Negli Stati Uniti la legge Federale proibisce l’obbligo di somministrazione dei vaccini distribuiti con l’EUA (ovvero autorizzati con procedura di emergenza)

La giornalista Vanessa Beeley riferisce che negli Stati Uniti è praticamente impossibile che una organizzazione, azienda privata o scuola, metta sotto pressione, obblighi o discrimini un proprio dipendente che non vuole vaccinarsi.
Però, a sentire il dibattito mediatico e politico nel nostro paese, sembra che ciò che è chiaro negli Stati Uniti, non è chiaro nella nostra Bella Italia. Infatti nel nostro paese, è stato appena approvata la legge che impone la vaccinazione obbligatoria al personale sanitario, mentre si studiano varie forme di ricatto per combattere i riottosi.

Peccato che non si citi in nessuna maniera che il vaccino non impedisce il contagio e l’ammalarsi, la protezione è solo sul rischio che l’infezione possa evolversi fatalmente. Semplice, ma naturalmente nessuno dice ciò che evidente, altrimenti la pressione non funziona.

A prescindere dalla scelta fatta, la responsabilità è personale. Se uno vuole rischiare non si vaccina e se uno crede che il vaccino sia efficace, si vaccina.

Così dovrebbe funzionare una democrazia. Se poi vogliamo andare verso una dittatura, come in dittatura si troverà sempre una giustificazione su tutto.

@vietatoparlare


La legge federale proibisce ai datori di lavoro e ad altre organizzazioni di richiedere la vaccinazione con un vaccino Covid-19 distribuito nell’ambito di un’UEA

Pubblicato per la prima volta da Stat News nel febbraio 2021

Da quando la Food and Drug Administration ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per due nuovi vaccini, i datori di lavoro, le scuole e altre organizzazioni  sono alle prese  con il dubbio se richiedere la vaccinazione anti-Covid-19 [ai propri dipendenti].

Mentre le organizzazioni sono certamente libere di incoraggiare i propri dipendenti, studenti e altri membri a essere vaccinati, la legge federale prevede che, almeno fino a quando il vaccino non viene concesso in licenza, gli individui devono avere la possibilità di accettare o rifiutare di essere vaccinati.

Sapere cosa un’organizzazione può o non può fare riguardo ai vaccini Covid-19 può aiutarle a mantenere i propri dipendenti, studenti e membri al sicuro e anche a salvarli da contenziosi costosi e dispendiosi in termini di tempo.

Molto rimane sconosciuto sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino

Anche se la FDA ha concesso  le autorizzazioni  per l’ uso di emergenza per i   vaccini Pfizer / BioNTech  e  Moderna nel dicembre 2020, le sperimentazioni cliniche su cui la FDA farà affidamento per decidere in ultima analisi se concedere in licenza questi vaccini sono ancora in corso e sono progettate per durare circa  due  anni  nel corso dei quali dovranno essere raccolti dati adeguati per stabilire se questi vaccini sono abbastanza sicuri ed efficaci per essere autorizzati dalla FDA.

Le scadenze abbreviate delle domande e le successive autorizzazioni per l’utilizzo di emergenza, significa che la  FDA  oggi ancora non sa  su tutto su questi prodotti, anche in quanto li autorizza per casi di emergenza, tra cui la loro efficacia contro l’infezione asintomatica, la morte, o la trasmissione della SARS-CoV-2, il virus che causa la malattia.

