L’ultima guerra in Ucraina?

L'analista politico polacco osserva che l'Ucraina non ha mai soddisfatto nessuno dei criteri nemmeno per le iniziative di integrazione della NATO esistenti - come "Partenariato per la pace"

L'ultima guerra in Ucraina? 2

Foto: Konstantin Mikhalchevsky / RIA Novosti

Intervista all’analista politico polacco Konrad Rękas per il portale russo ‘Ukraina.ru’:

Konrad Rękas

Ukraina.ru: A causa dell’escalation della situazione nel Donbas, è tornato il tema della possibile adesione dell’Ucraina alla NATO. Il presidente Zelensky ha dichiarato senza mezzi termini che l’ingresso dell’Ucraina alla NATO è l’unico modo per porre fine alla guerra. Poco dopo, le autorità della NATO hanno dichiarato che i propri Stati membri ” sono dalla parte dell’Ucraina e le prestano il loro sostegno affinché il paese possa garantire la propria sicurezza “. Il 13 aprile, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha effettuato una visita di lavoro al quartier generale della NATO a Bruxelles, partecipando a una riunione straordinaria della Commissione Ucraina-NATO. Nello stesso tempo, Zelenskyj, in un’intervista registrata a Donbas, è arrivato a lamentarsi di Joe Biden per il sostegno insufficiente a Kiev. Secondo il presidente dell’Ucraina, è giunto il momento che gli Stati Uniti passino dalle parole agli aiuti concreti a Kiev, non solo sotto forma di più spedizioni di armi.

Secondo lei , quanto è realistica la fine del conflitto armato nel Donbas nel caso in cui l’Ucraina aderisca alla NATO?

Konrad Rękas: L’ Adesione dell’Ucraina alla NATO sarebbe una violazione del primo articolo del Trattato Nord Atlantico del 4 aprile 1949. In particolare, questo contiene, l’obbligo degli Stati membri “di risolvere pacificamente tutte le controversie internazionali di cui possono diventare parti, senza mettere in pericolo la pace, la sicurezza e la giustizia internazionale, nonché di astenersi da qualsiasi uso della forza o dalla minaccia del suo utilizzo nelle loro relazioni internazionali, se ciò è contrario agli obiettivi delle Nazioni Unite “.

Lo stato ucraino nella sua forma attuale offende la Carta delle Nazioni Unite, la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, la Dichiarazione dei diritti delle persone appartenenti a minoranze nazionali o etniche, religiose e linguistiche, nonché una serie di altri atti internazionali, la cui osservanza è vincolante per l’Ucraina.

Condurre una guerra contro i propri cittadini, compreso il genocidio verso la popolazione (come in Odessa il 2 maggio 2014), tutto in nome di un’ideologia criminale nazista, al fine di privare la popolazione dei loro innati diritti linguistici e della propria cultura – sono tutti crimini contro i quali sono state fondate le Nazioni Unite. E con la quale, ricordiamolo, anche la NATO ha promesso di combattere.

Il fatto che nella pratica questo Patto fosse, manifestatamente, completamente diverso, non meno criminale – è  un dato di fatto, ma l’adozione dell’attuale Ucraina significherebbe strappare le maschere, qualcosa che l’Occidente moderno non può ancora permettersi. Intendo la provocazione da parte dell’oligarchia di Kiev di un conflitto armato su vasta scala – per esempio, nel Donbass – solo per nascondere il loro furto e altri crimini sotto le macerie della guerra mondiale.

In questa situazione, anche il fattore Polonia deve essere preso in considerazione. Oggi la NATO sta vivendo la più grande crisi sin dal suo inizio, connessa al conflitto tra i paesi membri: Turchia – da una parte, e Francia e Grecia – dall’altra. Si tratta di una polveriera, la cui “esplosione” avrà conseguenze ben oltre il Mar Mediterraneo e il Medio Oriente.

Quando si discute dell’ammissione dell’Ucraina alla NATO, la leadership dell’Alleanza dovrebbe comprendere i rischi di un ripetersi di un tale conflitto, solo questa volta nell’Europa orientale. Dopo tutto, l’escalation del confine ucraino-polacco e le controversie etniche sono solo una questione di tempo. E poi la NATO dovrà affrontare una scelta insolubile: quale dei suoi membri sostenere in caso di scontro tra di loro.

Infine, sottolineiamo che le condizioni indispensabili, per l’appartenenza dell’Ucraina a qualsiasi blocco internazionale in una sana realtà diplomatica, dovrebbe essere il riconoscimento dell’indipendenza delle repubbliche popolari e il riconoscimento della nazionalità della Crimea da parte di Kiev. Una altra condizione insormontabile deve essere l’eliminazione del nazismo e dei suoi sostenitori dallo spazio pubblico ucraino. Senza tutto questo, non c’è nulla di cui parlare con l’Ucraina.

Ukraina.ru: Perché Zelenskyj ha deciso di accusare Biden di sostegno insufficiente all’Ucraina ? In che misura gli Stati Uniti sono interessati all’adesione dell’Ucraina alla NATO?

