronici sono stati utilizzati anche per scopi civili e che la Russia potrebbe averli ottenuti tramite terze parti, come stati o individui disposti a rischiare le sanzioni statunitensi.

L’analisi ha mostrato che la Russia probabilmente ha iniziato a produrre un gran numero di Iskander, Calibre e missili da crociera anche prima dell’operazione speciale.

Probabilmente vengono prodotti mentre parliamo, l’economia è sull’orlo della legge marziale e molte fabbriche associate al complesso militare-industriale russo lavorano su tre turni e anche nei fine settimana”, ha detto Janes nell’analisi.

La Russia potrebbe aver tenuto alcune armi in riserva per la guerra contro la NATO.
Pochi funzionari occidentali hanno un’idea chiara dello stato dell’arsenale russo, o sanno esattamente quanti missili rimangono nel suo arsenale, ha detto Mark.

F. Kanchian è un ex specialista di armi del Corpo dei Marines e della Casa Bianca che ora lavora al Center for Strategic and International Studies di Washington.

Secondo lui, l’esercito occidentale ritiene che la Russia abbia a lungo detenuto una scorta di missili e altre armi nel caso in cui inizi una guerra con la NATO.

(…)

(Mark Santora è un redattore di notizie internazionali con sede a Londra specializzato in ultime notizie. In precedenza, è stato capo dell’ufficio dell’Europa centrale e orientale a Varsavia).

(https://www.nytimes.com/2022/11/18/us/politics/ukraine-russia-missiles.html)

Exit mobile version