NEO – Il #Canada trattiene un ostaggio: #Meng Wanzhou libera

È chiaro che gli Stati Uniti stanno spingendo la linea di battaglia verso la nostra porta … Possiamo considerare completamente l’arresto USA di Meng Wanzhou come una dichiarazione di guerra contro la Cina “.

Quindi leggi un editoriale sul Global Times of China il 6 dicembre, il giorno dopo che Meng Wanzhou, chief financial officer della compagnia cinese Huawei è stata presa in ostaggio dai governi canadese e americano il 1 ° dicembre. La figlia del fondatore della maggiore azienda di telecomunicazioni della Cina è stata arbitrariamente arrestata e detenuta dalla polizia canadese a Vancouver durante uno scalo dell’aereo il 1 ° dicembre, con il pretesto di una richiesta di estradizione negli Stati Uniti.

L’arresto ha scioccato e fatto arrabbiare la Cina mentre in Canada la grande comunità cinese deve chiedersi quanto essa sia sicura. Lo sfondo dell’arresto è abbastanza semplice. Huawei è diventata una concorrente globale nel mercato globale della telefonia e i suoi telefoni 5G costituiscono tecnologia all’avanguardia e quindi non sono ben accolti dalle compagnie telefoniche concorrenti negli Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, Francia e Svezia, che hanno tanta paura della concorrenza . Per questo i loro governi hanno diffuso storie che i telefoni Huawei come carichi di spyware e sono “un pericolo per la sicurezza nazionale”. La compagnia è stata persino minacciata dagli Stati Uniti e dai governi alleati con accuse criminali nel filone in corso della guerra economica americana sempre più ostile contro la Cina a fianco del suo crescente flusso di pressioni, provocazioni e insulti. È un modo per controllare il mercato. Ma ora, agendo con metodi mafiosi, hanno rapito, detenuto, e tenuto in ostaggio una donna cinese il cui semplice crimine è andare a lavorare tutti i giorni. La mancanza di proteste dei gruppi per i diritti delle donne in Occidente non è sorprendente, ma è assordante.

Il pretesto per il suo arresto è che Huawei ha violato le sanzioni statunitensi contro l’Iran. Ma le “sanzioni” imposte recentemente dagli Stati Uniti all’Iran sono illegali secondo il diritto internazionale, cioè non sono sotto la Carta delle Nazioni Unite che stabilisce che solo il Consiglio di sicurezza può imporre sanzioni economiche a una nazione. Le ultime sanzioni americane non sono approvate dal Consiglio di sicurezza. Le sanzioni imposte unilateralmente da una nazione all’altra  sono illegali e costituiscono una violazione del diritto internazionale. Non c’è, quindi, nessuna legge che lei o Huawei sta violando. Non vi è alcuna giustificazione legale per il suo arresto da parte dei canadesi che la detengono senza giustificazione legale.

Il primo ministro canadese afferma di non aver avuto alcun ruolo in questo arresto, eppure ammette di essersene reso conto qualche giorno prima. Ma non può affermare ciò dal momento che la polizia che l’ha arrestata e i pubblici ministeri che gestiscono il fascicolo sono funzionari federali e quindi deve essere stato in qualche coinvolto. John Bolton negli Stati Uniti ha anche ammesso di di essere stato informato di ciò che stava per accadere, già diversi giorni prima.  Quindi ci sono state comunicazioni tra le autorità canadesi e le autorità americane ad alto livello per mettere in atto l’arresto. Infatti, per aggiungere la beffa al danno, l’arresto è avvenuto mentre il presidente Trump era seduto con il presidente Xi che stava cercando di trovare un compromesso con gli americani per alleviare la guerra economica condotta dagli USA contro la Cina. Così come Trump sedeva con Xi, sorridendo come una lucertola al sole, sapeva che Meng Wanzhou sarebbe stato arrestata.

L’affermazione di Trudeau secondo cui questo l’arresto arbitrario non era motivato politicamente e che non è stato coinvolto nella catena di comando da cui sono passate le istruzioni per l’arresto alla polizia canadese, è assurdo dal momento che il trattato di estradizione tra Canada e Stati Uniti richiede che gli Stati Uniti informino il ministero degli esteri canadese  della  richiesta e inoltrare preventivamente i documenti a sostegno della richiesta.

