l’Occidente vuole conservare un sistema violento e di profonda ingiustizia, ma il resto del mondo vuole cambiare

Intromissioni crescenti violente nella vita politica di paesi terzi, il ricorso a pratiche di intimidazione internazionale e di ricatto, hanno portato molti paesi – esclusi di fatto dalla cosiddetta “comunità internazionale” – a organizzarsi tra loro per decidere il loro futuro.

I paesi del Brics che stanno affluendo sempre più numerosi all’organizzazione non intendono più sottostare alla falsa retorica occidentale, interessata al solo mantenimento dello status Quo, nonostante la forte crisi interna morale e materiale.

L’articolo che segue è di Cradle:

G20 vs Brics+, gli equilibri che stanno cambiando radicalmente. Due gli eventi da mettere in risalto del G20, l’incontro tra Xi Jinping e Biden, e il comunicato finale.

L’incontro tra Xi e Biden non è avvenuto in campo neutrale, ma nella residenza della delegazione cinese a Bali. Scrive Pepe Escobar:

Il Ministero degli Affari Esteri cinese ha delineato in modo conciso ciò che conta davvero. Nello specifico, Xi ha detto a Biden che l’indipendenza di Taiwan è semplicemente fuori discussione. Xi ha anche espresso la speranza che la NATO, l’UE e gli Stati Uniti si impegnino in un “dialogo globale” con la Russia. Invece del confronto, il presidente cinese ha scelto di evidenziare gli strati di interesse comune e cooperazione.

La dichiarazione finale del G20 mostra una sorta di compromesso.  Per quanto il G20 si autodefinisca “il principale forum per la cooperazione economica globale”, impegnato ad “affrontare le principali sfide economiche del mondo”, il G7 all’interno del G20 di Bali ha visto il vertice de facto dirottato dalla guerra.Dopotutto, “Guerra” ottiene quasi il doppio del numero di menzioni nella dichiarazione rispetto a “cibo”.

L’occidente collettivo, compreso lo stato vassallo giapponese, era incline a includere la guerra in Ucraina e i suoi “impatti economici” – in particolare la crisi alimentare ed energetica – nella dichiarazione, senza offrire nemmeno una sfumatura di contesto, relativa all’espansione della NATO. Ciò che contava era incolpare la Russia di tutto.

Al punto 3 di 52, la dichiarazione “esprime il suo più profondo rammarico per l’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina e chiede il ritiro completo e incondizionato delle forze armate dal territorio dell’Ucraina”. Ad aggravare il quadro, abbiamo avuto il sinistro maestro di Davos Klaus Schwab che impersonava ancora una volta un cattivo di Bond al business forum B20 , vendendo la sua agenda Great Reset di “ricostruire il mondo” attraverso pandemie, carestie, cambiamenti climatici, attacchi informatici e – ovviamente – guerre.

Come se ciò non fosse già abbastanza minaccioso, Davos e il suo World Economic Forum stanno ora ordinando all’Africa – completamente esclusa dal G20 – di pagare 2,8 trilioni di dollari per “adempiere ai propri obblighi” previsti dall’accordo di Parigi per ridurre al minimo le emissioni di gas serra. È lecito affermare che il G20 potrebbe essere precipitato in un percorso irrecuperabile verso l’irrilevanza.

Anche prima dell’attuale ondata di vertice del sud-est asiatico – a Phnom Penh, Bali e Bangkok – Lavrov aveva già segnalato ciò che verrà dopo quando ha notato che “oltre una dozzina di paesi” hanno chiesto di aderire ai BRICS ( Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa).
Iran, Argentina e Algeria hanno formalmente presentato domanda: l’Iran, insieme a Russia, India e Cina, fanno già parte del Quad eurasiatico che conta davvero.
La Turchia , l’ Arabia Saudita , l’Egitto e l’Afghanistan sono estremamente interessate a diventare membri. L’Indonesia ha appena fatto domanda, a Bali. E poi c’è la prossima ondata: Kazakistan, Emirati Arabi Uniti, Tailandia (possibilmente applicando questo fine settimana a Bangkok), Nigeria, Senegal e Nicaragua. Tutto quanto sopra abbozza a malapena l’ampiezza e la profondità dei riallineamenti geopolitici e geoeconomici più avanti lungo la strada, che interessano ogni angolo del commercio globale e delle reti della catena di approvvigionamento.

L’ossessione del G7 di isolare e/o contenere i principali attori eurasiatici si sta rivoltando contro se stessa nel quadro del G20. Alla fine, è il G7 che potrebbe essere isolato dalla forza irresistibile dei BRICS+. https://thecradle.co/Article/Columns/18477

Exit mobile version