Ministero della Difesa russo: “al-Jiulani, leader di al Qaeda in Siria, insieme a ventimila tagliagola è con i turchi…”

Ministero della Difesa russo: "al-Jiulani, leader di al Qaeda in Siria, insieme a ventimila tagliagola è con i turchi..." 1

Sergej Kužugetovič Šojgu

Prima dell’incontro di domani tra Putin ed Erdogan a Mosca, dove verranno discussi gli eventi di Idlib, il Ministero della Difesa russo ha rilasciato una dichiarazione in cui spiega la sua posizione ufficiale.

“La situazione nella zona di de-escalation di Idlib, dove a seguito di azioni di ritorsione da parte delle forze governative siriane contro i terroristi che le hanno attaccate,” Hayat Tahrir Al-Sham “(” Jabat al-Nusra “) sono stati spinti a una distanza di sicurezza da Aleppo e dall’autostrada M5, è stato un altro momento di verità.

Nel 2018, non solo i paesi occidentali, ma anche le Nazioni Unite, hanno accolto con favore la firma degli accordi di Sochi tra Russia e Turchia sulla creazione della zona di de-escalation di Idlib.
Nello stesso tempo, l’accordo chiave e il memorandum aggiuntivo prevedeva l’obbligo di Ankara di delimitare e estromettere i terroristi dai confini esterni della zona di escalation a una profondità di 15-20 km e di ritirare le armi pesanti di artiglieria.
Invece, il risultato da quasi 18 mesi dall’accordo è stato l’assembramento dei gruppi terroristici riconosciuti ufficialmente dalle Nazioni Unite “Hayat Tahrir Al-Sham”, “Partito islamico del Turkestan” e “Hurras al-Din”. Mentre tutti i militanti dell ‘”opposizione moderata” si sono posizionati a nord, al confine turco. Le aree fortificate dai terroristi si sono fuse con i posti di osservazione turchi schierati di comune accordo.
Gli attacchi sporadici e i bombardamenti massicci dei vicini insediamenti pacifici e della base aerea russa Khmeimim sono diventati giornalieri.

Per tutto questo tempo, nessuno in Europa e negli Stati Uniti si è dimostrato interessato alla reale situazione umanitaria dentro e intorno a Idlib e alle ragioni del flagrante inadempimento della parte turca.
Tutte le richieste ufficiali della Russia alle Nazioni Unite e ai paesi occidentali – che forniscono aiuti umanitari attraverso il confine turco – perché quasi tutto ciò non va ai rifugiati, ma ai terroristi, sono rimaste senza risposta.
Abbiamo sentito solo lamenti per la necessità di “preservare a tutti i costi gli accordi di Sochi “.

Così all’inizio di febbraio 2020, in risposta a un’altra offensiva su larga scala da parte dei terroristi, gli accordi di Sochi riguardanti la creazione di una “zona smilitarizzata” a una profondità di 15-20 km furono costretti ad essere attuati direttamente dalle forze governative siriane.
I terroristi di Hayyat Tahrir Al-Sham, il Partito islamico del Turkestan e Hurras al-Din, insieme ad armi pesanti, furono ricacciati in profondità nella zona di de-escalation di Idlib.
Ciò ha permesso di assicurare il movimento di oltre 100 mila civili lungo l’autostrada M5 tra le più grandi città siriane di Aleppo Hama e di proteggere gli insediamenti circostanti dai bombardamenti.
Da quel momento, le capitali occidentali e i rappresentanti delle Nazioni Unite si sono scagliati contro Damasco con forti accuse di presunti “crimini di guerra”, denunciando una “catastrofe umanitaria” e “un flusso di milioni rifugiati” a Idlib.
Allo stesso tempo, le fotografie di un campo tendato vicino al confine turco, schierate diversi anni fa, sono mostrate come prove.
E’come se con un semplice ‘clic’ dei media occidentali, tutti i terroristi di Idlib fossero diventati presumibilmente “rappresentanti dell’opposizione moderata”. È vero, non è chiaro come, tra queste persone apparentemente “moderate”, il capo dell’ISIS al-Baghdadi sia stato recentemente “avvistato” , scoperto e distrutto, secondo gli Stati Uniti.

Sullo sfondo di questa presunta “opposizione” dove è andato al-Jiulani, il leader del gruppo terroristico, ufficialmente riconosciuto dalle Nazioni Unite Jabat al Nusra, insieme ai suoi quasi ventimila tagliagola nella zona controllata dalla Turchia,?
E cosa dire riguardo alle recenti dichiarazioni di al-Jiulani su una lotta comune contro le forze siriane?
In occidente nessuno nota le azioni della parte turca, che, in violazione del diritto internazionale, hanno trasferito una forza d’attacco nella provincia di Idlib comprendente una divisione meccanizzata al fine di “raggiungere l’adempimento degli accordi di Sochi ad ogni costo”. E le minacce pubbliche per distruggere tutte le unità delle forze governative siriane e riportare l’autostrada M5 al controllo terroristico da parte di quei gruppi chiamati così anche dagli Stati Uniti e in Europa vengono chiamate presumibilmente “diritto legale alla difesa di Ankara” …
Tra il cinismo totale e la falsa preoccupazione dell’Occidente per la situazione umanitaria nella zona di de-escalation di Idlib, solo il Centro russo la riconciliazione delle parti in guerra e il legittimo governo siriano forniscono quotidianamente alle aree liberate tutta l’assistenza necessaria ai residenti locali.

Si è scoperto che i siriani tormentati dai terroristi non sospettavano nemmeno l’esistenza dei loro numerosi pseudo-difensori in Europa e negli Stati Uniti, e gli abbondanti aiuti umanitari presumibilmente inviati loro negli ultimi anni.
Sullo sfondo di questa retorica, questa mattina la battaglia intorno a Saraqib è proseguita con grande intensità.
La Turchia sta bombardando le regioni occidentali di Sarakib, l’area di Afes e alcune aree vicino all’autostrada M-5. Ci sono notizie di tentativi da parte dei militanti di lanciare un contrattacco e irrompere in Saraqib.
I siriani, a loro volta, continuano a tentare di prendere Afes. L’aviazione e dell’artiglieria colpiscono Sarmin, Kminas, Binnish, Nairab, Afes. I risultati delle battaglie di oggi – se domani ovviamente concorderemo qualcosa – avranno non solo un significato militare, ma anche politico.
I turchi hanno riconosciuto [tra le proprie fila] ufficialmente altri 2 morti e 6 feriti. Ma sembra che il numero reale sia seriamente sottovalutato.

Exit mobile version