L’Ucraina in breve fino al 2014: un utile contributo per la comprensione del contesto storico

La guerra ucraina è ormai una guerra che – dopo la sua genesi iniziale di conflitto regionale – ha assunto l’aspetto di un conflitto esteso a livello mondiale che coinvolge diversi attori.

Quanto segue, è stato scritto il 13 mar 2015 da Nicolai N. Pietro, professore di Scienze Politiche all’Università di Rhode Island, che ha servito come assistente speciale per la politica nel Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.  Il lavoro è l’illustrazione della storia della terra ucraina fino agli avvenimenti del 2014. Data l’epoca in cui è stato scritto, il testo è di una importanza fondamentale perché dimostra che è possibile una valutazione oggettiva dei fatti, solo attraverso lo studio approfondito della storia: questo un metodo di comprensione della realtà incredibilmente eluso dai media mainstream.

La sua lettura può costituire un utile contributo per meglio comprendere i precedenti storici che costituiscono le basi delle problematiche odierne.

Estratto da  Ucraina e Russia: People, Politics, Propaganda and Perspectives  – an E-IR Edited Collection. Disponibile ora su Amazon ( Regno Unito ,  USA ,  Fra ,  Ger ,  Ca ), in tutte le migliori librerie e tramite un  download gratuito di PDF

Capire l’altra Ucraina: identità e fedeltà nell’Ucraina russofona

Le differenze culturali e politiche che affliggono l’Ucraina sono il prodotto di modelli molto diversi di insediamento regionale. Tra questi, spicca l’insediamento dell’Ucraina orientale e meridionale, poiché in queste regioni tradizionalmente russofone sono sorti conflitti politici ogni volta che è stata messa in discussione la legittimità della cultura russa in Ucraina.

Una storia molto breve dell’insediamento russo

Dopo la distruzione di Kiev da parte di Batu Khan nel 1240, la terra “oltre le rapide” [za porog] del fiume Dnepr divenne una terra di nessuno contesa dal Regno di Moscovia, dal Khanato tartaro e dal regno polacco-lituano. È in questa regione (mostrata in giallo nella Figura 1) che inizia la vita politica del popolo ucraino, poiché i coloni noti alla storia come cosacchi cercavano di preservare la loro indipendenza, difendendo la loro tradizionale fede cristiana ortodossa.

Una delle prime distinzioni emerse tra loro è la distinzione geografica tra coloro che si stabilirono a ovest del fiume Dnepr, noto come riva destra poiché il fiume scorre, e coloro che si stabilirono a est del fiume, noto come riva sinistra.

Figura 1: Mappa storica semplificata dei confini ucraini: 1654-2014 [1]

map 1 1200x8081 1

La riva destra del fiume Dniepr, che comprende le attuali regioni di Crimea, Dnipropetrovsk, Donetsk, Kharkov, Kherson, Lugansk, Odessa, Nikolayevsk e Zaporozhye, forma una comunità etnica e culturale relativamente compatta che si distingue per la forte influenza della cultura russa, anche dove la maggioranza della popolazione si definisce ucraina.

Nelle regioni orientali che hanno sostenuto Viktor Yanukovich alle elezioni del 2004, ad esempio, la percentuale della popolazione che si considerava “russa” era solo del 34,5%, ma la percentuale di coloro che si consideravano principalmente “russi” era dell’82,1%. (vedi tabella 1).

Tabella 1. Percentuale di russi e di lingua russa nelle regioni che hanno sostenuto V. Yanukovich.

tabella

Le ragioni di questa eredità possono essere ricondotte alle quattro distinte ondate di insediamenti russi a est del fiume Dnepr: Slobodskaya Ukraina, Novorossiya, Crimea e Donbass.

Slobodskaja Ucraina

slobodskaya1

Slobodskaya Ukraina o slobozhanshchina, comprende non solo le regioni ucraine di Kharkov e Sumy, ma anche le regioni di Voronezh, Kursk e Belgorod, che attualmente fanno parte della Federazione Russa.

Il nome deriva dagli sloboda, o insediamenti fortificati, che i cosacchi stabilirono sulla riva sinistra del Dnepr. A questi fu concessa una notevole autonomia locale in cambio del servizio di difesa dei confini dell’Impero russo. Hanno anche beneficiato di alcune esenzioni fiscali e privilegi commerciali. Sebbene il loro status di “libero” terminò nel 1765, quando Caterina la Grande trasformò i cosacchi in soldati regolari, molti di questi sloboda prosperarono e in seguito si svilupparono nelle principali città ucraine.

