Ministro degli affari esteri turco: “La Turchia non ha abbandonato l’idea di aderire all’Unione Europea”

Ministro degli affari esteri turco: "La Turchia non ha abbandonato l'idea di aderire all'Unione Europea" 1

Il ministro degli affari esteri turco Cavusoglu ha rilasciato ieri un’intervista alla filiale turca della CNN in lingua turca. Çavuşoğlu in 47 minuti ha espresso la sua posizione su diverse questioni importanti. Queste informazioni saranno utili per coloro che non vorrebbero sbagliarsi nelle loro analisi e aspettative su Ankara e sulle relazioni di questa con Mosca. Molto importante è che il ministro ha sottolineato che la Turchia insiste ad aderire all’Unione Europea.

In proposito ricordo che Benedetto XVI era decisamente contrario all’ingresso della Turchia in Europa, per una ragione molto concreta: ” Storicamente e culturalmente – diceva Benedetto XVI agli operatori pastorali della diocesi di Lugano – la Turchia ha poco da spartire con l’Europa: perciò sarebbe un errore grande inglobarla nell’Unione Europea. Meglio sarebbe se la Turchia facesse da ponte tra Europa e mondo arabo oppure formasse un suo continente culturale insieme con esso”. “http://www.ilgiornale.it/…/quando-benedetto-xvi-diceva…

Questo il sunto delle dichiarazioni di Çavuşoğlu:

Sui sistemi di difesa S-400
Abbiamo bisogno di appalti per la difesa missilistica. Possiamo comprare e vogliamo comprare Patriot. Se gli americani ce li vendono, deve essere alle nostre condizioni. Se non ce li vendono vendono, compreremo altri sistemi di difesa aerea. È così semplice Lo facciamo non perché abbiamo problemi con gli americani e non stiamo acquistando dalla Russia per far arrabbiare gli Stati Uniti, ma per ragioni oggettive. Sotto tutti gli aspetti, l’S-400 è il miglior sistema di difesa missilistica costruito fino ad oggi.

Per quanto riguarda la rimozione di Bolton
Abbiamo avuto problemi con Bolton . Il suo atteggiamento nei confronti della Turchia all’inizio è stato molto negativo, poi ho parlato francamente con lui e abbiamo avuto un dialogo normale. Trump ha licenziato Bolton solo a causa della Turchia, ma sono sicuro che ciò sia dovuto alla dura posizione di Bolton anche su Russia e Iran.

A proposito della Siria
Per quanto riguarda la zona di sicurezza, finora non è stato fatto nulla. Chiediamo che l’YPG lasci Manbij. Vogliamo creare una zona di sicurezza nella Siria nord-orientale e diciamo agli americani quanto segue: o creiamo una zona di sicurezza insieme o prenderemo provvedimenti noi stessi.

I Rifugiati 
Gli europei non mantengono le loro promesse sui rifugiati. Non hanno dato l’aiuto promesso di 6 miliardi di euro. La Turchia ha ricevuto solo 1/3 di questo importo. Non hanno iniziato a discutere dell’adesione della Turchia all’UE. I visti non sono stati cancellati. Abbiamo seri problemi con la custodia dei rifugiati, possiamo aprire le porte all’Europa. Se creiamo una zona di sicurezza, su 3,6 milioni di siriani, 2 milioni torneranno in quelle terre.

Intenzione di aderire all’Unione europea
La Turchia non ha abbandonato questa idea. Tuttavia, dal 2003, quando abbiamo iniziato il percorso dei negoziati di adesione, la situazione è molto cambiata. Ci sono paesi che ostacolano il nostro ingresso.
Non lasceremo l’Europa. La nostra unica lamentela è che l’UE non ci pone di fronte a ostacoli tecnici, ma a ostacoli politici. Siamo impegnati nell’UE. Non vogliono vederci come parte del club perché siamo musulmani, ma la cosa principale è che in questo caso saremo la maggioranza al Parlamento europeo. Germania e Francia perderanno la loro influenza. Questo è il motivo principale per cui non vogliono vederci nell’UE. Questo ci viene detto apertamente dai nostri colleghi tedeschi e francesi a porte chiuse.

La Russia e la svolta verso est
Le cattive relazioni con l’Occidente non sono dovute al fatto che presumibilmente ci stiamo orientando verso Est. La nostra partnership con la Russia non è una strategia, sono passi naturali. La Russia è una grande potenza, il nostro vicino, compriamo petrolio e gas da esso, abbiamo milioni di turisti da questo paese, stiamo costruendo centrali nucleari. La Russia è una realtà, questa non è una nuova tappa nella strada verso l’Asia. Avere buone relazioni, avere legami economici con l’Oriente non significa rinunciare all’Europa. L’UE rappresenta il 50% dei nostri legami economici.

NATO, Russia, Crimea
Non abbiamo ancora fatto un passo avanti sulle opinioni politiche dal percorso verso l’adesione all’UE. A causa del riavvicinamento con la Russia, nessuno ha il diritto di mettere in discussione il nostro desiderio di aderire all’UE e la nostra adesione alla NATO. Le relazioni con la Russia sono relazioni bilaterali. Ci sono domande in cui siamo in disaccordo con Mosca. Mettiamo queste domande – per esempio, la Siria – tra parentesi e continuiamo il percorso. E sulla Crimea non pensiamo forse come l’UE  della Russia? E sull’integrità della Georgia? Come pure su cosa  sta succedendo sul Mar Nero?
Siamo membri della NATO, sosteniamo le politiche preventive e di dialogo dell’Alleanza del Nord Atlantico riguardo alla Russia. Ma viviamo in questa regione e dobbiamo perseguire una politica equilibrata con i nostri vicini.

Exit mobile version