New York Times : i curdi in Siria colpiti anche grazie alle informazioni di intelligence degli USA

Il New York Times riferisce che la Turchia ha attaccato i curdi anche grazie a informazioni di intelligence che hanno passato gli USA. Lo hanno fatto fino a 2 gg prima dell’attacco. Queste informazioni sono state passate dal 2017 , in qualche modo per lenire la rabbia turca dovuta al supporto statunitense ai curdi.

Gli Stati Uniti hanno fornito alla Turchia informazioni, compresi video di sorveglianza e informazioni effettuati da aerei da ricognizione, utili all’offensiva contro le forze curde alleate degli Stati Uniti in Siria.

Secondo il giornale newyorkese – che basa il proprio articolo su una propria fonte ( un funzionario del Dipartimento della Difesa) –  i report sulle forze curde sono stati condivisi fino a due giorni prima che la Turchia oltrepassasse in confine siriano per attaccare le forze curde. Ci sarebbero evidenze secondo le quali dal 2017 gli USA hanno cominciato ad aumentare il passaggio di informazioni alla Turchia sulle forze curde (SDF)  per compensare l’aiuto che essi stessi fornivano ai propri alleati curdi.

Secondo quanto riferito dal New York Times,

[le informazioni passate ad Ankara]  potrebbero aver aiutato a rintracciare e colpire le forze curde in Siria che hanno svolto un ruolo vitale nella lotta guidata dagli Stati Uniti contro l’ISIS.

Quindi  gli USA – dopo aver armato pesantemente i curdi – avrebbero passato informazioni sui propri alleati ai turchi per compensare e lenire la rabbia turca. Lo hanno fatto – riferisce il NYT – per proteggere la Turchia dai ‘terroristi’ curdi.

Questa notizia descrive esattamente cosa vuol dire tenere il piede in due staffe… Non esiste nulla di oggettivo in politica internazionale e tutto è affidato alla convenienza!? …Siamo sicuri che il profitto e la convenienza per l’uomo, sia in questa direzione? Ovviamente questa è la considerazione di fondo. Ma d’altra parte – visto quanto il cammino corrente è lontano da un cammino ragionevole ed ideale – quando sta accadendo non dovrebbe meravigliare perché la Turchia è un membro della Nato e nella Nato le informazioni vengono condivise comunemente. Ciò vuol dire semplicemente che l’alleanza con i curdi rispetto all’alleanza con la Turchia nella Nato, non è assolutamente strategica per gli USA: non lo avevano capito solo i curdi (e  per l’ennesima volta dopo l’esperienza irachena).

vietato parlare

link fonte:https://www.businessinsider.com/us-shared-intelligence-turkey-may-have-aided-attack-on-kurds-2019-10?IR=T

JOIN THE DISCUSSION