Naufragare dolcemente nel mare della liquidità

Dice la figura Bis che il credito in dollari ai prenditori non americani è cresciuto ancora del 5 per cento su base annua, a settembre 2019, portandosi alla notevole cifra di 12,1 trilioni di dollari, quindi 12.100 miliardi. Questa pletora di debitori trova conveniente, evidentemente, prendere a prestito in valuta statunitense, pure se ciò li espone ai capricci della banca centrale e del Tesoro americani. E ovviamente una buona parte di costoro sono paesi emergenti, che ormai esprimono quasi un quarto di questa montagna di debiti. Costoro navigano spediti su un mare di liquidità in valuta estera, ben sapendo – perché ormai è chiaro a tutti – che covano un naufragio. Però silenzioso, e quindi dolce.