“L’ordine basato su regole” è una copertura per ambizioni egemoniche occidentali distruttive

Il futuro della pace e della sicurezza mondiale dipende dal fatto che la stragrande maggioranza delle nazioni riesca a sostenere le Nazioni Unite contro gli sforzi maligni dell’Occidente.

Da quando Joe Biden è diventato presidente degli Stati Uniti, la nuova amministrazione a Washington ha fatto ripetuti riferimenti all ‘“ordine basato su regole” nelle relazioni internazionali, accusando Russia e Cina di minare questo presunto ordine.

Questo è audace come un bracconiere che si nomina guardacaccia. Perché non c’è potere così disonesto e sconsiderato come gli Stati Uniti e i suoi vassalli occidentali quando si tratta di sviscerare il diritto internazionale. La litania di guerre illegali, nazioni distrutte e sanzioni economiche disumane ne sono una testimonianza.

Tuttavia, quello che sta succedendo qui è un audace lifting cosmetico per la stessa vecchia e brutta condotta. L’alta retorica dell’amministrazione Biden ha lo scopo di distinguere la nuova amministrazione dalla precedente Casa Bianca di Trump e dal suo mantra “America First”. Il presidente Biden e i suoi collaboratori stanno cercando di proiettare un apparente ritorno al multilateralismo in contrasto con il nazionalismo sfacciato di Trump. E così sentiamo molto parlare degli Stati Uniti che promettono di sostenere l’ordine basato sulle regole.

La differenza è puramente retorica. La realtà coerente è che gli Stati Uniti ei loro alleati occidentali stanno cercando di perseguire un approccio unilaterale alle relazioni internazionali. L’amministrazione Biden è solo un po’ più abile rispetto al Team Trump nelle pubbliche relazioni e nei media per coprire questa realtà delle ambizioni egemoniche americane.

Per non dimenticarlo, le ambizioni egemoniche sono un anatema per un ordine mondiale democratico basato sull’uguaglianza tra le nazioni e sul rispetto universale del diritto internazionale.

Questa settimana  il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha smascherato la farsa fatta nei commenti pubblici [dagli USA], in occasione di un incontro con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a Mosca.

Nella conferenza stampa ai media, Lavrov ha detto:

“Abbiamo notato che la Russia vede i tentativi di alcuni paesi occidentali di promuovere approcci unilaterali nell’elusione dei meccanismi collettivi stabiliti per lo sviluppo di soluzioni basate sul diritto internazionale, come una delle sfide chiave di oggi. Consideriamo [così] lo sviluppo di alcune regole fatte dietro le spalle della maggior parte [dei paesi] della comunità internazionale e poi di imporle agli altri come norme universali pratiche inaccettabili e pericolose “.

Lavrov ha proseguito con commenti più pungenti:

“Stiamo assistendo alla creazione di coalizioni e partnership situazionali al di fuori dell’ONU, che si arrogano il diritto di parlare e agire per conto di tutti gli altri”.

Questo era un velato riferimento agli Stati Uniti che cercavano di schierare il G7, la NATO, il Quad, i Five Eyes e così via, come strumenti geopolitici ostili per ostacolare Russia e Cina.

Ciò che sta accadendo a un ritmo accelerato sotto l’amministrazione Biden è altamente corrosivo per il diritto internazionale e minaccia la sicurezza globale. Le Nazioni Unite e l’architettura globale delle relazioni internazionali instaurate dopo la seconda guerra mondiale, vengono sostituite da una definizione di regole occidentale ad hoc.

Il cosiddetto “ordine basato su regole” in realtà è inteso con le regole definite dagli Stati Uniti e dai loro alleati che poi impongono gli altri di conformarsi all’ordine desiderato.

Come sottolinea Lavrov, ciò equivale a usurpare le Nazioni Unite, la Carta delle Nazioni Unite e il corpo di diritto internazionale già esistente , sostituendolo con un regime completamente nuovo definito dall’Occidente che viene poi imposto ad altri. Un tale risultato sarebbe una completa negazione dell’ordine che è esistito del dopoguerra . Lungi dall’essere “ordine”, è un tuffo nel disordine e nel confronto, simile a quello che ha preceduto l’ONU negli anni ’30 che ha portato alla guerra mondiale.

Russia, Cina e altre nazioni sono ben consapevoli dell’inganno perpetrato dagli Stati Uniti e dai loro alleati europei e occidentali.

La scorsa settimana in un discorso al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Lavrov ha chiarito ulteriormente la logica del fallimento delle potenze occidentali. Vale la pena citarlo. Ha detto:

“Rendendosi conto che è impossibile imporre le loro priorità unilaterali o di blocco ad altri stati nel quadro delle Nazioni Unite, i principali paesi occidentali hanno cercato di invertire il processo di formazione di un mondo policentrico e rallentare il corso della storia …

“A tal fine, il concetto di ordine basato su regole è avanzato come sostituto del diritto internazionale. Va notato che il diritto internazionale è già un insieme di regole, ma regole concordate su piattaforme universali e che riflettono il consenso o un ampio accordo.

L’obiettivo dell’Occidente è opporsi agli sforzi collettivi di tutti i membri della comunità mondiale con altre regole sviluppate in formati chiusi, non inclusivi, e poi imposte a tutti gli altri. Vediamo solo danni in tali azioni che aggirano le Nazioni Unite e cercano di usurpare l’unico processo decisionale che può rivendicare rilevanza globale “.

La suprema ironia è che le potenze occidentali che si definiscono virtuose, stanno accusando Russia e Cina di indebolire l ‘”ordine” internazionale quando sono loro che brandiscono un’ascia contro l’unico sistema veramente universale di multilateralismo – le Nazioni Unite e la Carta delle Nazioni Unite. La Carta, stabilita dopo la guerra nel 1945, impone a tutte le nazioni di rispettare l’eguale sovranità, di ripudiare la forza militare illegale senza l’autorizzazione del Consiglio di sicurezza dell’ONU e di desistere dall’interferire negli affari interni di altri stati.

L’uso unilaterale della forza militare e l’imposizione di sanzioni economiche  effettuato dagli Stati Uniti e dei propri alleati occidentali contro altre nazioni, è diventato una violazione eclatante e di routine della Carta delle Nazioni Unite .

Se gli Stati Uniti e gli altri credessero davvero nel sostenere le regole e l’ordine, allora si atterrebbero alle uniche regole di diritto internazionale universalmente riconosciute che già esistono come indicate nella Carta delle Nazioni Unite.

È siccome la Russia e la Cina sono abbastanza forti da insistere sulla Carta delle Nazioni Unite e sul diritto internazionale, gli stati Stati Uniti e  gli alleati occidentali sono costretti a elaborare altre regole per soddisfare i loro desideri egemonici dittatoriali. Esautorando de facto le Nazioni Unite, le potenze occidentali stanno mettendo in pericolo la sicurezza globale. Stanno cercando di riportare l’orologio indietro fino a ritornare alla legge dell’era della giungla, ridisegnando una situazione  simile agli anni ’30.

Il futuro della pace e della sicurezza mondiale dipende dal fatto che Russia, Cina e la stragrande maggioranza delle nazioni, riescano a sostenere le Nazioni Unite contro gli sforzi maligni dell’Occidente. Questa situazione descrive quanto è paradossale l’arrogante propaganda occidentale.

fonte: Strategic Culture

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.