Molti piloti afgani hanno trovato rifugio in Uzbekistan, ma sono dimenticati da tutti

Molti piloti afgani hanno trovato rifugio in Uzbekistan, ma sono dimenticati da tutti 3

Notizie dall’Afghanistan

1. La Commissione militare orientale del movimento talebano, ha vietato a ex soldati, poliziotti, membri dell’ISIS, nonché a persone che non portano la barba, di aderire al movimento. Si segnala inoltre che ai combattenti talebani è vietato indossare occhiali neri e coprirsi il volto.

2. Continua l’offensiva dei militanti talebani nella provincia afgana del Panjshir. ha rallentato un po’ a causa delle mine sulla strada per il centro amministrativo di questo territorio – la città di Bazarak. I campi minati della Resistenza rendono difficile l’avanzata dei combattenti talebani.

3. Dopo l’ascesa al potere dei talebani, la prima spedizione di beni di prima necessità è arrivata in Afghanistan. È arrivata in Afghanistan attraverso il porto di Hairaton nella provincia di Balkh al confine con l’Uzbekistan, ha importato generi di prima necessità e cibo.

4. Immagini satellitari pubblicate da varie fonti mostrano il campo profughi afghano in Uzbekistan, che contiene principalmente piloti afgani.

Questi sono riusciti a lasciare il paese poche ore prima che i talebani prendessero il potere. Hanno paura di tornare in patria. Le guardie del campo dicono che gli afgani non potranno restare qui per sempre.

Alcune persone sono riuscite a parlare con i residenti del campo.

Gli ospiti del campo passano molto tempo sotto il sole, il movimento è molto limitato, le condizioni sono “spartane”. Scarsa fornitura di cibo e servizi medici.

Ci sono 465 persone nel campo. Tra loro ci sono anche piloti esperti:
– 15 piloti hanno volato su aerei d’attacco leggero A-29 “Super Tucano”;
– 11 piloti hanno volato su elicotteri UH-60 Black Hawk;
– 12 piloti hanno volato su elicotteri MD-530;
– molti piloti sono abilitati agli elicotteri Mi-17.

Gli americani non hanno fretta di portarli via e il governo uzbeko non è in grado di trattenerli.
Situazione senza uscita..

Perchè i piloti non tornano in Afghanistan. Evidentemente, a torto o a ragione, tornare in Afghanistan significa mandarli a morte certa. i talebani li giustizieranno.

Infatti i talebani non hanno bisogno di tutti questi piloti e i velivoli in condizione di volare, sembra siano pochi, nonostante il grande numero passato nelle loro mani.

Su di loro , c’è silenzio per ora, sembra che neanche la NATO ne abbia bisogno….

Primi segni che il Panjshir è caduto

2 ore fa, Ahmad Masood ha twittato “Non rinuncerò mai alla lotta per la libertà e la giustizia” . Questo è un segno sicuro che il Panjshir è già caduto o è a un passo dalla resa. Molto probabilmente, il figlio del famoso comandante è già nel territorio del Tagikistan.

Exit mobile version