Media: Israele ha nuovamente attaccato Damasco

L‘agenzia siriana 3 persone sono state uccisa seguito di un attacco missilistico israeliano contro obiettivi nella capitale Damasco avvenuto il 20 maggio.

Secondo l’agenzia, l’attacco è stato effettuato dai territori occupati utilizzando missili terra-terra. Come specificato, i sistemi di difesa aerea siriani hanno abbattuto 10 missili, la maggior parte dei missili lanciata sugli obiettivi.

In precedenza è stato riferito che cinque persone sono state uccise a seguito di un attacco missilistico dell’aviazione israeliana alla Siria. Altre sette persone, tra cui un bambino, sono rimaste ferite. Si precisa che l’attacco è stato effettuato dal Mar Mediterraneo su obiettivi di terra nelle province siriane di Hama e Tartus.


(Traduzione: Uno degli obiettivi dell’attacco missilistico dell’aviazione israeliana era l’aeroporto internazionale di Damasco)

Il 24 febbraio, l’aviazione israeliana ha lanciato un attacco aereo che ha ucciso tre soldati siriani. L’obiettivo dell’attacco erano alcuni punti nelle vicinanze di Damasco.

Il 17 febbraio Israele ha lanciato un attacco missilistico nell’area dell’insediamento di Zakiya, a sud di Damasco. Secondo i militari, gli attacchi sono stati effettuati da missili terra-superficie.

Appello all’ONU

Il governo siriano lancia un appello all’ONU perché condanni gli attacchi israeliano sul proprio territorio (da SANA):

Il governo siriano ha chiesto al Consiglio di Sicurezza di emettere una condanna chiara ed esplicita dei ripetuti attacchi israeliani e ad attuare le risoluzioni delle Nazioni Unite relativo alla fine dell’occupazione israeliana dei territori occupati.

Il Ministero degli Affari Esteri e degli Esteri ha dichiarato in una lettera indirizzata oggi alle Nazioni Unite e al Consiglio di Sicurezza:

“Per la seconda volta in una settimana, le forze di occupazione israeliane hanno commesso una brutale aggressione missilistica sul territorio della Repubblica Araba Siriana, dove il nemico israeliano si è esibito intorno alle undici di sera di sabato 20 maggio 2022”.

Un’aggressione con missili terra-superficie dalla direzione del Golan arabo siriano occupato, che ha preso di mira alcuni punti nel sud di Damasco, che ha portato alla morte di tre persone e perdite materiali.

Il ministero ha aggiunto: “Sebbene la Repubblica araba siriana condanni questa palese aggressione e sottolinei che si riserva il diritto di rispondere con i mezzi appropriati stabiliti dal diritto internazionale e dalla Carta delle Nazioni Unite, continua a guardare avanti e ad aspettarsi che il Segretario generale le Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza di emettere una chiara e franca condanna dei ripetuti attacchi israeliani, in linea con il mandato del Consiglio di sicurezza di mantenere la pace e la sicurezza internazionali e di attuare le risoluzioni delle Nazioni Unite relative alla fine dell’occupazione israeliana degli occupati territori siriani, oltre a richiedere alla parte aggressore israeliana di rispettare le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza e di attenersi alle disposizioni dell’accordo sulla separazione delle forze e il disimpegno firmato a Ginevra il 31 maggio 1974 e di cessare immediatamente e incondizionatamente le minacce regionali e internazionali pace e sicurezza.

VP news

 

 

Exit mobile version