Kharkov, la seconda città più grande dell’Ucraina e capitale della SSR ucraina dal 1919 al 1934, è stata la capitale amministrativa e culturale della slobozhanshchina. La sua università, la seconda più antica dell’impero russo, ne fece un importante centro culturale russo, nonché un importante centro per lo studio della lingua ucraina.

Novorossiya

novorossya1

Novorossiya, un nome che ha recentemente acquisito notorietà dopo essere stato utilizzato dal presidente russo Putin nell’aprile 2014, è in realtà il nome storico di una delle regioni più giovani ed etnicamente diverse dell’Ucraina.

Incorporato nell’impero russo a seguito delle guerre russo-turche del XVIII secolo, l’insediamento di questa regione seguì un modello simile di creazione di forti militari che alla fine divennero città, essenzialmente un’estensione a sud di Slobodskaya Ukraina. Poiché la conquista di Novorossiya ha aggiunto una nuova costa all’Impero russo, tuttavia, sono stati aggiunti incentivi specifici per stabilire nuovi porti e promuovervi il commercio.

È così che Odessa, oggi la terza città più grande dell’Ucraina, è diventata il centro culturale e commerciale della regione. Il suo primo status di porto franco, insieme alla nomina di amministratori stranieri, contribuì a creare un’aura di cosmopolitismo che attirò un gran numero di ebrei, greci, armeni e italiani. Entro la fine del diciannovesimo secolo, veniva chiamata colloquialmente la “Capitale meridionale dell’Impero russo”. Più nell’entroterra della costa, i governanti russi incoraggiarono l’insediamento di serbi, bulgari e ungheresi. In effetti, prima della rivoluzione del 1917, i due distretti amministrativi più grandi di Novorossiya erano conosciuti come Nuova Serbia e Slavo-Serbia (ru.wikipedia.org, 2014a). Percepita come una regione in sintonia con i bianchi durante la guerra civile russa, l’uso del termine Novorossiya fu soppresso in epoca sovietica.

Crimea

Crimea1

La Crimea, o Tauridia, è tra i più antichi insediamenti registrati lungo la costa del Mar Nero. I documenti archeologici rivelano colonie greche lì già nel IX secolo a.C. Successivamente, la penisola cadde sotto il controllo degli Sciti, dei Goti e persino dei Genovesi, fino a quando non fu catturata dalle forze ottomane nel 1475. Fu infine presa dalla Russia nel 1783.

La Crimea è stata trasferita amministrativamente dalla Repubblica socialista federata sovietica russa (RSFSR) alla Repubblica socialista sovietica ucraina (SSR) solo nel 1954 ed è l’unica regione dell’Ucraina la cui popolazione si identifica come prevalentemente etnica russa. Insieme allo status degli indigeni tartari di Crimea, questo è stato un punto dolente per tutta l’era post-sovietica. Dati i recenti eventi, vale la pena riassumere la tesa storia della Crimea nell’Ucraina indipendente.

Nel gennaio 1991, quando l’URSS si disintegrò, il governo regionale della Crimea decise di tenere un referendum per “ripristinare” l’autonomia della Crimea, abrogata nel 1946, e far riconoscere la Crimea come partecipante indipendente del nuovo Trattato dell’Unione proposto da Mikhail Gorbachev. Ciò ha aperto le porte alla separazione della Crimea dall’URSS, di cui l’Ucraina faceva ancora parte. Quasi l’84% degli elettori registrati ha partecipato e oltre il 93% ha votato per l’autonomia (ru.wikipedia.org, 2014b). 12 febbraio 1991 – il parlamento dell’Ucraina sovietica ha riconosciuto questo referendum e in giugno ha modificato la costituzione della SSR ucraina. Il 4 settembre 1991, il Soviet Supremo della Repubblica Autonoma di Crimea (ACR) ha proclamato la sua sovranità e ha dichiarato la sua intenzione di creare un proprio stato democratico all’interno dell’Ucraina. Il 1° dicembre 1991,

Il 5 maggio 1992, il Soviet supremo dell’ACR ha adottato una “legge che proclama la sovranità statale della Repubblica di Crimea”. Sotto la pressione di Kiev, è stato revocato il giorno successivo, ma la regione ha comunque adottato una costituzione della Crimea che era in conflitto con la costituzione ucraina in carica in diversi punti chiave. Nel frattempo, il parlamento russo ha votato per annullare la decisione del 1954 di trasferire la Crimea dalla giurisdizione della SFSR russa alla SSR ucraina.

