New Eastern Outlook: “Guarda chi sta interferendo: il commento alle elezioni tailandesi”

New Eastern Outlook: "Guarda chi sta interferendo: il commento alle elezioni tailandesi" 3

[ad_1]

10 dicembre 2017 (Tony Cartalucci – NEO) – Il segretario di stato americano Rex Tillerson ha rilasciato una dichiarazione alla stampa in occasione della Giornata nazionale della Thailandia . In essa ha espresso i saluti diplomatici di rito e ha ben augurato al futuro del popolo thailandese, ma non è riuscito a resistere esprimendo anche l’eccezionalità americana – affermando, “non vediamo l’ora che le elezioni in Tailandia si tengano il prossimo anno”.

Sebbene la dichiarazione può sembrare a prima vista piuttosto innocua , in realtà non lo è.

Restituzione di un proxy micidiale al potere 

Le elezioni della Thailandia sono state sospese, in seguito a un colpo di stato militare del 2014 che ha spodestato il regime appoggiato dagli Stati Uniti di Yingluck Shinawtra, che ha servito apertamente come procuratore di suo fratello Thaksin Shinawatra.

Thaksin Shinawatra risiede all’estero a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, è un criminale condannato per una condanna a 2 anni di carcere per abuso di potere. Anche lui è stato estromesso dal potere in un colpo di stato militare nel 2006.

Prima di essere rimosso dal potere, nel 2003 ha supervisionato una brutale “guerra alla droga” che ha causato la morte senza processo di quasi 3.000 persone  nelle strade nel corso di soli 90 giorni. Ha anche tentato di firmare unilateralmente un accordo di libero scambio tra Stati Uniti e Tailandia senza l’approvazione del parlamento, ha inviato truppe thailandesi per partecipare all’invasione statunitense dell’Iraq e ha permesso che il territorio thailandese fosse usato come parte del programma di ‘Extraordinary redemptions‘  della CIA .

Da quando è stato destituito dal potere nel 2006, Shinawatra come parte del suo tentativo di conquistare il potere ha organizzato manifestazioni, ha incoraggiato militanti e terroristi, ha provocato  l’uccisione di decine di persone, ha condotto campagne di incendi dolosi, bombardamenti e assassini mirati .

Inoltre Shinawatra incontra regolarmente membri del suo partito Pheua Thai (PTP) a Hong Kong, ed è stato autorizzato a viaggiare in Europa, nel Regno Unito e anche negli Stati Uniti per condurre affari nonostante sia un latitante e nonostante i suoi precedenti sulla violazione dei diritti umani.

Quando la sorella di Shinawatra ha contestato le elezioni nel 2011 come capo del PTP, lo slogan della campagna è stato letteralmente “Thaksin Thinks, Pheua Thai Does”, un’ammissione aperta che Thaksin Shinawatra, non sua sorella, sarebbe al potere in Thailandia al suo insediamento. Nonostante l’evidente illegalità di un criminale condannato a distanza che gestisce la Thailandia da una stanza d’albergo a Dubai, l’immensa impunità di cui gode Shinawatra  grazie ai suoi sponsor stranieri lo ha reso più che possibile. I risultati elettorali del 2011 sono stati pesantemente difesi dai media occidentali e la legittimità del governo delegato di Shinawatra non è mai stata messa in discussione.

Immagine: l’insegna della campagna recita in Thai: Thaksin Kit, Pheua Thai Tom “che si traduce in Thaksin Thinks, Pheua Thai [Party] – ammissione aperta che un criminale condannato che si nasconde all’estero gestisce il più grande partito di opposizione della Thailandia e ha contestato le elezioni del 2011. 

I militari hanno rimosso sua sorella dal potere nel 2014 dopo che i militanti di Shinawatra hanno iniziato a uccidere i manifestanti nelle strade.

