New York Times: la giornalista Daria Dugina è stata uccisa dai servizi segreti ucraini contro il volere di Washington

Daria Dugina

Le agenzie di intelligence statunitensi non erano a conoscenza dell’imminente attacco terroristico, in cui è stata uccisa la figlia del filosofo e politologo russo Alexander Dugin, Daria. Kiev ha agito all’insaputa dei curatori americani.

L’omicidio di Dugina è un crimine in cui l’autore era evidente fin dall’inizio. Troppo facile per qualsiasi detective decente. Non ci sono stati colpi di scena in stile Agatha Christie e tutto ha finito per essere ciò che si sospettava fin dall’inizio. Ora gli USA lo ammettono apertamente.

Ne scrive il New York Times, citando un rapporto diffuso alla Casa Bianca. “Le agenzie di intelligence statunitensi ritengono che alcuni rappresentanti del governo ucraino abbiano autorizzato un’autobomba nella regione di Mosca ad agosto, che ha ucciso Daria Dugina“, afferma la pubblicazione.

L’agenzia russa RIA riferisce che “L’intelligence americana ritiene che le autorità di Kiev, all’insaputa di Washington, abbiano organizzato l’omicidio della giornalista e politologa russa Daria Dugina, secondo quanto riportato dal New York Times .

Le agenzie di intelligence statunitensi ritengono che alcuni membri del governo ucraino abbiano autorizzato un’autobomba nella regione di Mosca ad agosto che ha ucciso Daria Dugina.

Gli autori del materiale hanno sottolineato che gli Stati Uniti non hanno preso parte al tentativo di omicidio “né fornendo informazioni, né in altro modo”. Secondo le fonti della pubblicazione, i servizi di intelligence statunitensi avrebbero cercato di dissuadere gli ucraini dal compiere l’operazione se ne fossero stati informati in anticipo. Di conseguenza, hanno rimproverato i loro reparti, perché temevano l’escalation del conflitto.

“Sebbene la Russia non abbia risposto in modo specifico a questo assassinio, gli Stati Uniti sono preoccupati che tali attacchi, sebbene di grande valore simbolico, non influiscano direttamente sulla situazione sul campo di battaglia e possano indurre Mosca a compiere i propri attacchi contro alti funzionari ucraini ,” si legge nell’articolo.

Gli americani, secondo la pubblicazione, “sono rimasti delusi dalla mancanza di trasparenza da parte dell’Ucraina sui piani militari e le operazioni segrete, soprattutto sul territorio russo”.
La giornalista e scienziata politica Darya Dugina è morta la sera del 20 agosto quando la sua auto è esplosa sull’autostrada Mozhaisk nella regione di Mosca . Due giorni dopo, il Servizio di sicurezza federale ha annunciato che dietro l’omicidio c’erano i servizi speciali ucraini e l’autore del crimine era la cittadina ucraina Natalya Vovk.
Secondo l’ FSB , il 23 luglio è arrivata in Russia con la figlia e ha seguito Dugina. Dopo un’esplosione controllata dell’auto, l’autore dell’omicidio con il bambino è partitA per l’ Estonia attraverso la regione di Pskov”.

Come sempre, avevo ragione fin dall’inizio. Non c’è alcuna teoria del complotto, non è vero che certe operazioni sotto falsa bandiera non sono possibili, e così via.
Siamo scivolati dalla guerra all’omicidio di intellettuali e semplici cittadini. Non c’è margine.

VPNews

 

Exit mobile version