Nel corso degli anni successivi, le relazioni tra i governi di Crimea e ucraino rimasero tese. La situazione, tuttavia, sembrava risolta quando la Russia non ha risposto alla decisione dell’Ucraina nel marzo 1995 di revocare unilateralmente la costituzione della Crimea del 1992. Tuttavia, la situazione si è riaccesa all’inizio del 2014, quando le manifestazioni di piazza a Kiev sono diventate violente (newsru.com, 2014a). Il giorno dopo che il presidente Yanukovich è stato rimosso dall’incarico, tremila funzionari regionali dell’Ucraina orientale e meridionale si sono riuniti a Kharkov e hanno votato per assumere il controllo politico nelle loro regioni fino al ripristino dell'”ordine costituzionale” a Kiev.

In Crimea, il parlamento regionale, uno degli istigatori di questo incontro, è andato ancora oltre. Ha chiesto un referendum sull’autonomia della Crimea in Ucraina (Rada.crimea.ua, 2014). Kiev ha risposto mettendo l’esercito ucraino sotto il comando diretto dell’allora oratore/presidente Oleksandr Turchynov, che ha poi cercato di sostituire i comandanti militari locali e le forze di sicurezza in Crimea. Le autorità della Crimea hanno quindi fatto appello alla flotta residente russa del Mar Nero per l’assistenza nel “mantenimento della sicurezza”. Il 1 ° marzo, citando la minaccia per i cittadini russi, il personale militare e i connazionali in Crimea, il presidente russo Putin ha chiesto e ricevuto l’autorità per utilizzare le truppe russe in Ucraina. Una settimana dopo il referendum in Crimea è stato anticipato e la questione è cambiata dall’autonomia all’interno dell’Ucraina alla secessione con l’intento di unirsi alla Russia.

La leadership della Crimea ha così approfittato dei disordini a Kiev per rimediare a una vecchia lamentela: l’abrogazione della sua Costituzione del 1992. L’intervento russo ha facilitato direttamente la sua capacità di tenere tale referendum, che la maggior parte degli esperti legali internazionali considera illegale. Il governo della Crimea, tuttavia, ha osservato che, nel suo parere consultivo sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo, la Corte internazionale di giustizia ha ritenuto che “non esisteva una regola generale – a parte le dichiarazioni di indipendenza, o autorizzandole del resto, che si trattava di atti politici .’ Poiché la Russia riteneva che tenere un referendum fosse proprio un tale “atto politico” e la legittimità del governo di Kiev era in discussione, sostenne che il governo della Crimea rientrava pienamente nei suoi diritti di agire (Newsru.com, 2014b).

Donbass

Donbass1

Il Donbass è per molti versi tipico della Russia centro-meridionale. Mentre altre regioni dell’Ucraina sono state risolte a causa di controversie e conquiste territoriali, la crescita del Donbass è legata alla scoperta nel 1720 del più grande bacino di carbone d’Europa e all’ascesa dell’industria locale. Fino a tempi abbastanza recenti, le due regioni di Donetsk e Lugansk contribuivano per quasi il 16% al PIL dell’Ucraina e per un quarto della sua produzione industriale (Poluneev, 2014).

Un’altra specificità di questa regione sono le sue periodiche rivolte, alimentate in parte dal mezzo milione di Antichi Credenti che si stabilirono in questa regione durante la seconda metà del XVII secolo. I discendenti di questa famosa comunità indipendente avrebbero in seguito formato la spina dorsale dell'”Armata Nera” dell’anarchico Nestor Makhno (Gazeta.ru, 2014). Alla fine dell’era sovietica, l’attivismo politico e l’iniziativa mostrati dai minatori del Donbass si sono ulteriormente aggiunti all’immagine ribelle della regione (Kmet, 2014).