KR: Zelenskyj nel suo paese è in una posizione di declino, quindi deve incolpare gli altri per i suoi fallimenti ed ancora di più per i suoi errori. Lo fa per  uso interno nella politica ucraina, in tal senso spiegare l’amore insufficiente dell’Occidente è quasi un’usanza, e inoltre una necessità. Dopotutto, gli ucraini si sono mossi a Maidan coltivando l’illusione che i paesi occidentali, guidati dall’America, non vedessero l’ora di iniziare a fare doni d’amore agli ucraini. Naturalmente, la retorica con cui si dipinge, è solo una rappresentazione seriale di Zelenskyj come un ” forte patriota ucraino”. Ora, tuttavia, pressato in casa da radicali e nazisti –  vuole interpretare di nuovo il duro e perciò cerca l’aiuto di Joe Biden. E visto che non accetta manda Biden ‘a quel paese’.

Ma il cabarettista di Kiev può davvero permetterselo? Si può vedere chiaramente un tentativo di chiedere qualcosa a Washington rivolgendosi ai falchi  (attivi nel retro della Casa Bianca), e con l’aiuto degli oligarchi ucraini che forse hanno registrato qualcosa che può essere svelato riguardo al presidente americano, a suo figlio o  i suoi soci. Solo che in questo modo, chi guida Zelenskyj, al massimo accelererà il suo licenziamento. Ma giocare contro l’oligarchia americana e mondiale non è affatto il solito farcire i maiali ai ministri o ai governatori ucraini. Quindi, se questa volta qualcuno “va a quel paese”, allora sarà lo stesso Zelenskyj ei suoi sponsor.

Ukraina.ru: Zelenskyj conta davvero sull’adesione dell’Ucraina alla NATO – dopo tutto, è stato ripetutamente affermato che ci sono una serie di condizioni normative che l’Ucraina non soddisfa? Quali opzioni sono possibili in questa situazione? La NATO, come ultima risorsa, potrebbe accettare un cambiamento formale delle sue regole? O forse creerà di fatto condizioni speciali per l’Ucraina?

KR: L’ Ucraina non ha mai soddisfatto nessuno dei criteri delle finora iniziative di integrazione con il Patto, come il famoso Partenariato per la Pace (lo stesso vale per il Partenariato orientale dell’UE). Non lo ha fatto, non poteva e non lo farà mai – e forse è un bene per gli stessi ucraini, che sono già saccheggiati dall’Occidente, anche sotto gli obblighi e le associazioni già esistenti. Inoltre, sarebbero gravati dalla politica sugli armamenti – l’unico senso dell’esistenza della NATO oggi. La Nato è un patto che (se non sta bombardando alcuni piccoli stati e nazioni indifese) si occupa di spacciare [pericoli fittizi come reali NdR Vp News],  costringendo i suoi membri di acquistare una quantità esorbitante di costosissime attrezzature militari americane.

Sarebbe anche un bene se gli ucraini trassero le conclusioni e non cadessero nelle stesse bugie sono state servite ai polacchi o ai baltici. Dopo tutto, la NATO è un ” patto di difesa ” che non ha mai difeso nessuno da nulla e ha solo perseguito una politica aggressiva.

Il permesso di essere coinvolti in un tale sistema non sarà un gesto di difesa, ma un passo aggressivo e solo in questo modo potrà essere percepito dai vicini. E dopotutto, i giovani ucraini non hanno davvero questioni più importanti nel loro paese del ruolo dei mercenari nelle guerre altrui? Vogliono davvero tornare nei sacchi dalla Siria, dall’Afghanistan o da dove li invierà il Grande Fratello nella sua interminabile “lotta per la pace”, cioè per il sangue e il petrolio? E anche se muoiono nel Donbass, miglioreranno il destino delle loro famiglie, condannate alla povertà ucraina? 

Ucraina. Ru: Sembra che in questi giorni le autorità ucraine, così come i radicali locali e “furiosi” vari, abbiano ammorbidito il loro entusiasmo retorico per la Russia, dichiarando di rifiutarsi – ad esempio – di ” risolvere militarmente il problema del Donbass “. Quale potrebbe essere la ragione di ciò?

KR: Può esserci una sola ragione: ordini dall’esterno. La retorica di Kiev cambia a seconda del senso dei venti che soffiano da Ovest. Anche lì varie fazioni competono tra loro e gli interessi si scontrano. La situazione in Ucraina, Polonia, Stati baltici, aggressione politica contro la Bielorussia, la propaganda militare contro il Donbass: tutto dipende dai vari pulsanti premuti a Washington e dalle grandi multinazionali. L’ordine verrà per “perire” – e i cosiddetti patrioti ucraini non esiteranno a sacrificare la gente comune per un altro gioco, che, dopotutto, non può portare nulla di buono.