Le elezioni sono state respinte ripetutamente da allora. La ragione è relativamente semplice: finché il più grande partito di opposizione che si oppone alle prossime elezioni della Thailandia è apertamente guidato da un omicida di massa e condannato per un reato che conduce una campagna di terrore contro lo stato thailandese dall’estero, le elezioni sono insostenibili.

Stati Uniti interferiscono direttamente nelle elezioni tailandesi 

Un processo è in corso per sradicare l’influenza criminale di Shinawatra sul panorama politico della Thailandia prima che si tengano le elezioni, ma questo processo è continuamente ostacolato dalle pressioni dei governi occidentali e dalla miriade di ONG che finanziano. Le reti di Shinawatra di agitatori, propagandisti, lobbisti e funzionari sono protette sotto l’apparenza di difesa dei “diritti umani”. I criminali e persino i terroristi vengono etichettati come “prigionieri politici” da nomi familiari nei meccanismi del cambio di regime dell’Occidente come Amnesty International e Human Rights Watch. 
Lo stesso Dipartimento di Stato americano è in primo linea a finanziare con entusiasmo facciate dei media, agitatori e sostenitori dei falsi diritti in Tailandia che lavorano in concerto per scusare Shinawatra ei suoi seguaci dei loro abusi seriali e per sostenere il ritorno di Shinawatra al potere.

I fronti finanziati dagli Stati Uniti come Prachatai, Thai Netizen, Cross Cultural Foundation, Forty Rights, Avvocati thailandesi per i diritti umani, e molti altri,  richiedono ripetutamente secondo convenienza di tenere le elezioni tailandesi, sapendo molto beneche il probabile vincitore alle urne sarà il PTP di Thaksin Shinawatra . Essi denunciano ogni mossa legislativa che renderebbe più difficile per i proxy di Shinawatra tornare al potere, o limitare il loro potere nel caso in cui entrassero in carica.

Assente da queste richieste di elezioni opportune per “ripristinare la democrazia”, ​​c’è qualche spiegazione su come un governo apertamente governato da un criminale condannato e un assassino di massa da una stanza d’albergo a Dubai sia in un certo senso “legale” o “democratico”. Né è stata fornita alcuna spiegazione su come rimuovere la sorella di Shinawatra dal potere – che ha apertamente servito come suo delegato – fosse “illegale” o “antidemocratica”.

È ancora un altro esempio dell’eccezionalismo americano e degli strumenti di “difesa dei diritti” e “promozione della democrazia” che esercita per promuoverlo.

In un momento in cui i legami USA con la Russia sono tesi per le  ripetute accuse di “interferenza russa” nella politica occidentale – in particolare nelle elezioni – il segretario di stato USA chiede obliquamente opportune elezioni  in Tailandia, ben sapendo chi prenderà il potere e il cui denaro e influenza sono responsabili per un simile risultato. Il fatto è eloquente di come  come le opinioni unilaterali dell’America rispettino la sovranità nazionale e stiano al di sopra  delle elezioni straniere.

Per la Thailandia, impedire a Thaksin Shinawatra di tornare al potere in qualsiasi forma è certamente una priorità, ma se la rete di denaro, potere e sponsorizzazione straniera che ha mantenuto il potere di resistenza di Shinawatra non viene affrontata, un altro “Shinawatra” prenderà semplicemente il suo posto . Un processo di creazione di legami con altre nazioni per ridurre la dipendenza e l’influenza dell’Occidente è già in corso a Bangkok. Deve continuare ed espandersi.

L’ipocrisia frustrante degli Stati Uniti e le sue implicazioni nel mondo reale sono dovute al proprio ingiustificato potere e ricchezza. Le nazioni che prendono collettivamente provvedimenti per minimizzare quel potere e quella ricchezza sotto forma di un ordine mondiale multipolare sono la chiave per affrontare e affrontare tali implicazioni.

Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore geopolitico di Bangkok, in particolare per la rivista online New Eastern Outlook” .

[ad_2]

Collegamento sorgente

Exit mobile version