Per i nazionalisti ucraini, tuttavia, il Donbass è anche una delle regioni più “sovietiche” e quindi “aliene” dell’Ucraina. Bohdan Chervak, presidente dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini, lo definisce “territorio non ucraino per contenuto” (Chervak, 2014) e persino l’ex presidente ucraino Viktor Yushchenko ha recentemente definito sia la Crimea che il Donbass come regioni “in cui la nostra lingua praticamente non esistono, dove la nostra memoria è inesistente, dove la nostra chiesa è assente, dove la nostra cultura è assente… terre completamente straniere [de chuzhina chuzhinoyu]’ di cui, insiste, ‘non un solo cespuglio di terra’ potrebbe mai essere ceduto (Ukrainska pravda , 2014).

La soluzione più spesso proposta a questo enigma è rieducare la popolazione locale a un adeguato apprezzamento della loro identità ucraina apparentemente repressa, un processo che la professoressa dell’Università di Donetsk Elena Styazhkina chiama eufemisticamente “colonizzazione positiva e pacifica” (Fakty.ua, 2014) .

Il significato del passato per il presente

Queste regioni sono tutte salite alla ribalta come risultato diretto della crescita e dell’espansione dell’Impero russo, e questo fatto ha avuto un impatto duraturo sulla loro identità.

In primo luogo, il modello storico-culturale dell’Ucraina orientale è biculturale. Quest’altra Ucraina ha sviluppato un’identità regionale autosufficiente in cui sia russo che ucraino interagiscono liberamente e sono intercambiabili. È interessante notare che, mentre nella costituzione ucraina solo la lingua ucraina è considerata ufficiale, nella costituzione proposta per la Repubblica popolare ribelle di Donetsk, sia il russo che l’ucraino sono dichiarate lingue ufficiali (Komsomolskaya pravda, 2014).

In secondo luogo, questo territorio è una regione di confine, distinta sia da Mosca che da Kiev. Questo può essere visto nella versione dell’Altra Ucraina della mitologia cosacca. Mentre i nazionalisti ucraini vedono che i cosacchi sottolineano la particolarità dell’Ucraina dalla Russia, l’Altra Ucraina sottolinea un aspetto diverso di questo mito: la difesa cosacca dell’Impero russo e la religione ortodossa tradizionale (Hillis, 2013).

Infine, c’è il modello di voto straordinariamente stabile mostrato dall’Altra Ucraina dal 1994. I critici spesso lo attribuiscono alla nostalgia dell’era sovietica, ma è meglio compreso come un desiderio per il cosmopolitismo dell’era sovietica, che riflette maggiormente la loro identità. Si manifesta nel rifiuto viscerale del nazionalismo etnico diffuso in regioni dell’Ucraina occidentale come la Galizia, e nell’affermazione di un’identità ucraina che è indissolubilmente legata alla cultura russa, se non alla politica russa.

Non sorprende quindi che le divisioni politiche del Paese abbiano seguito questi modelli storici. I modelli di voto in Donbass e Crimea si distinguono per essere quasi l’opposto di quelli in Galizia (Fondo Kucheriva, 2014). Al contrario, gli elettori di Slobozhanshchina e dell’entroterra di Novorossiya (riva sinistra ucraina) tendono ad essere solo marginalmente più filo-russi, mentre le aree tradizionali dell’etmanato cosacco (riva destra ucraina) sono leggermente più favorevoli al nazionalismo ucraino integrale (vedi Figura 2).

Figura 2: Confini storici sovrapposti ai risultati presidenziali del 1994. [3]

mapa 2

Questi modelli sono riemersi in entrambi i movimenti Maidan del 2004 e del 2014. Come osserva Mark Beissinger, i partecipanti alla Rivoluzione arancione del 2004 avevano otto volte più probabilità di provenire dall’Ucraina occidentale e il 92% dichiarava l’ucraino come lingua madre. Al contrario, i loro oppositori provenivano in modo schiacciante dall’est, principalmente da Donetsk, e tre volte più propensi a parlare russo a casa. ‘Molto letteralmente’, conclude, ‘I rivoluzionari arancioni e gli oppositori della rivoluzione “parlavano lingue diverse” nella loro vita quotidiana’ (Beissinger, 2014).

