Lo strangolamento della Siria – e dell’Iran

Quando la Russia è arrivata in aiuto alla Siria nel settembre 2015, una delle prime cose che ha fatto è stato quello di colpire e distruggere il fiorente settore dell’esportazione petrolifera dello Stato islamico, bombardando migliaia di petroliere che portano il petrolio dai campi orientali della Siria oltre il confine nord-orientale in Turchia. L’enorme portata di questo furto di petrolio è sfuggita ai report dei media e delle istituzioni occidentali e non ha incontrato alcuna resistenza misurabile da parte delle forze NATO nonostante la loro presenza nella regione con il pretesto di combattere l’organizzazione terroristica dell’ISIS.

Due mesi dopo, al vertice del G20 tenutosi ad Antalya, in Turchia ilo presidente russo Vladimir Putin ha espresso le sue opinioni su questo che è il più rivelatore di fallimenti , mentre il ministero degli Esteri russo ha pubblicato foto aeree e video di questo oleodotto virtuale . L’evidente collaborazione della Turchia in questa operazione con l’ISIS , è avvenuta sia per consentire l’esportazione di petrolio dal suo terminale di Ceyhan, sia in cambio per facilitare la spedizione di armi e forniture all’ISIS : difficilmente questi fatti  potrebbero essere negati – quindi sono stati ignorati.

Impauriti dall’agire della Russia [e dalle evidenze portate al G20], gli Stati Uniti hanno lanciato il proprio assalto contro i convogli di autobotti pochi giorni dopo la riunione del G20, mentre tentavano di riprendersi dall’immobilismo lasciavano cadere dagli aerei volantini di avvertimento prima che cadessero le bombe e pubblicavano filmati dei droni che mostravano autisti che lasciavano i loro camion. Come ogni altra operazione USA contro ISIS in Siria, il valore della propaganda era la prima considerazione, con la distruzione di un centinaio di petroliere. Nulla di più poteva essere attuato, visto il lungo coinvolgimento delle imprese statunitensi nel furto di petrolio e nell’esportazione da oltre confine in Iraq, e il desiderio di estendere il loro controllo in Siria. Secondo l’articolo di cui sopra, l’ISIS ha guadagnato $ 100 milioni dalle vendite di petrolio nel 2014, secondo il Tesoro degli Stati Uniti. 

Esportazioni di petrolio ISIS Nov 2015 60868

* (Le arterie per il furto di olio di IS dalla Siria attraverso la Turchia. La foto è stata presa dai media russi nel dicembre 2015.)

Mentre l’interferenza della Russia  a est dell’Eufrate era una battuta d’arresto per il Califfato, tutto questo è stato presto seguito da un’intensificata spinta delle forze che agivano su delega statunitensi per prendere il controllo dei giacimenti petroliferi della Siria dall’ISIS, e proteggerli dall’esercito siriano e i suoi alleati. Il bombardamento Usa dei ponti sull’Eufrate a sud di Raqqa e a ovest di Deir al Zour era sia un crimine di guerra che un segnale dell’intento degli Stati Uniti; se la Siria avesse voluto il proprio territorio, i soldati siriani avrebbero dovuto soffrire e morire per questo. E così fecero, ma senza ottenere guadagni permanenti.

Per quanto concerne la Siria, la situazione riguardante sia il suo territorio che l’accesso alle proprie risorse di carburante continua a deteriorarsi, laddove quella degli Stati Uniti e delle sue forze sostitutive continuano ad aumentare e consolidarsi. Una recente e lunga analisi delle risorse siriane di un accademico americano, il dott. Gary Busch, presenta così la situazione:

C’è una grande battaglia in corso per il controllo dell’industria petrolifera e del gas siriana tra gli Stati Uniti, i russi, gli iraniani e i turchi. (NB non i siriani!) Gli Stati Uniti operano attraverso le forze curde del SDF nella regione che controlla i giacimenti petroliferi nel nord-est del paese. Contiene il 95% di tutto il potenziale del petrolio e del gas siriano, tra cui al-Omar, il più grande giacimento petrolifero del paese. Prima della guerra, queste risorse producevano circa 387.000 barili di petrolio al giorno e 7,8 miliardi di metri cubi di gas naturale all’anno. Tuttavia, in modo più significativo, quasi tutte le riserve petrolifere siriane esistenti, stimate in circa 2,5 miliardi di barili, si trovano nell’area attualmente occupata dai curdi e dall’SDF.

