L’Ucraina minaccia l’Ungheria di fermare completamente il transito del gas

Kiev sta continuando a lanciare fulmini e saette per il diritto di transito di un gasdotto – quello ucraino – che la Russia non intende più utilizzare o almeno, intende ridurne l’utilizzo. Il gas che passa attraverso l’Ucraina verrà lentamente convogliato in North Stream 2, e , nel caso ungherese,  in Turkish Stream)  Questo a causa del crescente rischio geopolitico che vede sempre più l’Ucraina ostile e inaffidabile nei confronti della Russia.
Ovviamente , in materia economica e nazionale ogni stato deve operare per il profitto e secondo criteri di buon vicinato. Ma l’Ucraina è apertamente nemica la Russia. E’ singolare quindi leggere notizie come questa, di Lenta.ru:

Kiev può ridurre significativamente o addirittura fermare completamente il transito di gas verso l’Ungheria attraverso l’Ucraina, lo ha affermato Sergey Makogon, CEO di Operator GTS Ukraine, sul suo profilo Facebook.

“Un esempio lampante della politica del Cremlino nei confronti dell’Ucraina: non appena diventa tecnicamente possibile aggirare l’Ucraina nel transito del gas, Gazprom fa passare il gas attraverso gasdotti di transito più lunghi, ma che evitano l’Ucraina. Nord Stream 2 pone rischi critici per il transito esistente attraverso l’Ucraina “, ha scritto Makogon.

Lunedì 27 settembre, Gazprom ha firmato un nuovo contratto di fornitura di gas con l’Ungheria. L’azienda russa venderà 4,5 miliardi di metri cubi di gas all’anno all’Ungheria per 15 anni.

Il ministero degli Esteri ucraino si è detto “sorpreso e deluso” dalla decisione dell’Ungheria. Il ministero ha aggiunto che è più redditizio per l’Ungheria ricevere gas in transito attraverso il sistema di trasporto del gas dell’Ucraina, che consente “la via più breve per fornire ininterrottamente gas ai paesi europei”.

Il 14 settembre, Kiev ha effettivamente minacciato l’Europa di interrompere le forniture di gas. Se viene lanciato il Nord Stream 2 e le forniture lungo la rotta ucraina risultano troppo scarse, Kiev dovrà riorientare completamente il suo sistema di trasmissione del gas (GTS) per le esigenze interne, ha affermato il ministro dell’Energia dell’Ucraina Herman Galushchenko.

fonte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.