Lo stesso schema è riemerso nel 2014. I sondaggi dell’Euromaidan a fine dicembre e inizio febbraio hanno rivelato che l’81% e l’88% dei manifestanti, rispettivamente, proveniva da fuori Kiev, una città in gran parte di lingua russa (Tyazhlov, 2014). Dato che l’82% dei manifestanti ha comunicato in ucraino, è molto probabile che provenissero in modo schiacciante dalle regioni occidentali, dove il sostegno alle proteste ha raggiunto l’80%, contro solo il 30% a est e il 20% a sud (Andreyev , 2014).

Nell’Altra Ucraina persistono ancora oggi valutazioni fortemente critiche sul movimento Maidan. Un’indagine in otto regioni russofone condotta dall’8 al 16 aprile 2014 (Zerkalo nedeli, 2014) dall’Istituto internazionale di sociologia di Kiev ha rilevato che:

  • Due terzi dei residenti del Donbass vedevano il Settore Destro come “una formazione militare di spicco che è politicamente influente e rappresenta una minaccia per i cittadini e l’unità nazionale”;
  • La maggior parte delle persone nell’Ucraina orientale e meridionale (62%) ha attribuito la perdita della Crimea al governo di Kiev, piuttosto che ai separatisti della Crimea (24%) o alla Russia (19%).
  • Il 60 per cento degli intervistati a Donetsk e il 52 per cento a Lugansk non è d’accordo con l’opinione che la Russia stia organizzando i ribelli e guidando le loro azioni;
  • Mentre il 70% non sosteneva la secessione, ad aprile solo il 25% voleva entrare nell’UE, mentre il 47% preferiva l’unione doganale guidata dalla Russia.

Un sondaggio di follow-up di tutte le regioni ucraine, condotto dal 12 al 21 settembre 2014 (Fondo Kucheriva, 2014), ha confermato il vasto divario che esiste tra gli atteggiamenti popolari nel Donbass e nell’Ucraina occidentale. Pertanto, alla domanda se la Russia sia responsabile dello spargimento di sangue e della morte di persone nell’Ucraina orientale, solo il 19,1% dei residenti del Donbass ha risposto “sì” (sicuramente o probabilmente), mentre il 62,8% ha detto “no” (sicuramente o probabilmente ). Nell’Ucraina occidentale, al contrario, l’81,6% ha risposto “sì” (sicuramente o probabilmente), mentre solo il 15,8% ha risposto “no” (sicuramente o probabilmente).

Un confronto diretto delle stesse domande in entrambi i sondaggi fornisce alcune informazioni sull’impatto che sei mesi di combattimenti (da aprile a settembre) hanno avuto sull’opinione pubblica locale. Tra le sorprendenti conclusioni:

  • Meno persone nel Donbass oggi credono che questa sia una guerra tra Russia e Ucraina rispetto all’inizio delle ostilità (19,4% rispetto al 28,2%);
  • Altri ora ritengono che la Russia sia giustificata nel difendere gli interessi dei cittadini russofoni nell’Ucraina orientale (il 50,9% contro il 47% dice “sì”; l’8,1% contro il 33,4% dice “no”);
  • La percentuale a favore della separazione dall’Ucraina è balzata vertiginosamente, dal 27,5% al ​​42,1%, principalmente a spese degli indecisi.

In sintesi, la campagna militare ha opinioni radicate da entrambe le parti. Gli ucraini occidentali sono ora più convinti che mai che ci sia un’invasione russa e che l’Ucraina dovrebbe rimanere uno stato unitario, con l’ucraino come unica lingua ufficiale. Gli ucraini orientali, invece, sono ora più convinti che la colpa di questa crisi sia a Kiev, che la lingua russa dovrebbe avere lo stesso status dell’ucraino (almeno nelle loro regioni), e ora sono più ricettivi all’idea di separarsi Ucraina.

Un sondaggio di follow-up dell’Istituto internazionale di sociologia di Kiev, condotto dal 6 al 17 dicembre 2014 (Zerkalo nedeli, 2014b), conferma il modello. L’adesione all’UE continua ad essere vista in modo molto diverso, con solo un quarto dei residenti delle porzioni del Donbass sotto il controllo di Kiev a favore dell’adesione all’UE e quasi il doppio che si oppone. Nelle regioni occidentali dell’Ucraina, invece, l’89,3% è favorevole all’adesione all’UE e solo il 5,7% contrario.