Data l’incertezza sui due vaccini, le indicazioni delle EUA sono esplicite che si tratta di “un vaccino sperimentale non autorizzato per alcuna indicazione” e richiedono che tutto il “materiale promozionale relativo al vaccino Covid-19 dichiari chiaramente che  il prodotto non è stato approvato o concesso in licenza dalla FDA , ma è stato autorizzato per l’uso di emergenza dalla FDA ”(enfasi aggiunta). [ L’EUA é l’autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti, un’autorizzazione concessa alla Food and Drug Administration ai sensi delle sezioni del Federal Food, Drug, and Cosmetic Act]

Le EUA sono chiare: ottenere questi vaccini è volontario

La  stessa sezione  del Federal Food, Drug, and Cosmetic Act che autorizza la FDA a concedere l’autorizzazione all’uso di emergenza richiede anche che il segretario dei servizi sanitari e umani “assicuri che le persone a cui viene somministrato il prodotto siano informate … dell’opzione di accettare o rifiutare la somministrazione del prodotto. ”

Nello stesso modo, la  guida della FDA  sull’autorizzazione all’uso di emergenza dei prodotti medici richiede che la FDA “assicuri che i destinatari siano informati … che hanno la possibilità di accettare o rifiutare il prodotto EUA …”

Allo stesso modo, quando è stato chiesto alla dottoressa Amanda Cohn, segretaria esecutiva del Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione del CDC, se fosse possibile richiedere la vaccinazione contro il Covid-19,  ha risposto  che in base a un EUA, “i vaccini non possono essere obbligatori. Quindi, all’inizio di questa fase di vaccinazione, le persone dovranno essere autorizzate e non potranno essere obbligatorie “. Cohn ha successivamente affermato che questo divieto di richiedere i vaccini si  applica alle organizzazioni, inclusi gli ospedali .

Le EUA per entrambi i   vaccini Pfizer / BioNTech  e  Moderna richiedono che le schede informative siano fornite ai fornitori di vaccinazioni e ai destinatari. Queste schede informative chiariscono che ottenere il vaccino è facoltativo. Ad esempio, quello per i destinatari afferma che “È una tua scelta ricevere o non ricevere il vaccino Covid-19″ e se “decidi di non riceverlo, non cambierà il tuo standard di assistenza medica”.

Cosa significa in pratica

Quando la FDA concede l’autorizzazione all’uso di emergenza di un vaccino, non è possibile rispondere a molte domande sul prodotto. Date le questioni aperte, quando il Congresso ha concesso l’autorità di emettere EUA, ha scelto di richiedere che ogni individuo dovrebbe essere autorizzato a decidere da solo se ricevere o meno un prodotto EUA. La FDA e il CDC considerano apparentemente questo requisito fondamentale della scelta abbastanza importante che anche durante l’apice della pandemia Covid-19 hanno rafforzato quella decisione politica quando hanno emesso le loro linee guida relative ai vaccini Covid-19.

Ciò significa che un’organizzazione sarà probabilmente in contrasto con la legge federale se richiede ai suoi dipendenti, studenti o altri membri di somministrare un vaccino Covid-19 che viene distribuito con autorizzazione all’uso di emergenza.

La legge statale spesso proibisce le ritorsioni contro un dipendente per aver rifiutato di partecipare a una violazione della legge federale. Le organizzazioni che richiedono la vaccinazione Covid-19 in violazione della legge federale possono affrontare azioni legali ai sensi di queste leggi statali non solo per bloccare la polizza ma anche per danni e spese legali. Tali azioni legali potenzialmente costose possono essere evitate astenendosi dall’adottare politiche che richiedono la vaccinazione o penalizzare i membri per aver scelto di non essere vaccinati.

Le organizzazioni sono libere di incoraggiare le vaccinazioni attraverso comunicazioni interne, eventi educativi e altre misure per sollecitare i dipendenti a vaccinarsi. Possono adottare queste misure fintanto che: (1) non sono considerate coercitive, (2) l’organizzazione chiarisce che la decisione in merito al fatto di ricevere il vaccino è volontaria e (3) le misure sono conformi ai requisiti delle EUA e le normative correlate per questi prodotti.

Le persone in tutto il mondo hanno avuto la vita sconvolta durante l’ultimo anno. L’urgenza di tornare alla normalità è sentita profondamente da molti. Mentre i responsabili delle decisioni delle organizzazioni decidono sulla loro politica di vaccinazione contro il Covid-19, dovrebbero stare attenti a non lasciare che questa passione porti l’organizzazione a entrare in conflitto con la legge.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.