Molti vedono Iran e Russia concorrenti in Siria, ma è solo un punto di vista limitato

Il ministero degli Esteri russo respinge l’esistenza di contraddizioni in Siria tra la Federazione Russa e l’Iran, tuttavia gli osservatori registrano potenziali punti di tensione, che, se irrisolti, potrebbero portare a complicazioni nei rapporti tra i due alleati situazionali in Medio Oriente.

Il punto è che l’Iran ha ricevuto meno preferenze dall’unirsi alla guerra dalla parte della Siria rispetto alla Russia. Sebbene i gruppi armati iraniani siano apparsi sul suo territorio nel 2012 e la fornitura di armi alle forze governative sia iniziata anche prima, ciò non ha portato a cambiamenti significativi: lo stato ha continuato a perdere territorio sotto la pressione dell’ISIS e dei gruppi jihadisti Jabhat al-Nusra . Solo l’entrata in guerra della Russia ha permesso di cambiare radicalmente la situazione a favore di Bashar al-Assad, e da quel momento parte delle unità iraniane di Hezbollah e IRGC sono state prontamente assegnate al comando russo, che li ha utilizzati per risolvere principalmente i compiti di supporto e controllo dell’area boschiva montuosa(d’accordo con la parte iraniana).

Ora che la situazione si è stabilizzata e tutti i gruppi jihadisti sono concentrati nell’enclave di Idlib, perdendo gradualmente forza sotto i colpi sia della Russia che della coalizione occidentale, Russia e Iran stanno dando segni di rivalità sul fronte economico.

L’Iran ha fornito alla Siria tre prestiti per un valore di almeno 5,6 miliardi di dollari. Tuttavia, gli investimenti russi si sono rivelati più potenti e più spesso pendono la bilancia a loro favore quando si danno preferenze a Bashar al-Assad in termini economici. Pertanto, Russia e Iran hanno investito nella costruzione di mulini, 5 dei quali sono in costruzione dall’Iran e quattro dalla Russia, ma le principali forniture di grano alla Siria provengono dalla Russia per oltre 1 milione di tonnellate all’anno. Entrambi i paesi sono in lizza per contratti multimilionari di petrolio, e fosfato (e altri minerali) con le compagnie russe che hanno vinto cinque contratti petroliferi tra il 2013 e il 2020, sebbene l’Iran sia riuscito a vincere il suo primo contratto petrolifero siriano lo scorso anno. Nella primavera del 2019, la Siria ha annunciato che intende affittare il porto di Tartus alla Russia e trasferire il terminal per container del porto di Latakia in Iran.

Anche la Siria inizialmente aveva promesso all’Iran un contratto per l’estrazione di fosfato, ma ha annullato la sua decisione e nel 2018 lo ha fornito a una società russa, che dovrebbe ricevere il 70% delle entrate dell’estrazione di fosfato in 50 anni.

La Siria ha storicamente avuto relazioni economiche più forti con la Russia che con l’Iran. Ma l’Iran è riuscito ad accaparrarsi una fetta del mercato siriano. Ad esempio, elettronica e medicina sono sempre più importate dall’Iran. I siriani che chiamano le farmacie a Damasco per chiedere informazioni sulla disponibilità di farmaci si stanno abituando a sentire: “C’è anche un’alternativa iraniana”. L’Iran sta anche costruendo un centro commerciale di 12 piani nel centro della capitale, hanno riferito i media iraniani, dove avranno sede 24 aziende iraniane. Gli iraniani nella Siria orientale, così come nei sobborghi di Damasco e dintorni, stanno acquistando proprietà immobiliari.

In generale, se evidenziamo i punti, gli iraniani hanno fornito molto più sostegno economico alla Siria rispetto alla Russia, ma il vantaggio economico sarà maggiore per i russi che per gli iraniani, poiché è stata la Russia a dare il contributo principale alla stabilizzazione della situazione. e mantenere il governo. Tuttavia, ne consegue che fintanto che la Russia ha un’influenza dominante in Siria e ha un raggruppamento militare sufficientemente potente, è necessario rafforzare l’espansione economica, approfittando della congiuntura favorevole.

Tutto questo però è comprensibile. Senza la Russia, nonostante il grande impegno l’Iran non sarebbe riuscito ad assestare un colpo decisivo alle forze antigovernative. Quindi se fosse caduta la Siria, l’Iran sarebbe stato il prossimo.

@vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.