Nelle regioni occidentali dell’Ucraina, la metà (51,4%) ha un’opinione positiva dei combattenti volontari dell’esercito ucraino. Questa cifra scende al 24,1% nel sud, al 19,1% nell’est e all’8,2% nelle porzioni del Donbass ora sotto il controllo di Kiev. Un’altra indicazione significativa di quanto siano radicate le differenze regionali è un confronto di come i principali eventi del 2014 sono percepiti nel Donbass e nelle regioni occidentali (Lviv, Ternopil, Ivano-Frankivsk, Volyn, Roven, Khmelnitsk, Transcarpathia e Chernovtsy).

map 3

Vediamo che, mentre c’è un ampio consenso sul fatto che le vittime nel Donbass e l’occupazione russa della Crimea siano eventi chiave, c’è molto meno consenso sul significato delle truppe russe nel Donbass. Ciò è senza dubbio dovuto alla notevole incertezza all’interno del Donbass sulla natura precisa del coinvolgimento russo lì. Nel frattempo, la morte dei Cento Celesti, la firma dell’accordo di associazione con l’UE e la proclamazione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk sono già mitigate in modo molto diverso nelle diverse parti dell’Ucraina.

Conclusione

Se questi modelli storici sono rimasti stabili per così tanto tempo, perché i combattimenti sono scoppiati solo ora? Perché la rimozione perentoria del presidente Yanukovich ha violato il delicato equilibrio di interessi tra Galizia e Donbass. È stato quindi visto come una minaccia diretta all’interesse centrale degli ucraini russofoni. Solo dopo la cacciata di Yanukovich iniziamo a vedere un cambiamento popolare nell’Altra Ucraina dal rifiuto passivo del Maidan, alla ribellione totale in Crimea e nel Donbass. A metà aprile, due terzi dei residenti del Donbass hanno affermato di considerare il Maidan come “un rovesciamento armato del governo, organizzato dall’opposizione con l’assistenza dell’Occidente” (Zerkalo nedeli, 2014). Tali sentimenti sono stati ora rafforzati da migliaia di vittime di combattimenti e civili.

Ma, come osserva il ministro dell’Interno ucraino Arsen Avakov, la guerra può avere un salutare effetto di “pulizia” (Avakov, 2014). Ora ci sono sei milioni di ucraini russofoni in meno sotto il controllo del governo ucraino (senza contare i rifugiati). Il precedente equilibrio di potere tra le regioni è stato così radicalmente alterato. Ciò ha incoraggiato alcuni a sostenere che la secolare mescolanza culturale che ha caratterizzato l’Ucraina ha ora la possibilità di essere sostituita dal trionfo del nazionalismo ucraino occidentale.

Ci sono alcuni problemi con questo scenario, tuttavia:

  • È probabile che un’aperta discriminazione contro la cultura russa porti al risentimento tra gli ucraini russofoni che, anche con la perdita della Crimea e forse di porzioni del Donbass, costituiranno non meno di un terzo della popolazione;
  • Gli sforzi per vietare le importazioni culturali russe e ridurre l’influenza culturale russa incontrano il problema che la lingua russa è ancora ampiamente preferita nell’uso quotidiano, specialmente nelle grandi città (Ukrainska pravda, 2014);
  • Il presidente Putin ha dichiarato a novembre che non permetterà che “tutta l’opposizione politica” all’attuale governo ucraino venga sradicata (Govorit Moskva, 2014).

La maggior parte delle proposte per porre fine alla crisi attuale si sono rivelate di scarso valore perché tendono a trascurare le profonde radici storiche e culturali del conflitto. Sia il governo di Kiev che i leader dell’opposizione nel Donbass stanno perseguendo un gioco a somma zero, quando ciò che serve è una soluzione reciprocamente rispettosa. Un approccio che potrebbe aiutare è quello della Copenhagen School of Security Studies, che suggerisce che la sicurezza dell’Ucraina può essere migliorata trattando l’identità nazionale come una preoccupazione condivisa per la sicurezza.