L’SDF e i curdi hanno un vantaggio. Non solo vendono petrolio ad Assad, sono in grado di portare il petrolio siriano attraverso il Kurdistan iracheno, dove possono essere raffinati e spediti attraverso l’oleodotto di Ceyhan ai mercati mondiali senza sanzioni.

Mentre il gas scorre ancora verso la Siria e mantiene operative le sue centrali, le riserve di petrolio disponibili nel controllo siriano a ovest dell’Eufrate forniscono solo circa 25.000 barili al giorno. Whitney Webb ha descritto il controllo – o l’estorsione – degli Stati Uniti dell’accesso del governo siriano alle proprie risorse nell’aprile dello scorso anno, rilevando il coinvolgimento di società energetiche collegate all’amministrazione statunitense:

Con gli Stati Uniti che ora occupano l’area, il petrolio e il gas prodotti in questa regione stanno già avvantaggiando le società energetiche statunitensi a cui Trump e la sua amministrazione hanno numerosi legami . Secondo Yeni Şafak , gli Stati Uniti insieme ai sauditi, all’Egitto e ai funzionari curdi hanno tenuto riunioni in cui sono state prese decisioni per estrarre, elaborare e commercializzare i combustibili fossili raccolti nella regione, dando ai curdi una bella fetta dei profitti.

Il Kurdistan della Siria esporta il suo petrolio nel Kurdistan iracheno, con il quale condivide convenientemente un confine, e viene quindi raffinato e venduto alla Turchia. Sebbene nessuna società sia coinvolta pubblicamente, l’accordo tra i curdi siriani e iracheni è stato mediato da “esperti del petrolio” e “investitori petroliferi” senza nome. I curdi in Siria e Iraq non hanno nemmeno firmato l’accordo di persona. Successivamente sono stati “informati” dell’accordo dagli Stati Uniti e incaricati di supervisionare l’operazione.

Dato che oltre 80 compagnie straniere sono coinvolte nel commercio petrolifero del KRG, molte delle quali basate negli Stati Uniti, possiamo tranquillamente presumere che molti degli stessi player siano stati coinvolti nello sviluppo del commercio petrolifero del Kurdistan siriano. La ExxonMobil, ad esempio, ha negoziato unilateralmente un accordo petrolifero con i curdi iracheni alle spalle del governo iracheno e ha manifestato interesse a sviluppare interessi petroliferi siriani nella porzione del paese attualmente occupato dagli Stati Uniti.

Dovrebbe, naturalmente, essere notato che “il Kurdistan siriano” non è un’entità riconosciuta dal governo siriano e non ha autorità per estrarre e vendere il petrolio siriano, anche al governo siriano. Ma “il Kurdistan siriano” costituisce l’altra metà del “Sunnistan” di John Bolton quando combinato con l’area ricca di risorse dell’Iraq settentrionale conquistata dagli interessi degli Stati Uniti dopo la Guerra del Golfo del 1990 e consolidata dopo il 2003 sotto il controllo curdo. Whitney Webb di nuovo, descrive il background e le prospettive della visione maligna di Bolton in questo articolo di sei mesi fa, che potrebbe ora essere definito profetico.

La campagna condotta da Bolton contro l’Iran sembra non essere più intensa verso il punto di rottura dopo gli attacchi di petroliere e imminenti attacchi statunitensi alle difese iraniane in seguito all’abbattimento del drone da parte dell’Iran, ma sembra che gli Stati Uniti abbiano appena creato un’altra trappola per attirare L’Iran in guerra. Questo incidente ha fatto appena la notizia, perché l’Iran non ha abboccato e la pioggia è caduta sulla parata di Trump; Moon of Alabama propone quello che sembra la probabile e preoccupante  spiegazione circa un volo degli Stati Uniti in territorio iraniano nel Golfo, avvenuto in concomitanza del 31 anniversario della attacco dell’ USS Vincennes su un aereo di linea iraniano .

