L’occidente è molto più aggressivo ora che ai tempi dell’Unione Sovietica

L'occidente è molto più aggressivo ora che ai tempi dell'Unione Sovietica 1

La NATO non è in guerra con la Russia, Mosca ha assunto un atteggiamento aggressivo se non per rispondere a regime change e sovvertimenti del diritto internazionale in varie parti del mondo ed in Europa. A tema, Russia Today riporta una notizia inspiegabile con normale ragionevolezza:

“A novembre, durante l’esercitazione delle forze strategiche statunitensi Global Thunder, dieci bombardieri strategici hanno praticato l’opzione di usare armi nucleari contro la Russia colpendo contemporaneamente dalle direzioni occidentale e orientale. Questa dichiarazione è stata fatta dal capo del ministero della Difesa russo Sergei Shoigu. Ha sottolineato che nelle condizioni attuali, lo sviluppo dell’interazione tra Russia e Cina è particolarmente importante.

“Notiamo una significativa intensificazione delle azioni dell’aviazione americana dei bombardieri strategici vicino ai confini della Russia. Nell’ultimo mese, ci sono stati circa 30 voli verso i confini della Federazione Russa, che è 2,5 volte di più rispetto al corrispondente periodo dell’anno scorso “, ha affermato nei colloqui con il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe, che hanno avuto luogo martedì, 23 novembre.

Shoigu ha sottolineato che durante l’esercitazione, gli aerei hanno elaborato l’opzione di utilizzare armi nucleari e che la distanza minima dal confine di stato russo era di 20 km.

“Cina e Russia sono partner strategici da molti anni. Oggi, in condizioni di crescente turbolenza geopolitica e aumento del potenziale di conflitto in diverse parti del mondo, lo sviluppo della nostra interazione è particolarmente importante “, cita il servizio stampa del Ministero della Difesa cita Shoigu.

Come affermato in precedenza, il presidente russo Vladimir Putin, i bombardieri della NATO volano a 20 chilometri dalla Russia.

Il 19 novembre, Shoigu ha informato Putin del successo dei pattugliamenti aerei da parte di aerei dell’aviazione a lungo raggio delle forze aerospaziali russe e dell’aviazione militare della Repubblica Popolare Cinese nella regione Asia-Pacifico”.

Ci si riferisce al pattugliamento aereo congiunto effettuato dai piloti delle forze aeree russe e dell’aeronautica militare del RPC. Il Giappone è stato il primo a pubblicare sui suoi media materiali che rivelano le rotte di volo del gruppo congiunto russo-cinese di vettori missilistici a lungo raggio, che ha recentemente risolto i compiti assegnati nella “zona di identificazione” della difesa aerea della Terra del Sol Levante e Corea del Sud. In totale, i partner hanno coinvolto almeno 18 velivoli.

Voli simili delle forze aerospaziali russe e dell’aeronautica militare del PLA sono già stati effettuati, ma questo volo ha seriamente allertato gli osservatori militari stranieri, costringendoli a cercare risposte a una situazione che non era mai stata osservata prima. Il fatto è che su una delle sezioni del percorso, due bombardieri portamissili cinesi N-6K, andando in gruppo con due Tu-95MS russi, hanno attraversato lo spazio aereo della Federazione Russa nel sud del Territorio di Primorsky. Di conseguenza, per la prima volta, anche i vettori missilistici russi hanno attraversato lo spazio aereo della Cina

Allo stato attuale, sia la Russia che la Cina negano l’esistenza di accordi militari sanciti sulla carta, pur continuando a dimostrare eventi altamente coordinati nel luogo e nel tempo.

Questo purtroppo è il solo linguaggio recepito dalla parte occidentale. Può sembrare strano, ma quanto più questa cooperazione avverrà, tanto più si allontanerà lo spettro della guerra.

Vp News

Exit mobile version