Inoltre, l’articolo 2 del trattato stabilisce che il Canada può agire solo su tale richiesta se, e solo se, il reato contestato costituisce un reato anche dalle leggi di entrambe le parti contraenti. Ma le sanzioni unilateralmente imposte e illegali inflitte all’Iran dagli Stati Uniti, non sono atti punibili in Canada e persino negli Stati Uniti le “sanzioni” sono illegali in quanto sono in violazione della Carta delle Nazioni Unite.

L’articolo 4, paragrafo 1, del trattato stabilisce:

“L’ estradizione non può essere concessa in nessuna delle seguenti circostanze:

 Quando il reato nei confronti del quale è richiesta l’estradizione è di carattere politico, o la persona di cui è richiesta l’estradizione dimostra che la richiesta di estradizione è stata presentata allo scopo di cercare di punirlo (o di lei) per un reato di il carattere sopra menzionato. Se sorgono dubbi in merito al fatto che un caso rientri nelle disposizioni di questo comma, le autorità del governo su cui è formulata la richiesta decidono “.

Quindi, il primo ministro Trudeau non può eludere la responsabilità di questa presa di ostaggi, questo arresto arbitrario e la detenzione poiché il suo governo ha dovuto prendere in considerazione la richiesta degli Stati Uniti e considerare se fosse politicamente motivato. Quindi la questione doveva essere considerata da lui, ovvero al più alto livello. Dal momento che ha chiaramente ignorato tutte le circostanze incluso il fatto, in primo luogo che il reato presunto non è un reato in Canada, e non può esistere secondo il diritto internazionale e in secondo luogo, che la richiesta degli Stati Uniti è chiaramente motivata politicamente e ha l’obiettivo di danneggiare sia l’Iran che La Cina, nell’ ordinare alle sue forze di sicurezza di arrestarla ha preso una decisione politica. E’  stato un arresto politico. Lo stato di diritto in Canada è stato sospeso, almeno nel suo caso, e quindi lo può essere anche successivamente in ogni caso.

Ma possiamo essere sorpresi del fatto che lo stato di diritto abbia cessato di esistere in Canada quando ricordiamo che nel 1999 il Canada prese parte all’aggressione contro la Jugoslavia, quando prese parte all’aggressione contro l’Iraq, quando nel 2004 le sue forze speciali assisterono i marines statunitensi nel mettere una pistola alla testa del presidente Aristide di Haiti, rapirlo ed esiliarlo in Africa, quando ha preso parte all’invasione e all’occupazione dell’Afghanistan, della Libia, della Siria, quando quest’anno ha preso con gli ‘elmetti bianchi’ elementi delle forze del terrorismo che attaccano la Siria, quando è stata coinvolta in complotti per rovesciare il governo venezuelano, e il governo ucraino dove sostiene coloro che hanno preso il potere a Kiev e quando sostiene le “sanzioni” illegali che corrispondono ad guerra economica contro la Russia ?

I canadesi dovrebbero essere arrabbiati per il fatto che la loro nazione sia guidata da persone la cui lealtà è rivolta a Washington invece che al popolo canadese, di cui non potrebbero importare nulla a riguardo. Dovrebbero essere arrabbiati per aver schiaffeggiato la faccia del grande popolo cinese per il quale il dott. Norman Bethune, il grande comunista canadese, è morto aiutando l’Esercito di Liberazione Popolare durante la lunga Marcia e la resistenza ai giapponesi negli anni ’30.

Dovrebbero essere arrabbiati per questi traditori che isolano il Canada dalla Cina, dalla Russia, dall’Iran e dalle loro grandi culture e condannano il Canada ad essere nient’altro che un avamposto dell’impero americano. Per i traditori sono come tradiscono il popolo canadese servendo gli interessi degli americani e la loro macchina da guerra. Free Meng Wanzhou, finché sarà tenuto in ostaggio, lo siamo anche noi.

Christopher Black è un avvocato penalista internazionale con sede a Toronto. È noto per una serie di casi di crimini di guerra di alto profilo e ha recentemente pubblicato il suo romanzo ” Beneath the Clouds . Scrive saggi su diritto internazionale, politica ed eventi mondiali, in particolare per la rivista online  “New Eastern Outlook”.

Source link