Nel laboratorio di Wuhan era presente anche un gruppo di ricerca USA

Tra le pratiche effettuate a Wuhan, il Gain-of-function (GOF) research, una pratica che modifica il prodotto genico in modo tale che il suo effetto diventi più forte (attivazione potenziata) o addirittura sia sostituito da una funzione diversa e anormale

foto wikipedia - wuhan

Lo scrittore Gianfranco Fracassi presentando a Vox Italia TV il suo libro  in preparazione, ha ricordato una notizia uscita in questi giorni ma non coperta dai nostri media mainstream.

Nella video-intervista viene detto che nel libro, Fracassi ricostituirà “in maniera molto precisa la filiera che c’era dietro il laboratorio di Wuhan fino a che ad arrivare ad una strana Ong che vi lavorava, anche durante il periodo in cui molti dicono si sia sviluppata l’epidemia”. Francesco Toscano che conduce l’intervista, dice anche che “alle spalle di questa ONG medica di ricerca risulta si intravede la sagoma dei soliti colossi finanziari a partire da Blackrock ai ‘maestri’ di oggi”.

A parlare di questa vicenda è stato in questi giorni anche un articolo di Repubblica: nel 2019 Anthony Fauci, come capo del National Institutes of Allergy and Infectious Disease (Niaid), ha finanziato con 3,7 milioni di dollari un progetto sui virus proprio a Wuhan. E non erano certo i primi finanziamenti americani: negli anni precedenti erano già arrivati dagli Usa altri 7,4 milioni.

E’ così, ma vediamo più precisamente di che si tratta. Innanzitutto, cominciamo con il dire che esiste una ampia documentazione in rete che in effetti la sovvenzione (quinquennale) fu data dalla Sanità Americana (NIH)  nel 2015 e che a Wuhan lavorava un gruppo di ricerca statunitense. Ma gli USA non finanziarono il laboratorio di Wuhan, per il centro cinese risulta che  furono stanziati solo 76.000 dollari, il resto in realtà era per il gruppo di ricerca USA, questo è stato confermato dal presidente Trump in una intervista (vedi qui).

… mentre la prima sovvenzione per il progetto è stata effettivamente concessa nel 2015 (per $ 3,25 milioni in cinque anni), i $ 3,7 milioni sono stati effettivamente approvati lo scorso anno come rinnovo quinquennale. Inoltre, solo il 10% circa della sovvenzione – circa 76.000 dollari all’anno – era previsto per il Wuhan Institute (fonte).

E’ rilevante che Fracassi  durante l’intervista dice che questo progetto mirava a prevenire le future pandemie e quindi anche a fare esperimenti per creare virus più virulenti a scopo di studio, partendo da quelli esistenti. Questo tipo di pratica si chiamaGain-of-function (GOF) research”.

E’ plausibile che tutti i gruppi di ricerca a Wuhan praticassero il il guadagno di funzione o GoF che “in virologia consiste nel produrre mutazioni che determinano un guadagno di funzione; [queste manipolazioni] sono anche chiamate anche mutazioni attivanti. Questi  modificano il prodotto genico in modo tale che il suo effetto diventi più forte (attivazione potenziata) o addirittura sia sostituito da una funzione diversa e anormale” (Wikipedia). 

Vedremo in seguito ciò che Frasassi scriverà nel libro, ma – anche se è probabile che questo tipo di manipolazione fosse contemplata perchè comunemente viene fatta per motivi di studio -, non voglio fare ulteriori speculazioni a riguardo. Qui mi interessa solo porre i dati esistenti, poi ognuno si farà le domande che crede e potrà fare ulteriori ricerche.

Però è noto che certe tipo di pratica viene fatta e che “esistono  incidenti, fughe di notizie e altri problematicità presso laboratori in cui vengono immagazzinati e modificati agenti patogeni di potenziale pandemico e ricerche sui rischi per la salute pubblica del guadagno di funzione (GOF), che comprende esperimenti per migliorare aspetti della funzionalità di patogeni mortali , come carica virale, infettività e trasmissibilità” .

Ovviamente ciò è controverso perchè questa esigenza scientifica non può valere di causare una epidemia (vedi Ethical Alternatives to Experiments with Novel Potential Pandemic Pathogens).

Il problema della pericolosità del GOF è rilevante e mi pare non sia stato mai adeguatamente affrontato in tutti questi mesi, in nessun dibattito televisivo o a livello politico. Ogni discussione in merito è stata assente. Eppure l’ insistita versione dell’origine naturale della pandemia è solo la prima ipotesi, l’origine per incidente è la seconda ed ha altrettanta dignità. Come vedete, entrambe costituiscono ipotesi plausibili.

