Nel 2018 in Francia 1063 attacchi alle chiese e 50 stanno per essere vendute agli islamici… tutto normale!?

Nel 2018 in Francia 1063 attacchi alle chiese e 50 stanno per essere vendute agli islamici... tutto normale!? 1

Nel 2018 in Francia 1063 attacchi alle chiese alle chiese e 50 stanno per essere vendute agli islamici, ma il governo francese si ostina a escludere l’incendio di Notre Dame doloso… E’ tutto normale!? La domanda allora è: perché quando ancora le fiamme a Notre Dame non erano state estinte, già la procura francese si affrettava ad escludere  escluso l’incendio doloso ? (Alcuni rapporti erano possibilisti e dicevano “per ora”, ma la maggior parte sono stati subito apodittici). Eppure il contesto è quello di una prassi di attacco alle chiese francesi con 1063 attacchi in un anno. Non si dovrebbe essere più cauti?
Propongo il seguente articolo, interessante perché: 1) rivela il contesto francese in cui si è verificato l’incendio a mio parere non sufficientemente trattato; 2) a prescindere dalle conclusioni definitive che arriveranno su Notre Dame –  è evidente che l’attacco in atto al patrimonio cattolico francese ed alla cristianità, si fermi da solo.

@vietatoparlare

Vandalismo anticristiano – 9/11 francese?

fonte: autore Vladimir Prokhvatilov – Portale analitico Strategic Culture Foundation

Negli ultimi mesi ,  atti di vandalismo, incendi dolosi e profanazione di reliquie nelle chiese cattoliche sono diventati frequenti in Francia . L’ultimo grande incidente prima della tragedia di Notre-Dame de Paris è avvenuto a Parigi a marzo, quando scoppiò un incendio nella chiesa di Saint-Sulpice. Un totale di 1.063 attacchi alle chiese sono stati commessi in Francia l’anno scorso, con centinaia di attacchi “inosservati”,  scrive  Swiss Le Temps .

La pubblicazione dei cattolici Herald Herald, citando fonti francesi,  riferisce che da febbraio in Francia sono stati registrati almeno 10 casi di vandalismo e di profanazione di chiese cattoliche. Tuttavia,  secondo il  deputato del Bundestag tedesco, Alice Vader (“Alternativa per la Germania”), a febbraio [in realtà] ci sono stati 47 attacchi del genere.

A marzo, quattro chiese in Francia hanno sofferto in una settimana. Il 4 febbraio, il terzo attacco in dieci giorni è stato eseguito contro la Chiesa di San Nicola a Huye, Dipartimento di Ivelines; Il 5 febbraio, Saint-Alain-de-Lavor è stata profanata, e il 6 febbraio la cattedrale di Notre-Dame-des-Enfants a Nimes, il 9 febbraio, la cattedrale di Notre-Dame a Digione.

La stampa spagnola ha reagito molto bruscamente alla diffusione del vandalismo in Francia. La profanazione delle chiese in Francia è “l’obiettivo più ovvio del vandalismo anticristiano”,  scrive il giornale monarchico conservatore ABC. “Ubriachi di crudele odio, i vandali hanno dissacrato la chiesa di Notre-Dame-des-Enfants a Nimes in modo particolarmente disgustoso: hanno disegnato una croce con escrementi umani, saccheggiato l’altare maggiore e il tabernacolo e rubato i sacri doni che furono poi ritrovati tra mucchi di rifiuti“.

Ma con poche eccezioni, la stampa francese evita di dare valutazioni dure. Commenti trattenuti sulla profanazione di chiese e atti violenti contro preti cattolici francesi. “La gerarchia religiosa preferisce mantenere un silenzio modesto. La Conferenza Episcopale e alcuni individui hanno semplicemente sottolineato questa minaccia anticristiana, sperando che le autorità politiche e di polizia avrebbero fatto il loro lavoro “, osserva la ABC.

La consegna del silenzio è stata in parte   violata dal   rettore della cattedrale di Saint-Alain a Lavore, padre Joseph Détic. Due anziani di 17 anni della scuola locale che hanno dato fuoco alla cattedrale e hanno torto le mani della statua di Cristo in un gesto offensivo, sono stati trovati grazie alle registrazioni video del tempio. “Non sono cristiani”, ha detto padre Giuseppe dei due vandali, aggiungendo che condanna l’atto, non il popolo. E solo il portale israeliano di lingua francese Infos-israele.new ha   detto che hanno profanato il tempio di St. Alain “due adolescenti musulmani” . L’edizione israeliana ha riportato anche che la chiesa di San Nicola a Hayy è stata profanata da un musulmano di 35 anni, che poi arrestato  dalla polizia ha confessato il crimine.