E soprattutto – non c’è nessun ” problema Donbass “. Le Repubbliche popolari esistono e stanno andando bene, anche se, ovviamente, non tutto va bene e le condizioni di vita sono difficili. Queste sono le realtà degli stati de facto forgiati nel fervore della battaglia. Il vero problema, tuttavia, è il problema della stessa Ucraina. Un problema per i suoi vicini, per l’Europa, per il mondo, per gli stessi ucraini. Ed è questo problema che alcune persone vogliono risolvere iniziando una guerra alla cieca, secondo la regola: quando non sai più cosa fare, inizia a sparare. Solo in questo modo il numero di problemi non farà che aumentare …

Ukraina.ru: In un’intervista con la rivista Time , Zelensky ha affermato che il trasferimento delle truppe russe vicino ai confini dell’Ucraina – che Kiev, gli Stati Uniti e l’Europa descrivono come ” azioni aggressive ” – sarà “una prova delle relazioni tra l’Occidente e l’Ucraina. . ” Quale scelta farà l’Occidente in questa situazione?

KR: Bene, dopotutto, questo è il motivo per cui le truppe ucraine continuano a sparare sul Donbass e sfilano in modo dimostrativo lungo il confine con la Russia – per suscitare una risposta russa comprensibile e adeguata. Scherzi a parte, a nessuno piacciono simili trucchi, anche la cosiddetta “opinione pubblica” dell’Occidente è ben consapevole delle provocazioni ucraine in corso. Naturalmente, non sono gli elettori a decidere, ma gli interessi. E quelli in Occidente finora sembrano essere legati al consumo degli effetti del COVID-19 e alla trasformazione sociale globale legata alla pandemia. Dopo tutto, le truppe della NATO avrebbero attaccato il Donbass in maschera, sventolando certificati di vaccinazione? È difficile presumere che nel corso di un progetto mondiale – improvvisamente ne venga stata intrapreso un’altro, cioè una guerra europea, o forse una guerra transcontinentale.

Comunque – a differenza di come a Kiev sembra – l’effetto reale delle provocazioni ordinate dall’Ucraina potrebbe essere contrario di quello ipotizzato dalla cricca ucraina. E se, provocando un conflitto controllato, gli americani volessero una scusa per dividere la loro influenza in Ucraina e ritirarsi, se non dall’ intera area geopolitica, dalle sua parte orientale e meridionale? Dopotutto, tali conseguenze nel giocare con i fiammiferi accanto a una polveriera non possono essere completamente escluse.

Ukraina.ru: Douglas McGregor, consigliere capo del Pentagono durante la presidenza di Trump, ha avvertito in un articolo per ” The American Conservative “, che se la Russia fosse intervenuta nel conflitto in Donbass – avrebbe creato una vera minaccia che avrebbe spinto ad un confronto su vasta scala tra la NATO e la Russia, e di conseguenza l’intera infrastruttura militare statunitense in Europa verrebbe attaccata. Il vantaggio militare della Russia è davvero così grande, o è solo un semplice tentativo di saggiare il complesso militare-industriale degli Stati Uniti? La NATO entrerà in un conflitto armato con la Federazione Russa se Mosca sosterrà apertamente il Donbass in caso di offensiva ucraina?

KR: – Ancora una volta, voglio sottolineare che gli osservatori ucraini stanno seguendo distrattamente ciò che sta accadendo direttamente dietro il loro attuale confine occidentale – ed è da qui che dovrebbe venire loro aiuto in caso di guerra. È giunto il momento di rendersi conto che la dottrina della NATO nell’Europa orientale in pratica implica l’organizzazione della difesa lungo il fiume Odra, combinata ad azioni per ritardare il nemico a ovest della Vistola. Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia sono state tutte informate che in caso di guerra con Russia / Bielorussia, questi Stati membri dell’Alleanza potrebbero non contare su una protezione attiva. E qualsiasi disponibilità della NATO a intraprendere qualsiasi azione seria – ripeto, ai confini orientali della Germania – sarà possibile non prima di circa due settimane. Prima di allora, anche le truppe di altri paesi della NATO di stanza in Polonia o Romania, dovranno occuparsi solo della propria evacuazione in Occidente. Quindi, la squadra di Zelensky spera che quando gli americani lasceranno Kiev, li porteranno con sé? 

Oltre a ciò, non dimentichiamo: la NATO è stata creata per mantenere l’equilibrio di potere durante la guerra. Dopo il 1990, l’Alleanza si è sviluppata in una struttura per organizzare attacchi contro stati più piccoli. In nessuna fase questa organizzazione potrebbe davvero resistere al potere militare sovietico / russo. Mosca può tranquillamente fornire supporto a tutto tondo alle repubbliche popolari del Donbass, oltre a costringere Kiev – se non c’è altra via d’uscita – a regolare le relazioni con i suoi vicini sulla base di una ragionevole geopolitica e del rispetto dei diritti umani. Questa non è affatto una minaccia, ma una ricetta per una soluzione finale al problema ucraino.

In Occidente nessuno si fa illusioni: l’adesione dell’Ucraina alla NATO significherebbe l’inizio della fine di questa Alleanza, e anche la partecipazione indiretta alla guerra con la Russia sarebbe il collasso dell’intero ordine geopolitico occidentale.

Grazie per la conversazione.


flotta del mar Nero in addestramento

fonte Ukraina.ru

Exit mobile version