Negoziati Putin/Erdogan: cessate il fuoco da mezzanotte; autostrade e periferia di Aleppo tornano alla Siria

Negoziati Putin/Erdogan: cessate il fuoco da mezzanotte; autostrade e periferia di Aleppo tornano alla Siria 1

il cessate il fuoco avverrà sulla situazione attuale

 Putin ed Erdogan hanno parlato faccia a faccia per tre ore. Quindi, per più di due ore e mezza, le parti hanno comunicato in un formato ampliato. In tutto i negoziati per Idlib sono durati  5 ore e 40 minuti.
Quello che segue è il rapporto della pubblicazione ASD News (aerospace and defend news):

A seguito di molte ore di negoziati tra i presidenti di Russia e Turchia, si è conclusa una tregua nella provincia di Idlib, che riduce drasticamente il grado di tensione che minacciava scenari molto infausti che non escludevano uno scontro diretto tra Russia e Turchia. Ma alla fine nonostante la retorica aggressiva di Erdogan e l’attacco turco, il pragmatismo ha prevalso ed Erdogan ha deciso di non seguire l’esempio dei suoi sostenitori più radicali, che avevano persino richiesto  un attacco ad Aleppo, non temendo la guerra con la Russia e l’Iran.

Erdogan e altri funzionari hanno costantemente affermato di non avere problemi con la Russia e di voler concordare di evitare un conflitto diretto. Di conseguenza, Erdogan era andato a Mosca con una posizione piuttosto dura, ma sullo sfondo c’erano queste circostanze:

– la Russia si è rifiuta di smettere di sostenere Damasco;

– l’Iran ha minacciato direttamente di attaccare l’esercito turco se la Turchia avesse continuato ad attaccare le forze filo-iraniane;

– l’Europa anziché incolpare la Turchia , ha incolpato la Siria per la crisi dei rifugiati;

– Gli Stati Uniti hanno rifiutato di fornire supporto diretto tranne un aiuto consistente nel rifornimento delle munizioni;

– La guerra lampo turca di Idlib non ha funzionato, l’esercito siriano, con il sostegno di Russia e Iran, si è ripreso dal colpo delle forze armate turche ed è stato persino in grado di andare in controffensiva, riprendendosi Saraqib;

– La situazione in Libia si stava gravemente deteriorando, la Turchia subiva perdite significative di persone e equipaggiamenti e la stessa Turchia è direttamente accusata di sostenere il terrorismo in Libia;

– Il consenso di Erdogan nel paese sta diminuendo, meno di un terzo dei turchi approva la guerra in Siria.

– La lira turca e le quote delle azioni delle società turche sono iniziate a scendere per effetto delle ostilità, in particolare sullo sfondo di voci sulla possibilità di introdurre nuove sanzioni da parte della Russia contro i pomodori, l’industria delle costruzioni e il turismo.

Quindi, Erdogan è arrivato a Mosca con un dubbioso sostegno internazionale, con i problemi interni e la mancanza di progressi significativi in ​​Idlib. A questo punto, poteva cercare un compromesso che gli consentisse di salvare la sua faccia, o di scontrarsi direttamente con la Russia o almeno bloccare il Bosforo e rovinare le relazioni della Turchia con Russia e Iran. Nello stesso tempo, Mosca e Teheran hanno chiarito ad Erdogan che erano ancora disposti a trovare un compromesso ma solo se Erdogan fosse tornato alla realtà e avesse rimosso le richieste deliberatamente irrealistiche che aveva avanzato, ovvero il ritiro dell’esercito siriano  sulla linea di Sochi.

I punti dell’accordo

Comunque alla fine dei negoziati a Mosca, Erdogan ha dovuto fare concessioni significative per uscire da questa brutta situazione:

E’ stato stabilito di congelare la situazione attuale, ovvero che le di demarcazione corrisponderanno a quelle su cui si sono fermati i rispettivi eserciti, siriano e turco.

Di conseguenza i vecchi confini di de-escalation di Sochi sono un ricordo del passato. L’autostrada M-5 passa definitivamente al legittimo proprietario, il governo siriano..