Secondo la Scuola di Copenaghen, la sfida alla sicurezza più profonda che le nazioni devono affrontare oggi non riguarda la sovranità, ma l’identità, in particolare l’identità dei sottogruppi culturali che compongono una società e la cui coesione e lealtà sono essenziali per la sopravvivenza della società (e dello stato) . La sicurezza dello Stato potrebbe quindi essere notevolmente rafforzata soddisfacendo, piuttosto che reprimendo, le esigenze culturali delle minoranze (Petro, 2009).

Il fatto che la minoranza di lingua russa in Ucraina abbia un potente mecenate esterno non fa che rendere questa soluzione più attraente. Le uniche due richieste di Putin per l’Ucraina, dichiarate nella sua intervista del 4 marzo 2014, sono: (1) che la popolazione dell’est e del sud sia al sicuro e (2) che faccia parte del processo politico (Petro, 2014) .

Abbracciando la lingua e la cultura russa come aspetti legittimi dell’identità ucraina, l’Ucraina potrebbe quindi placare le preoccupazioni della Russia, neutralizzando allo stesso tempo il suo sostegno popolare all’interno dell’Altra Ucraina. Ciò avrebbe anche l’effetto salutare di spostare il discorso del patriottismo ucraino dalla sua attuale ossessione per la “nostra lingua” e la “nostra identità”, verso il patriottismo civico inclusivo che è più comune nell’Europa occidentale e negli Stati Uniti.

Riconoscere l’ovvia realtà che l’Ucraina è, nel suo cuore, bilingue e biculturale, potrebbe finalmente consentire agli ucraini di affrontare le questioni interne in modi che costruiscono lealtà allo stato, piuttosto che dividere ulteriormente la nazione ucraina.

Appunti

[1] http://en.wikipedia.org/wiki/File:Simplified_historical_map_of_Ukrainian_borders_1654-2014.jpg

[2] http://www.analitik.org.ua/researches/archives/3dee44d0/41ecef0cad01e/

[3] http://observationalism.com/2014/01/27/the-geographical-and-historical-divisions-underlying-ukraines-political-strife/

Riferimenti

*Mappe di Donbass, Crimea, Novorossiya e Slobodskaya Ukraina tratte da http://reconsideringrussia.org/2014/05/15/historical-geography-of-ukraine/ (consultato il 15 febbraio 2015).

Andreyev, O. (2014) “Potere e denaro in Ucraina”, Open Democracy, 12 febbraio. Disponibile su: https://www.opendemocracy.net/od-russia/oleksander-andreyev/power-and-money-in-ukraine (consultato: 12 dicembre 2014).

Avakov, A. (2014) ‘V eti paru dnei mnogo govoril s nashimi. . .,’ Facebook, 22 giugno. Disponibile su: https://www.facebook.com/arsen.avakov.1/posts/657281451028631 (consultato il 25 giugno 2014).

Beissinger, M. (2014) “Perché dovremmo essere sobri sulle prospettive a lungo termine di una democrazia stabile in Ucraina”, Washington Post, 11 marzo. Disponibile su: http://www.washingtonpost.com/blogs/monkey-cage/wp/2014/03/11/why-we-should-be-sober-about-the-long-term-prospects-of-stable -democracy-in-ukraine/ (consultato il 12 dicembre 2014).

Chervak, B. (2014) “Stanet li Donbas Ukrainskim?” Ukrainskaya pravda, 10 luglio. Disponibile all’indirizzo: http://www.pravda.com.ua/rus/columns/2014/07/10/7031364/ (consultato il 12 dicembre 2014).

Fakty.ua (2014) “Professor DonNU Elena Styazhkina: ‘Donbas ne vernetsya v Ukrainy potomu chto Donbas ne sushchestvuyet'”, 6 novembre. Disponibile su: http://fakty.ua/190599-elena-styazhkina-Donbas-ne-vernetsya-v-ukrainu-potomu-chto-Donbasa-ne-sucshestvuet (consultato il 12 dicembre 2014).

Gazeta.ru (2014) “O teorii i istorii anarkhizma rasskazyvaet doctor nauk Aleksandr Shubin”, 9 giugno. Disponibile su: http://www.gazeta.ru/science/2014/06/09_a_6064065.shtml (consultato: 12 dicembre 2014).

Govorit Moskva (2014) ‘Mosksa ne pozvolit Kievu unichtozhit’ svoikh antagonistov v Donbase, zayavil Putin’, 15 novembre. Disponibile su: http://govoritmoskva.ru/news/19114/ (Accesso: 12 dicembre 2014).

