Mentre in Europa lo guardano con sospetto, per la Corea del Sud, il vaccino russo Sputnik V “è il più grande successo della Russia dall’Unione Sovietica”.

La Russia sta espandendo la produzione congiunta del suo vaccino contro il coronavirus Sputnik V nella Corea del Sud.  Secondo l’articolo del quotidiano sudcoreano JoongAng Ilbo  il vaccino russo “Sputnik V” è il più grande successo della Russia dall’Unione Sovietica. La Corea è interessata a produrre congiuntamente il Vaccino Sputnik V, di cui è stata approvata la distribuzione. Attualmente, le trattative dei produttori russi sull’organizzazione di tale produzione avviene presso le strutture della più grande società farmaceutica coreana GC Pharm (Green Cross Corporation, fondata nel 1967, affiliata al gigante farmaceutico Mitsubishi Pharma Corporation, ha filiali in Cina, Stati Uniti e Canada. e India. Il più grande produttore sudcoreano di vaccini e una vasta gamma di farmaci ). Si prevede di aumentare la produzione di Sputnik V in Corea del Sud a 500 milioni di dosi all’anno

Pubblicazione originale:韓国 政府 、 ロ シ ア の ワ ク チ ン 導入 を 検 討… 接種 第 1 号 は フ ァ イ ザ ー で な ​​い ア ス ト ラ ゼ ネ カ の 可能性


Nel numero di oggi, JoongAng Ilbo riferisce di un briefing serale dell’8 febbraio da parte del direttore dell’Agenzia nazionale coreana per il controllo e la prevenzione delle malattie, Jeong Eun-kyeong, durante il quale il funzionario per la prima volta ha annunciato ufficialmente che le autorità sudcoreane stanno considerando la acquisizione e utilizzo di vaccini russi Sputnik V.

Nello stesso tempo, secondo il quotidiano, Jung Un Kyung ha collegato questa decisione all’interruzione  del programma di utilizzare il vaccino della Pfizer in Corea del Sud. L’azienda ha violato i termini di consegna del farmaco nel paese. L’azienda farmaceutica Pfizer è attualmente esclusa da questo programma.

Attualmente, 750.000 dosi di questo vaccino prodotto in Corea sono state riservate per uso interno e  inizieranno a essere somministrate ai pazienti il ​​24 febbraio. Tra i destinatari del vaccino ci saranno principalmente medici e personale medico, funzionari governativi e, in parte, pazienti. Gli elenchi dei destinatari dei vaccini saranno pronti entro il 20 febbraio. La prima fase della vaccinazione con AstraZeneca, secondo Jung Un Kyung, richiederà 2-3 giorni. In Corea del Sud, sono state preparate le condizioni per l’attuazione delle vaccinazioni in 2000 istituzioni e punti medici.

Tuttavia, il vaccino AstraZeneca in Corea del Sud non durerà a lungo. Le possibilità per la sua produzione aggiuntiva sono limitate. In queste condizioni, le autorità sudcoreane stanno iniziando a considerare ufficialmente la possibilità di acquistare il vaccino russo Sputnik V per la vaccinazione, ovviamente dopo la sua certificazione nel paese. Ciò tiene conto del fatto che lo Sputnik V è già prodotto in Corea del Sud e ci sono piani per aumentare significativamente la produzione del vaccino.

Il direttore dell’Agenzia sudcoreana per il controllo e la prevenzione delle malattie ha osservato che gli ultimi dati provenienti da fonti mediche serie hanno aumentato significativamente l’attrattiva del vaccino russo. La sua efficacia è ora determinata al 91,6%. Non sono stati riportati effetti collaterali gravi con Sputnik V. È anche di fondamentale importanza per la Corea del Sud che la comprovata efficacia dello Sputnik V in relazione alla fascia di età superiore ai 65 anni sia del 91,8%. Questo è importante per la società coreana che invecchia rapidamente.

AstraZeneca ha prestazioni significativamente peggiori nella fascia di età più avanzata. A questo proposito, il South Korean Bureau of Pharmaceutical Products è cauto sull’uso di questo vaccino per le persone sopra i 65 anni.

Tuttavia, Jo Un Kyung ha fatto una precisazione. Come citato dal quotidiano JoongAng Ilbo , il funzionario ha dichiarato: “Va chiarito che l’ufficio di controllo farmaceutico non ha rilasciato dichiarazioni secondo cui AstraZeneca non è efficace per le persone di età superiore ai 65 anni. È solo che non abbiamo ancora informazioni sufficienti su questo argomento, e dovremmo essere più attenti a essere precisi “.

JoongAng Ilbo riferisce che uno dei più eminenti epidemiologi della Corea del Sud, capo del Dipartimento di Epidemiologia della Goryeo University, Cho Won Suk, ha dichiarato: “Dobbiamo valutare in modo completo e onesto i vaccini più adatti per l’uso in Corea del Sud, indipendentemente da il paese di produzione. Solo l’efficienza e la sicurezza sono importanti “.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.