La Turchia si impegna a sbloccare l’autostrada M-4 entro il 15 marzo. Questa è una delle condizioni dell’accordo di Sochi, che la Turchia non ha rispettato precedentemente. Ora ha una scadenza diretta. Inoltre, dovrebbe fornire una zona cuscinetto di sicurezza a nord e sud dell’autostrada a 6 chilometri .

Pattuglie congiunte russo-turche inizieranno a pattugliare lungo l’autostrada, come quelle che vediamo costantemente a nord della Siria.

Tutti i posti di osservazione che si trovano dietro le linee attuali occupate da SAA rimangono lì. Il personale turco in questi luoghi otterranno i rifornimenti con l’aiuto della Russia, oppure dopo un po ‘si ritireranno in silenzio. Vale la pena ricordare che la scorsa settimana Erdogan ha minacciato la forza, se l’esercito siriano non avrebbe indietreggiato dietro ai posti di osservazione.

Per contro, Erdogan non ha dato obblighi specifici per separare i militanti “moderati” e “immoderati”, il che significa che la presenza delle bande di Jiulani a Idlib manterranno un elevato potenziale di escalation, sia con la complicità della Turchia sia semplicemente su richiesta di singoli comandanti sul campo. La Turchia, con l’aiuto del proprio intervento armato, è stata in grado di salvare i militanti di Idlib (anche se hanno perso gran parte della provincia), poiché senza l’intervento dell’esercito turco, Assad avrebbe occupato l’intera Idlib entro l’estate e privato Erdogan di una preziosa bene negoziale. Pertanto, Erdogan è stato in grado di rimanere in gioco e salvare un importante elemento di contrattazione, anche se gli è costato molto.

La Russia con questi accordi in realtà ha consentito di mantenere tutti i successi di Assad sul terreno, che sono stati pagati da molte vittime. Erdogan non ha ceduto alle minacce e al ricatto e non si è arreso. Pertanto, se la tregua funziona davvero, si può affermare che la campagna invernale, iniziata a metà dicembre a Idlib, si è conclusa il 5 marzo: sono stati liberati ampi territori delle province di Idlib, Aleppo, Hama. I combattenti in Idlib ora controllano meno della metà della provincia e Assad è stato in grado di ripristinare la comunicazione tra Damasco e Aleppo, che contribuirà a rafforzare la Siria.

L’accordo è soddisfacente per entrambe le parti

Assad ha ottenuto importanti successi militari .

I militanti di Idlib hanno subito un’altra sconfitta strategica nelle battaglie per l’autostrada M-5 e persino il sostegno di uno dei più forti eserciti della NATO non li ha aiutati a vincere.

La Russia è stata in grado di difendere i successi militari di Assad e ha costretto Erdogan a riconsiderare l’accordo di Sochi.

Erdogan sullo sfondo di tutto ciò potrebbe salvare quel che resta del piccolo califfato di Idlib.

La domanda finale è se gli accordi di oggi garantiranno la stabilizzazione a lungo termine del fronte,  o dopo un po ‘vedremo un remake degli eventi in cui Erdogan ricorderà di nuovo che Julani e i suoi amici dovrebbero essere messi di nuovo in campo contro la Siria. E’ plausibile che non sarà lo stesso Erdogan a ricominciare, sarà Assad a farlo, dopo aver compensato le perdite di persone e attrezzature dopo la campagna invernale, e dopo aver precedentemente creato un gruppo di difesa aerea efficiente,  memore della battaglia ingaggiato oggi con i turchi.

In definitiva, siamo ancora di fronte a un altro accordo, in cui ognuno ha trovato  un proprio vantaggio, ma questa volta Erdogan ha dovuto agire da una posizione di debolezza, anche se ha cercato di sembrare coraggioso sulla stampa, dimostrandosi padrone della situazione. Tuttavia, a Mosca lo hanno costretto a tornare nel mondo reale, il che di fatto ha permesso di evitare che la situazione si trasformasse in una grande guerra con conseguenze imprevedibili.

fonte ASD News

 

Exit mobile version