Per quanto riguarda l’incendio nella cattedrale di Notre Dame, la polizia è incline alla versione a corto circuito. Tuttavia, Benjamin Mouton, che ha lavorato per 13 anni come capo architetto della cattedrale, è dubbioso di questa versione. In un’intervista con Agora Vox, ha  detto di essere rimasto sbalordito da quello che era successo, dal momento che “è incredibilmente difficile incendiare le travi di quercia di 800 anni: ci sarebbero voluti molti piccoli pezzi di legno perché il legno si induriva come pietra”.Inoltre, secondo Mouton, nel 2010, l’intero cablaggio della cattedrale è stato aggiornato con molta attenzione, la probabilità di un cortocircuito è praticamente esclusa. Installato come sensori e protezione antincendio della cattedrale.

Particolarmente degno di nota è il messaggio del capo architetto Notre Dame che “due persone 24 ore al giorno hanno seguito i più piccoli segnali di allarme per chiamare immediatamente i vigili del fuoco se qualcosa fosse accaduto; le misure di controllo non avevano precedenti “.

[Inoltre,], sui social network francesi, molti testimoni che hanno assistito all’incendio hanno  notato il colore giallo del fuoco il che indica un dispositivo incendiario  e che c’erano due fonti di accensione – nel campanile e sul tetto.

Il consulente Philippe Karsenty, in un’intervista con il canale televisivo statunitense Fox News ha detto che il fuoco a Notre Dame, nonostante il fatto che nessuno è stato ucciso – [indica] una “French 11 settembre”. “Certo, la correttezza politica ci obbliga a credere che si tratti di un incidente. Questo è estremamente scioccante.Dovremmo sapere che le chiese in Francia sono vandalizzate ogni settimana “, ha aggiunto.

Sullo sfondo di tali dichiarazioni il quotidiano  parigino Le Figaro  ha dedicato  un ampio articolo per confutare le “teorie del complotto fiorite intorno al fuoco a Notre Dame.” L’Edizione incolpa “l’estrema destra” per ciò che scrivono sui social network circa la possibilità di un attacco terroristico, senza attendere il completamento delle indagini, quando né il pubblico ministero né la polizia non credevano questa versione del nucleo.

I politici francesi, tra cui Marine Le Pen, si  astengono  da ogni speculazione sulle cause dell’incendio. Marine Le Pen si è limitata ad esprimere “dolore infinito e senso di perdita vertiginoso”. “Siamo tutti sbalorditi”, ha detto il leader del Partito degli imbattibili in Francia, Jean-Luc Melenchon, esprimendo “compassione per tutti coloro che sono angosciati da questo terribile spettacolo”.

Il segno islamista nel fuoco di Notre Dame de Paris era indicato solo dalla pubblicazione conservatrice di destra della Resistenza Republicaine“I musulmani chiedono che Notre Dame sia bruciata per rappresaglia per l’attacco terroristico nell’Australian Chryscherch”,  scrive il  fondatore della pubblicazione, un noto avversario dell’islamizzazione dell’Occidente, Christine Tasen. Dà screenshot di tweet fatti dai musulmani che vivono in Francia e lodando l’incendio della cattedrale: “[Mettiamo una] Moschea al posto di Notre Dame. Inshallah “,” Vedo l’effetto del karma … Notre Dame muore nel fuoco “,” Questa è la risposta dell’Onnipotente con tutto questo #JesoutiensHugo “…

Esiste un’alternativa all’islamizzazione strisciante della Francia, dato che il governo Macron ha deciso di consegnare ai musulmani 50 (!) Chiese francesi?

Un analista franco-russo, Alesya Miloradovich, ha dichiarato in un’intervista alla Fondazione per la cultura strategica: “L’incendio nella principale chiesa cattolica in Francia ha evidenziato una tendenza notevole che è stata nascosta nell’ombra del guscio politico. In Francia, una generazione di cattolici, veri e credenti. Questo si riferisce principalmente alla classe media medio-alta del francese. Questi sono benestanti, famiglie numerose, i bambini frequentano scuole e masse cattoliche. Non hanno televisori in casa, leggono molto, celebrano il Natale e la Pasqua, formano il gregge di molte chiese alla periferia della città. Furono loro e i loro genitori a costituire la spina dorsale delle manifestazioni contro i matrimoni omosessuali, quando più di due milioni di persone scesero in piazza. Sappi che la Francia è viva … “

Tale previsione, tuttavia, non è ancora confermata da nulla, e le migliaia di dimostrazioni di “giubbotti gialli” si svolgono esclusivamente sotto slogan sociali e politici. Nella stampa francese non ci sono rapporti sui risultati delle azioni investigative sui numerosi fatti di profanazione dei templi. Non è chiaro se tali azioni investigative siano condotte in generale, o lo stato francese, come il sacerdote di Lavore, condanna solo le azioni, ma non le persone che le hanno commesse.

[Comunque] È improbabile che gli attacchi contro i resti del patrimonio cristiano in Francia si fermino da soli. E i politici francesi dovranno ancora decidere da che parte stare.

 

Exit mobile version