L’ anniversario del 3 luglio suggerisce che questa seconda provocazione estrema dagli Stati Uniti è stata programmata in concomitanza con il giorno dell’Indipendenza [per colpire l’orgoglio nazionale del popolo americano e rendere più accettata una rappresaglia] . La traiettoria dell’aereo [con equipaggio] dell’intelligence del segnale USAF  – che stava inviando un falso segnale identificatore con il trasponder] – ha portato  l’aereo direttamente su due isole iraniane in cui esistono installazioni missilistiche a guardia dello Stretto di Hormuz. È difficile vedere qualsiasi spiegazione per questa azione se non come un tentativo diretto di trascinare l’Iran in guerra. Nonostante il suo fallimento, l’intento maligno del regime USA non può ora essere messo in dubbio.

Tuttavia, nello stesso momento in cui ciò stava avvenendo, un’altra azione è stata messa in atto contro l’Iran nello stretto di Gibilterra. In un’azione a lungo pianificata e immediatamente celebrata dal genio John Bolton, gli Stati Uniti hanno sferrato un doppio colpo ai propri antagonisti in Medio Oriente. Quello che sembrava essere più un’azione contro l’Iran, il sequestro di 2 milioni di barili – per il valore di 120 milioni di dollari – di petrolio iraniano, era stato giustificato con il rafforzare le sanzioni occidentali contro la Siria.  Nello stesso tempo l’UE è stata utilizzata dagli Stati Uniti per legittimare le sue azioni illegali contro l’Iran. In entrambi i casi, ciò facilita l’occupazione e lo sfruttamento in corso degli Stati Uniti delle risorse petrolifere siriane e irachene e lo sviluppo dell ‘”ex Califfato” come testa di ponte strategica regionale per la campagna di riconquista dell’Iran.

La strategia globale, uno strangolamento efficace per mettere la Siria in ginocchio – dove i proiettili hanno fallito, è ben descritta dal gruppo affiliato all’opposizione siriana Enab Baladi:

L’analista economico Munaf Quman ha aggiunto in un’intervista a Enab Baladi: “Se gli Stati Uniti impediscono alla SDF di rifornire il regime di camion petroliferi, e se qualsiasi terra o spedizione marittima di petrolio destinata alla Siria dall’Iran viene presa di mira, il regime verrà lasciato solo con i campi e i pozzi sotto il proprio controllo, che sarebbero sufficienti a coprire solo una piccola parte dei suoi bisogni. Di conseguenza, il paese dovrà affrontare un aumento significativo dei prezzi dei prodotti alimentari e una svalutazione della lira siriana “.

Il mercato siriano ha bisogno di un minimo giornaliero di 4,5 milioni di litri di benzina, sei milioni di litri di gasolio, settemila tonnellate di carburante e 1.200 tonnellate di gas, ha detto a Enab Baladi il presidente della Task Force economica siriana, Osama Kadi.

Se ciò sarà realizzato, permetterà alla SDF di imporre le proprie condizioni politiche nei negoziati con il regime, dopo lunghe discussioni tra le due parti, durante l’anno precedente, che non hanno portato ad alcun accordo.

Tuttavia, Kadi ritiene che gli SDF siano solo uno strumento americano in Siria. Non possono violare gli ordini degli Stati Uniti, e qualsiasi processo di negoziazione che conducono con il regime sarà strettamente monitorato dagli americani. Questa è una prova della gravità delle sanzioni economiche per spingere verso una soluzione politica, come dice Kadi. Ha sottolineato che l’arteria di combustibili proveniente dalle regioni orientali che può alleviare la crisi è una carta con cui gli americani spingono il regime ad accettare la soluzione politica.

Forse dovremmo cominciare a pensare a cosa potremmo offrire agli iraniani quando cominceranno a soffocare la nostra linfa vitale economica che passa attraverso lo stretto di Hormuz. Un ritiro completo e immediato delle forze della coalizione degli Stati Uniti e dei loro proclami dall’Iraq, dalla Siria e dall’Afghanistan sarebbe il minimo che potrebbero accettare.

 

Source link