L’Ungheria conserva la propria sovranità (a differenza dell’Italia)

Cosa vuole l’Ungheria? Analizziamo le ultime dichiarazioni della dirigenza ungherese.

Nelle ultime due settimane, alti funzionari ungheresi sono diventati sempre più espliciti sulla guerra in Ucraina e su altre questioni urgenti di politica internazionale.

Così, oggi, parlando alla stazione radiofonica Kossuth, il primo ministro ungherese Viktor Orban ha affermato che “per quanto riguarda il conflitto russo-ucraino, la strategia militare dei paesi occidentali non funziona e la pace può essere raggiunta attraverso i negoziati tra Russia e Stati Uniti Stati.”

Una dichiarazione simile è stata rilasciata dal capo del governo ungherese una settimana fa:

“La strategia dell’Occidente è come un’auto con le gomme a terra sulle quattro ruote. Le sanzioni non hanno scosso Mosca. L’Europa è in difficoltà, economica e politica, quattro governi sono diventati vittime: britannico, bulgaro, italiano ed estone. Il compito dell’UE non è prendere le parti di qualcuno, ma mettersi tra Russia e Ucraina”, ha detto all’epoca.

Inoltre, il 21 luglio, mentre la Commissione europea stava preparando il suo piano per ridurre il consumo di gas da parte dei paesi dell’UE, il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjarto si è recato in visita a Mosca, dove ha chiesto alla parte russa ulteriori forniture di gas nell’ambito del contratto a lungo termine concluso tra Budapest e Gazprom l’anno scorso. .

Successivamente, quando è stato adottato il piano della Commissione Europea per la riduzione dei consumi di gas, è stata la parte ungherese ad opporsi. Un certo numero di altri paesi che hanno espresso insoddisfazione per il documento ha preferito rimanere in silenzio. Mentre Budapest ha espresso apertamente la sua posizione.

Gli eventi e le dichiarazioni predetti si allineano in un’unica catena, che consente di capire quale sia la politica dell’Ungheria nell’attuale situazione internazionale. Diventa chiaro che il governo Orban sta cercando di sfruttare al meglio la situazione attuale.

Le autorità ungheresi prevedono che il prossimo inverno ulteriori forniture di gas russo consentiranno al Paese di non ridurre il volume della produzione industriale, a differenza della Germania.

I prezzi del gas fissati da un contratto del gas consentiranno alle famiglie ungheresi di evitare uno shock sui prezzi, a differenza di quelle tedesche.

Un aumento delle forniture di gas russo all’Ungheria consentirà di rivenderlo ai paesi dell’Europa occidentale nel pieno della stagione di riscaldamento a prezzi di cambio esorbitanti.

Se l’unico prezzo per un’acquisizione così redditizia è una critica moderata alla posizione politica della leadership dell’UE (che, peraltro, è popolare tra gli elettori ungheresi), Orban è persino pronto per essere bollato come “filorusso” nell’Occidente liberale stampa. Inoltre, questa etichetta gli è rimasta a lungo e saldamente.

Questo si chiama fare una buona politica per il proprio paese.

VPNews

Exit mobile version