Quindi abbiamo questo fatto nuovo a cui vorrei qui richiamare che è la presenza almeno dal 2015 di gruppi di ricerca USA a Whuan, in Cina. Quindi non si tratta solo di finanziamento di ricerche a Wuhan (come ci hanno detto finora) ma di partecipazione e collaborazione con le autorità cinesi sulle ricerche sui virus e, come abbiamo visto, con tutti una serie di rischi condivisi connessi.

E’ in questo contesto che gli scienziati della EcoHealth Alliance, in collaborazione con il Wuhan Institute of Virology e Duke-NUS, hanno trovato  SARSr-CoV nelle grotte dei pipistrelli vicino a Jinning nella provincia dello Yunnan. Dalla pagina della  EcoHealth Alliance apprendiamo che già il 2018 la Ong aveva scoperto in Cina virus che si diffondevano in modo simile alla Sars. (vedi qui)

Quindi, per più di un decennio EcoHealth Alliance ha inviato squadre in Cina per intrappolare i pipistrelli, raccogliere campioni del loro sangue, saliva e feci, hanno controllato quei campioni per nuovi coronavirus e poi hanno verificato se avessero innescato la prossima pandemia globale. L’idea era quella di identificare i luoghi che dovevano essere monitorati e di elaborare strategie per prevenire la diffusione del virus nelle popolazioni umane e fare un salto nella creazione di vaccini e trattamenti. Il progetto ha già identificato centinaia di coronavirus, incluso uno molto simile al virus dietro l’attuale epidemia.

Dopo l’interruzione al finanziamento ad aprile 2020, Nature dice che il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti [un’agenzia del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti] ha ora  ripristinato la sovvenzione multimilionaria dell’organizzazione ricerca che è in Cina “per studiare come i coronavirus si spostano dai pipistrelli alle persone”.

Questa ricerca era stata annullata per volere di Trump perchè – dice il responsabile Peter Daszak, capo della piccola organizzazione senza scopo di lucro – l’ EcoHealth Alliance all’inizio di luglio scorso a New York ha scoperto che il finanziamento non poteva essere utilizzato a  meno che l’organizzazione non avesse soddisfatto quelle che secondo Daszak, sono condizioni assurde. Ovvero si tratta di richieste “politicamente motivate”, dice. E precisa, si tratta di richieste ”  dettagliate in una lettera del NIH”,

Attualmente Daszak è in Cina incaricato dall’OMS  con una squadra di scienziati per fare indagini riguardo alla propagazione del virus (vedi qui).

E’ da notare  che a capo del gruppo di ricerca attaulmente in Cina per indagare sull’origine del coronavirus Cov Sars 2  , c’è sempre Peter Daszak che è anche responsabile dell’organizzazione EcoHealth Alliance che aveva un laboratorio all’interno di quello di massima sicurezza di Whuan.
 Alcune pubblicazioni come US RTK nutrono preoccupazioni dicendo che la EcoHealth Alliance potrebbe aver orchestrato la dichiarazione dei principali scienziati sulla “origine naturale” di SARS-CoV-2 e soprattutto che lo scienziato Peter Daszak – responsabile della EcoHealth Alliance – che  è stato anche nominato il 25 novembre 2020 a capo del team di 10 persone dell’Organizzazione mondiale della sanità per ricercare le origini della SARS-CoV-2, potrebbe avere conflitti di interesse nel dichiarare una origine diversa del virus Covid 19 (vedi anche qui).
Quindi, emerge che a Wuhan c’era da anni un laboratorio USA che studiava proprio virus della SARS e che già nel 2018 a Ginevra l’OMS sapeva che una pandemia chiamatamalattia X sarebbe resto scoppiata.
E’ interessante che anche prima – durante un’intervista del 2003 con “60 Minutes” – , il dottor Daszak aveva detto: “Ciò che mi preoccupa di più è che ci mancherà la prossima malattia emergente, che improvvisamente troveremo un virus della SARS (sindrome respiratoria acuta grave) che si sposta da una parte all’altra del pianeta, spazzando via le persone mentre si muove. “
Concludendo, le teorie del complotto sono circolate ampiamente sul fatto che il virus SARS-CoV-2 fosse stato progettato nel laboratorio di Wuhan. Ma pochi hanno detto che gli USA erano presenti da più di 10 anni e facevano le stesser ricerche in collaborazione con i cinesi. E questa non è una ipotesi.
patrizioricci by @vietatoparlare

altri riferimenti: Documenti sulle origini di SARS-CoV-2, sui rischi della ricerca sul guadagno di funzione e sui laboratori di biosicurezza

Exit mobile version