Negoziati di Vienna con l’Iran: nessuna garanzia dall’occidente e mantenimento delle sanzioni anche in caso di esito positivo

Negoziati di Vienna con l'Iran: nessuna garanzia dall'occidente e mantenimento delle sanzioni anche in caso di esito positivo 1

A Vienna sono ripresi i negoziati per il ritorno all’accordo nucleare iraniano con le potenze mondiali. 

Gli iraniani hanno immediatamente ripreso il processo dallo stesso punto in cui si era concluso l’ultima volta: hanno reiterato la loro principale richiesta di revoca di tutte le sanzioni statunitensi imposte dall’amministrazione Trump. Tuttavia, la nuova delegazione iraniana non ha gettato nella spazzatura le basi dei precedenti sei round, decidendo di prenderle come base per ulteriori negoziati.

Nel discorso pubblico, tutte le parti ostentavano un ottimismo di facciata.

Il capo negoziatore dell’UE Enrique Mora ha dichiarato di apprezzare ciò che ha visto nei negoziati. Il rappresentante russo Mikhail Ulyanov ha anche detto che guarda alla prospettiva dei negoziati positivamente. Anche il capo della delegazione iraniana Ali Bagheri Kani ha riferito ai giornalisti di essere ottimista. In generale, c’è stata una straordinaria sincronizzazione dei messaggi positivi, che hanno sottolineato ulteriormente la loro teatralità davanti alla telecamera.

In realtà, dietro le quinte, le parti affrontavano gli stessi vecchi problemi.

Gli iraniani non vogliono fare concessioni in materia di pressione delle sanzioni, e fanno il primo serio passo avanti. Tuttavia, gli Stati Uniti non vogliono revocare tutte le sanzioni, per timore che sembri una vera e propria concessione all’Iran e una debolezza dell’amministrazione Biden.

Anche in merito alle precedenti sei tornate di colloqui, i mediatori iraniani ed europei differiscono nelle loro valutazioni. Mentre Teheran afferma che tutto ciò che è stato sviluppato è una “bozza” e può essere rivisto, gli europei sostengono che i risultati dei negoziati precedenti sono una base già costituita su cui si baserà il nuovo trattato.

La domanda principale a cui i paesi occidentali non offrono una risposta è come fornire agli iraniani garanzie che l'”accordo nucleare” sarà preservato dopo la sua firma e che non saranno introdotte nuove sanzioni in futuro?

Per consolidare legalmente l’accordo, l’amministrazione Biden dovrà far passare il documento al Congresso e affinché passi – già da adesso – non ci sono abbastanza voti. Cosa accadrà l’anno prossimo dopo le elezioni di medio termine, che i Democratici potrebbero perdere, è una grande domanda. Ciò significa che il rischio che si ripeta la situazione nel 2018, quando Trump ha seppellito il trattato nucleare con un tratto di penna, rimane in caso di vittoria repubblicana nel 2022 o nel 2024. Gli iraniani, ovviamente, non sono soddisfatti di questo.

Gli europei non sembrano sapere cosa fare al riguardo. Le richieste dell’Iran di revocare tutte le sanzioni prima di discutere di altre questioni sono percepite in Occidente come una concessione eccessiva. L’unica cosa che possono fare è fare pressione sull’Iran, invitandolo ad assumere una “posizione costruttiva”, cioè ad accettare di firmare un accordo nucleare senza garanzie particolari e senza la totale revoca di tutte le sanzioni.

Nel frattempo, lo stesso Iran continua ad aumentare l’arricchimento dell’uranio, impegnandosi di tanto in tanto in schermaglie con gli ispettori dell’AIEA che stanno cercando di monitorare l’attività nucleare di Teheran e mantenere l’accesso alle strutture chiave.

Recentemente, l’Iran ha iniziato a installare una nuova cascata di centrifughe presso l’impianto di Fordow, che sono due volte più potenti dei vecchi modelli, il che significa che possono arricchire l’uranio fino al 60% più velocemente. Pochi giorni prima dell’inizio dei negoziati a Vienna, gli iraniani hanno annunciato di aver aumentato le loro scorte di uranio arricchito al 20% e al 60%, cosa che ha suscitato una reazione negativa da parte del Dipartimento di Stato americano.

Gli israeliani stanno intensificando la situazione separatamente. Attraverso la stampa americana, le loro fonti riportano i piani dell’Iran per aumentare l’arricchimento dell’uranio al 90%. Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha registrato un video in cui invitava gli Stati Uniti ad abbandonare il “ricatto nucleare” di Teheran e a porre fine ai negoziati. Lo stesso messaggio è stato consegnato dal ministro degli Esteri Yair Lapid durante le sue visite in Gran Bretagna e Francia.

Tutto sommato, il settimo round di colloqui sul nucleare sembra molto controverso e fragile. La fiducia tra le parti è diminuita ulteriormente in questi sei mesi e la capacità delle parti di garantirsi qualcosa è estremamente limitata.

 

Exit mobile version