Hillis, F. (2013) Children of Rus’: Right-bank Ukraine and the Invention of a Russian Nation. New York: Cornell University Press.

Kmet, S. (2014) “Pravda Shaktera”, Ukrainskaya pravda, 11 dicembre. Disponibile su: http://www.pravda.com.ua/rus/articles/2014/12/11/7047109/view_print/ (consultato il 12 dicembre 2014).

Komsomolskaya pravda (2014), “Konstitutsiia Donetskoi respubliki: Dva yazyka, federalism i pravoslavie”, 17 maggio. Disponibile su: http://www.kp.ru/daily/26232.7/3114454/ (consultato: 12 dicembre 2014).

Fondo Kucheriva (2014) “Stavlennya naselennya do podii na Donbasi”, 21 settembre. Disponibile su: http://www.dif.org.ua/ua/events/stavlennjcina-miru.htm (consultato: 12 dicembre 2014).

Newsru.com (2014a) “Ne menee 85% krymchan namereny uchastvovat” v referendum”, 11 marzo. Disponibile su: http://newsru.com/world/11mar2014/opros.html (consultato: 12 dicembre 2014).

Newsru.com (2014b) “Na referendume zhiteli Kryma reshat, voidet li avtonomiya v RF”, 6 marzo. Disponibile su: http://newsru.com/world/06mar2014/crimea.html#2 (consultato: 12 dicembre 2014).

Petro, NN (2009) ‘The Cultural Basis of European Security: Analysis and Implication for Ukraine,’ Sotsial’na ekonomika [pubblicato dall’Università Nazionale di Kharkiv in ucraino, russo e inglese], No.1, pp. 35-41

Petro, NN (2014) “L’Occidente deve decidere quale sia più importante: punire la Russia o preservare l’integrità territoriale dell’Ucraina”, Valdai Discussion Club, 11 marzo. Disponibile su: http://valdaiclub.com/near_abroad/67320.html (consultato: 12 dicembre 2014).

Poluneev, Y. (2014) ‘Desyat’ shokiv Ukrainy (Parte I)’ Ekonomichna pravda, 12 dicembre. Disponibile all’indirizzo: http://www.epravda.com.ua/publications/2014/12/12/512627/view_print/&usg=ALkJrhizeiv1mTxjFgfZ3IW20aP_Wjjirw (consultato il 15 dicembre 2014).

Rada.crimea.ua (2014) ‘Postanovlenie VR ARK, referendum ‘Ob organizatsii i provenii respublikanskogo (mestnogo)’, 27 febbraio. Disponibile su: http://www.rada.crimea.ua/act/11610 (consultato: 12 dicembre 2014).

Ru.wikipedia.org (2014a) “Novorossiya”. Disponibile su: https://ru.wikipedia.org/wiki/Новороссия (consultato: 12 dicembre 2014).

Ru.wikipedia.org (2014b) “Istoriya Kryma”. Disponibile su: https://ru.wikipedia.org/wiki/История_Крыма (consultato: 12 dicembre 2014).

Tyazhlov, I. (2014) ‘Na tom i stoyat’, Dialog.ua, 7 febbraio. Disponibile su: http://dialogs.org.ua/ru/periodic/page32265.html (consultato: 12 dicembre 2014).

Ukrainska pravda (2012) “Ukrainska mova vtrachae pozitsii v osviti ta knigovidanni, ale trimaet’sya v kinoprokati”, 9 novembre. Disponibile su: http://life.pravda.com.ua/society/2012/11/9/115486/ (consultato: 12 dicembre 2014).

Ukrainska pravda (2014) “Yushchenko pro Krym i Donbas: tam chuzhina chizhinoyu”, 26 dicembre. Disponibile su: http://www.pravda.com.ua/news/2014/12/26/7053324/ (consultato: 26 dicembre 2014).

Zerkalo nedeli (2014a) ‘Mnenie i vzglyady zhitelei Yugo-Vostoka Ukrainy: Aprel’ 2014,’ 18 aprile. Disponibile all’indirizzo: http://zn.ua/article/print/UKRAINE/mneniya-i-vzglyady-zhiteley-yugo-vostoka-ukrainy-aprel-2014-143598_.html (consultato il 12 dicembre 2014).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.